Discussione:Trabucco (pesca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Differenze tra "Trabucco" e "Trabocco"[modifica wikitesto]

Secondo me è un errore grossolano raccogliere in un unico articolo questi due sistemi di pesca. Essi, anche se in apparenza simili, hanno origini totalmente diverse e sono collocati in due zone geografiche differenti.

Il trabucco è stato portato dai fenici ed è presente nelle coste pugliesi, soprattutto in quelle del Gargano, mentre il trabocco ha origini più recenti (stime parlano del XVI-XVII secolo) ed era usato per la pesca da famiglie provenienti dall'Europa continentale trasferitesi nella costa abruzzese.

Sono diverse anche le strutture delle due costruzioni: mentre nel trabucco la "cabina" poggia sulla terraferma (su scogli, promontori, porti...), nel trabocco essa è posta sull'acqua a circa 20-30 metri dalla costa, poggiata su delle travi.--xylon 17:18, 25 gen 2007 (CET)

trabocco abruzzese[modifica wikitesto]

Non conosco il trabucco garganico ma conosco invece quello abruzzese anche perchè ne costruiremo uno a breve...

Il trabocco della costa teatina venne importato da una famiglia di origine ebraica del XV sec (fam. Verì).[1] La struttura viene costruita con un albero di origine americana introdotto con la scoperta dell'america (noi in dialetto lo chiamiamo lu spincaccie)legno altamente resistente. Ora non so se i due attrezzi sono dello stesso ceppo o hanno oriine diverse ma cmq quel che importa è la particolarità con cui vennero usati...gli abruzzesi pastori di vocazione, importarono questo attrezzo dal medio oriente e dal momento che vennero istallati nella costa teatina ebbero un peso forte nella società di allora specialmente nei paesi confinanti col mare adriatico (i dieci comuni della costa teatina). Io so anche i Verì esportarono la costruzione di questi trabocchi anche nel versante tirrenico ma sinceramnte non conosco le origini dei trabucchi.

Note[modifica wikitesto]

  1. ^ Trabocchi, Traboccanti e Briganti. Edizioni Menabò, Libreria D'Abruzzo, Ortona CH

unione[modifica wikitesto]

--AnjaManix (msg) 03:25, 26 giu 2008 (CEST)

Chiarimento[modifica wikitesto]

Trabocco o travocco è semplicemente la pronuncia abbruzzese di trabucco[senza fonte], sistema di pesca importato dalle coste garganiche in Abruzzo a partire dal periodo della fine dell'isolamento geografico del Gargano (fine del XIX secolo). --Theirrulez (msg) 00:01, 6 feb 2010 (CET)

Dal vocabolario della lingua italiana Zingarelli: Trabocco: [...] (pesca) Specie di grande bilancia calata obliquamente in mare, in modo che il lato vicino a terra rimanga a pelo dell'acqua...
Mentre alla voce Trabucco: v. trabocco.
Non vengono citati dialetti, sono due parole della lingua italiana, mentre travocco è effettivamente utilizzato nel dialetto abruzzese, dove la 'o' finale viene spesso omessa. --Lanciano (msg) 17:08, 6 feb 2010 (CET)

Confusione[modifica wikitesto]

mi sa che c'è un grosso errore...i trabucchi pugliesi e quelli molisani e abruzzesi sono sostanzialmente diversi nel funzionamento....qui non è specificato...quelli abruzzo-molisani sono a bilancia e non si basano sulla "motrice" mossa a mano (un tempo) come quelli garganici...correggetemi se sbaglio Domenico S. Antonacci (msg) 20:18, 12 apr 2010 (CEST)

Corretto. Ma non è un "grosso errore", basta specificarlo.--Theirrules yourrules 17:58, 19 apr 2010 (CEST)

non vedo nessuna correzione..Domenico S. Antonacci (msg) 13:18, 20 apr 2010 (CEST)

riporto: Devo dire che solo a Peschici e Vieste noi abbiamo i trabucchi, per il resto delle coste meridionali non troviamo che un’imitazione deteriore con una strutturazione tecnica diversa: è la bilancia, nella zona del basso Adriatico, a Vasto e a Termoli. A differenza dei tra- bucchi, le bilance hanno un solo argano, lo azionano elettricamente, anche quando il mare è perfettamente tranquillo. La rete è solo la decima parte di questa. A Termoli le bilance hanno al massimo due antenne.

I TRABUCCHI DELLA COSTA GARGANICA a cura di TERESA MARIA RAUZINO, RITA LOMBARDI,RAFFAELA SPECCHIULLI, IGNAZIO POLIGNONE

PROGETTO HABITAT I.R.R.E. PUGLIA MARI DA SCOPRIRE TERRE DA INVENTARE Istituto Superiore “Mauro Del Giudice” Rodi Garganico – Di trabucco in trabucco

Basta?!direi che la fonte c'è,posso procedere alla modifica della pagina tranquillamente?

Domenico S. Antonacci (msg) 13:18, 20 apr 2010 (CEST)


Citazione[modifica wikitesto]

Cito testualmente dalla pagina di discussione del buon Lanciano: (che spero non mi voglia accusare di violazione del copyright, visto che il passaggio che cito l'ho scritto io ;)

...Giuste osservazioni. Mi sembrano legittime le correzioni sintattiche. Per quanto riguarda le voci correlate, che mi sono preso la briga di spostare dopo le note in osservanza delle linee guida a riguardo, il criterio è subito spiegato: ho posto nelle prime posizioni, per importanza, le entità amministrative o territoriali più vaste, cioè Gargano, l'omonimo Parco nazionale, e la Costa dei Trabocchi. Quest'ultima definizione, per l'esattezza, fa riferimento ad un entità sovracomunale di recente costituzione, cioè l'associazione di Comuni della Frentania e Costa dei Trabocchi, istituita legittimamente ai sensi delle norme dell nostra Costituzione e delle direttive europee. Fanno seguito, nella lista delle voci, i comuni stessi, in ordine alfabetico. L'ordine d'importanza, peraltro, segue il grado di diffusione (sia attuale, che storica) nei vari comuni e nelle varie zone, e spiega quell' impostazione del paragrafo che è stata erroneamente tacciata di essere sbilanciata.

I dati sulla diffusione, ufficiosi ma facilmente verificabili, indicano che nella provincia di Foggia sono presenti circa 33 trabucchi censiti, quasi 40 ufficiosi, pressochè tutti funzionanti, ma soprattutto tutti di antica costruzione, molti dei quali, perfettamente conservati, mostrano ancora argani e antenne risalenti all'ottocento o addirittura alla fine del '700 . Questi trabucchi, esemplari molto più grandi per dimensioni degli omologhi molisani ed abruzzesi, sorgono esclusivamente su punte rocciose, presentano una piattaforma sospesa anche più di 9 metri sul livello del mare. Vantano tripli, a volte quadrupli sitemi di doppie antenne, che si allungano in sospensione fino a trenta metri verso il largo, ricavate da tronchi unici di pini d'aleppo. Sono stati dichiarati monumento dall'ente Parco Nazionale del Gargano e come tali sono tutelati.

I trabucchi molisani ed i trabocchi abruzzesi hanno caratteristiche costruttive diverse, dovute evidentemente alla diversa conformazione del territorio costiero. Di dimensioni leggermente contenute, presentano una passerella che li collega alla terraferma ed hanno solitamente una piattaforma posizionata al massimo un paio di metri dalla superficie dell'acqua, coperta da una tettoia o addirittura una cabina chiusa. Sono quasi tutti di costruzione risalente agli ultimi decenni, tranne quelli fedelmente restaurati o ricostruiti sul sito dove sorgevano esemplari presenti anche ottant'anni fa. In Abruzzo, da Pescara fino al confine con il Molise, si contano circa 17 trabocchi, mentre solo 2 in provincia di Campobasso, entrambi a Termoli.

Rimango dell'opinione che i trabucchi siano un patrimonio della cultura, dell'architettura e della tradizione italiana, indipendente dalla loro localizzazione. La ringrazio per averli a cuore quanto me...

--Theirrules yourrules 13:57, 21 apr 2010 (CEST)

forse non ci stiamo capendo...quello che voglio intendere è che nella voce non c'è scritto questo:

per il resto delle coste meridionali non troviamo che un’imitazione deteriore con una strutturazione tecnica diversa: è la bilancia, nella zona del basso Adriatico, a Vasto e a Termoli. A differenza dei tra- bucchi, le bilance hanno un solo argano, lo azionano elettricamente, anche quando il mare è perfettamente tranquillo. La rete è solo la decima parte di questa. A Termoli le bilance hanno al massimo due antenne

inoltre,da quello che ho letto io,i trabucchi sul gargano non esistono dal 1700 addirittura,ma dalla fine dell' '800..

Domenico S. Antonacci (msg) 18:07, 21 apr 2010 (CEST)