Discussione:Scienze dell'educazione e della formazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Forse sbaglio ma alcuni punti della voce mi sembrano sbilanciati verso un'immagne smaccatamente positiva di questo indirizzo. Credo sarebbe meglio limare espressioni come "l'emergere di una domanda diffusa di educazione" e "risponde a queste sfide". Oltre a essere generiche (l'esigenza di chi? perché sfide?), rischiano imho di dare una valenza poco obiettiva e enciclopedica alla voce. L'incipit, in particolare, dovrebbe secondo me descrivere in breve il tipo d'indirizzo invece che proporre una giustificazione alla sua nascita. --ARIEL (giallesabbie) 17:13, 2 dic 2006 (CET)

In parte hai ragione ma il nostro obiettivo non era certo una "promozione" di questo corso di laurea quanto una presentazione degli obbiettivi didattici e dei suoi sbocchi professionali. Abbiamo però anche voluto accennare,in maniera sintetica ma chiara, al motivo della nascita di quest'indirizzo ,illustrando anche i contesti nei quali c'è bisogno di educazione. Abbiamo inoltre spiegato perchè nella società odierna vi è la necessità di un'adeguata formazione professionale di chi opera nel Terzo Settore. Utente:Federico Rosso

Ho riscritto la voce. Ho eliminato il testo copiato da http://www3.unicatt.it/unicattolica/facolta/opuscoli/2006_2007/guidaScForm.pdf=1 (praticamente tutta la voce era stata copiata) e ho inserito l'introduzione dopo averla tradotta dalla wiki inglese. --Freddyballo 19:16, 31 dic 2006 (CET)

Cronologia cancellata[modifica wikitesto]

# 19:15, 31 dic 2006 . . Freddyballo (Discussione | contributi | blocca)
# 19:14, 31 dic 2006 . . Freddyballo (Discussione | contributi | blocca) (Come sospettavo: è copiato da http://www3.unicatt.it/unicattolica/facolta/opuscoli/2006_2007/guidaScForm.pdf)
# 19:10, 31 dic 2006 . . Freddyballo (Discussione | contributi | blocca)
# 19:10, 31 dic 2006 . . Freddyballo (Discussione | contributi | blocca) (Aiutata con definizione iniziale, ma è vero: rimane l'impostazione propagandistica e assolutamente non enciclopedica. Inoltre sembra copiato da qualche parte.)
# 22:43, 15 dic 2006 . . Personline (Discussione | contributi | blocca) (Ripristino alla versione 5685953 datata 2006-12-02 16:06:26 di Ariel tramite popup)
# 22:41, 15 dic 2006 . . 217.200.200.54 (Discussione | blocca) (Eliminate frasi nnpov)
# 17:06, 2 dic 2006 . . Ariel (Discussione | contributi | blocca) (+nNPOV)
# 16:58, 2 dic 2006 . . Federico Rosso (Discussione | contributi | blocca) (Modifica minore)
# 16:54, 2 dic 2006 . . 217.200.200.52 (Discussione | blocca)
# 16:48, 2 dic 2006 . . 217.200.200.52 (Discussione | blocca) (Modifica)
# 21:12, 1 dic 2006 . . Federico Rosso (Discussione | contributi | blocca)
# 18:39, 1 dic 2006 . . Gacio (Discussione | contributi | blocca) (da wikificare)
# 18:35, 1 dic 2006 . . Gacio (Discussione | contributi | blocca) (ha spostato Scienze dell'Educazione a Scienze dell'educazione: nome comune -> minuscola)
# 22:34, 30 nov 2006 . . Federico Rosso (Discussione | contributi | blocca)
# 22:29, 30 nov 2006 . . Federico Rosso (Discussione | contributi | blocca) (Ricrazione voce)
--Pietrodn · blaterami 14:32, 4 gen 2007 (CET)

Parte esistente qui prima dell'unione delle cronologie[modifica wikitesto]

Ragazzi, qui non c'è stato nessun vandalismo. La voce si riferisce alle scienze della formazione in quanto scienze, non alle facoltà universitarie denominate "Scienze della formazione", e come tale rimanda a Scienze dell'educazione.
Inoltre, nel 1995 non fu istituita la laurea in scienze della formazione in sostituzione del vecchio Magistero. Le facoltà di Magistero furono trasformate in Scienze della formazione e i loro vecchi corsi di laurea (Pedagogia, Materie letterarie, Lingue e letterature straniere moderne) furono posti a esaurimento. Lo stesso dicasi per gli istituti universitari di magistero, trasformati in istituti universitari a ordinamento speciale o università degli studi.
Alcuni atenei, non volendo trasformare le facoltà di Magistero in facoltà di Scienze della formazione, ne deliberarono l'abolizione. Fu il caso ad esempio della Sapienza di Roma, dove la facoltà di Magistero, soppressi i suoi propri corsi di laurea, era rimasta con il solo corso di laurea in Sociologia (attivabile, secondo tabella ministeriale, in una delle seguenti facoltà: Lettere e filosofia, Magistero, Scienze politiche). Pertanto gli organi collegiali, ottenuta l'autorizzazione ministeriale a istituire una nuova facoltà, ne decretarono l'abolizione, che lasciò spazio alla facoltà di Sociologia, la quale ne assorbì il personale, le strutture e gli organi. Anche all'Università di Urbino successe una cosa simile.
Laddove invece le facoltà di Scienze della formazione furono istituite (con la possibilità di immatricolazione per gli studenti con maturità magistrale senza anno integrativo, dal momento che rappresentavano giuridicamente una continuazione delle facoltà di Magistero), in esse trovarono spazio due corsi di laurea del tutto nuovi: Scienze dell'educazione, con tre indirizzi, concepito come innovazione di Pedagogia, e Scienze della formazione primaria, con due indirizzi, in vista della riforma (attuata solo nel 2003, con la legge numero 53) in base alla quale per insegnare nelle scuole del grado preparatorio e nelle scuole dell'istruzione primaria sarebbe stata necessaria la laurea. A questi si aggiunsero in alcune sedi corsi di laurea in Psicologia (attivabili secondo tabella ministeriale presso le facoltà di Magistero/ScForm e Lettere e filosofia) e in Scienze della comunicazione (attivabili secondo tabella ministeriale presso le facoltà di Magistero/ScForm, Lettere e filosofia, Scienze politiche, Sociologia), nonché i diplomi universitari previsti dalla tabella XL (quella del CdL in ScCom).
Sino alla riforma di cui al decreto ministeriale 509/1999, nota come 3+2, non è mai stato istituito un corso di laurea denominato "Scienze della formazione". La riforma prevede una classe di lauree, la numero 18, denominata "scienze dell'educazione e della formazione" e nell'àmbito di questa classe nessun ateneo ha mai attivato un corso di laurea così denominato. Quello che ci si avvicina di più si chiama "Scienze della formazione continua" ed è stato attivato dalla facoltà di Lettere e filosofia dell'Università degli studi di Foggia.Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 84.223.195.241 (discussioni · contributi) 14:40, 24 mar 2007.

Voce "Scienze dell'educazione" nelle altre lingue[modifica wikitesto]

Questa voce italiana è collegata in modo inopportuno alle voci in lingue straniere. Cliccando sull'inglese nella colonna "Altre lingue", si apre la voce "Science education", che è la specifica branca che si occupa della didattica delle materie scientifiche. Allo stesso modo le voci in ebraico e in portoghese non sono l'equivalente di quella italiana (le altre lingue non le conosco, dunque non sapre dire). Suggerirei di collegare "Scienze dell'educazione" alla voce inglese "Educational researh", che mi sembra il corrispettivo più adatto. Distinti saluti,

David ZotanQuesto commento senza la firma utente è stato inserito da 93.39.41.27 (discussioni · contributi) 17:20, 3 gen 2011.