Discussione:Magistratura italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Magistratura: retribuzioni?[modifica wikitesto]

Le tabelle sugli stipendi vanno riviste sono sicuramente più alti, considerato che sullo stipendio di primo presidente della cassazione è parametrato quello die parlamentari

>vanno solo coordinate le molteplici fonti di cui alle note ed il corpo del paragrafo, tenuto conto che la legge Mastella del 2007 ha abbreviato le carriere, per cui i dati ante 2007 non sono più attuali e andrebbero rimossi. La legge 111/2007 contiene una tabella salariale, ma essa va attualizzata al 2010. (vedo che le note 2,4, 7 sono significative sia sul tabellare sia sulle indennità). Qui invece un confronto storico tra differenti categorie. --87.19.166.121 (msg) 19:43, 15 ago 2010 (CEST)
qui è meglio http://www.coe.int/t/dghl/cooperation/cepej/events/OnEnParle/DossierAnm.pdf

qualcuno dovrebbe aggiornare le tabelle....

Magistratura: organo costituzionale?[modifica wikitesto]

ma la magistratura è o no un organo costituzionale?

Le fonti sono quelle della costituzione italiana relativamente agli organi costituzionali http://it.wikipedia.org/wiki/Organi_costituzionali e in particolare l'ert. 104 della costituzione che recita "La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere".

(ti invito a firmare gli interventi con ~~~~ e dare una letta a Aiuto:Discussioni in maniera da comunicare efficientemente con gli strumenti a disposizione)
non sono certo un esperto, avendo solo studiato diritto costituzionale 20 anni fa, ma (consentimi) non mi pare lo sia nemmeno tu da come ti esprimi: "organo costituzionale" è una definizione dottrinaria, non è presente nella costituzione, per cui citare la c.i. come fonte non ha alcun senso. IMVHO (ma è pertinenza di chi ne capisce davvero) la questione dovrebbe essere trattata in una sezione con i dovuti distinguo e riferimenti. --[[Utente:Riccardo.fahttp://it.wikipedia.org/wiki/Organi_costituzionalibris|Riccardo.fabris]] (msg) 11:34, 2 lug 2010 (CEST)
questa fonte afferma che la Magistratura è un organo costituzionale. Prima di modificare ulteriormente la voce, prego linkare fonti attendibili. --Ask21 (msg) 12:03, 2 lug 2010 (CEST)
Per risponderti al volo, per il poco che ricordo se vai a leggerti la GU i concorsi per la Corte Costituzionale li trovi sotto una sezione "Organi Costituzionali", quelli per magistrato ordinario no (da verificare), fonti contrarie ne prendo una a caso con google: http://www.senato.it/link/29413/29414/genpaginalista.htm. In sostanza mi ripeto: temo la questione vada risolta da compilatori al corrente della dottrina (e probabilmente con un paio di righe o sezioncina piuttosto che con un sì o con un no), non a suon di fonti citate da chi non ne sa. --Riccardo.fabris (msg) 12:30, 2 lug 2010 (CEST)

Bhè... quella del Senato non dovrebbe essere una "fonte a caso". Il problema sostanziale è la contrapposizione che c'è tra questa pagina che afferma che la magistratura è un organo costituzionale e la pagina degli organi costituzionali che non la mensiona. Sembrerebbe invece che la magistratura faccia parte del CSM che è un Organo di rilievo costituzionale. --109.116.150.35 (msg) 14:02, 2 lug 2010 (CEST)

ovviamente no, il CSM è un organo distinto di cui fanno parte anche non togati--Riccardo.fabris (msg) 15:00, 2 lug 2010 (CEST)

Torno alla base per questioni più generali. Dando una veloce letta alla pagina mi pare sia molto formale e manchino punti ovvi, visto che si parla di "magistratura italiana", p.e. comparazioni con paesi vicini e simili per ordinamento (Francia, Germania). Immagino possano dare adito a dispute, però un paio di punti (es.l'abolizione della gerarchia interna e il fatto che dopo il breve tirocinio un neomagistrato sia totalmente autonomo, caratteristiche che sono in buona misura "anomalie italiane") potrebbero essere svolti senza rischiare il POV sul nervo scoperto dei rapporti magistratura/politica e supportandoli con fonti anche precedenti a Mani Pulite, es.scritti di Di Federico fine anni '80. PS oh mamma, noto solo ora che il template {{Politica Italia}} presente nella pagina non riporta "magistratura" tra gli organi costituzionali.... --Riccardo.fabris (msg) 15:00, 2 lug 2010 (CEST)

Infatti tra gli organi costituzionali nella sezione di dx non è riportata la magistratura a differenza di quanto riportato nella Voce. --109.116.172.198 (msg) 15:48, 2 lug 2010 (CEST)

> sì, è organo costituzionale in quanto è notorio che il singolo magistrato può sollevare il conflitto di attribuzioni con un altro potere dello Stato, sebbene la dottrina sia divisa. Lo stesso per il CSM. In tal senso, per esempio, Spagna-Musso e il CSM stesso. --87.19.166.121 (msg) 19:43, 15 ago 2010 (CEST)

io ho appena studiato gli organi costituzionali e viene detto espressamente che sono: presidente della repubblica, parlamento, governo, elettorato, e corte costituzionale

___________________________________________________________

Ragazzi, la magistratura non è assolutamente un organo costituzionale, sul sito del senato non è presente: http://www.senato.it/link/29413/29414/genpaginalista.htm. Su svariati libri e siti di diritto che ho consultato non è presente e NEANCHE nell'articolo 104 della costituzione (come dice nella voce) è scritto che è un organo costituzionale. Riporto per conoscenza l'articolo integrale: La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere.

Il Consiglio superiore della magistratura è presieduto dal Presidente della Repubblica. Ne fanno parte di diritto il primo presidente e il procuratore generale della Corte di cassazione. Gli altri componenti sono eletti per due terzi da tutti i magistrati ordinari tra gli appartenenti alle varie categorie, e per un terzo dal Parlamento in seduta comune tra professori ordinari di università in materie giuridiche ed avvocati dopo quindici anni di esercizio. Il Consiglio elegge un vicepresidente fra i componenti designati dal Parlamento. I membri elettivi del Consiglio durano in carica quattro anni e non sono immediatamente rieleggibili. Non possono, finché sono in carica, essere iscritti negli albi professionali, né far parte del Parlamento o di un Consiglio regionale.

Come potete vedere non viene assolutamente detto che è un organo costituzionale. Se non bastasse ho chiesto anche ad un professore che mi ha detto che NON è un organo costituzionale, anzi il Consiglio Superiore della Magistratura è un organo di rilievo costituzionale, non un Organo Costituzionale di cui fanno parte solamente i pilastri dello Stato. Consiglierei di correggere questo grave errore! --Allions (msg) 15:31, 20 giu 2011 (CEST)

Ho controllato e la voce è rimasta com'era: sbagliata. Ho chiesto anche conferma ad un professore di Giurisprudenza dell'Università la Sapienza di Roma e ha confermato quanto detto poco sopra circa 1 anno fa. Se nessuno vuole discutere procederò alla correzione. --Allions Invia messaggio 22:47, 14 feb 2012 (CET)
In quanto nessuno si è fatto avanti con fonti che dicono il contrario e siccome tutte le fonti che ho trovato dicono che non è un organo costituzionale, rimuovo la dicitura "organoz costituzionale". Se qualcuno non è d'accordo è pregato di utilizzare questa discussione. --Allions Invia messaggio 14:17, 17 feb 2012 (CET)
Cerco di spiegarti la cosa in modo il più possibile semplice. La magistratura non è un organo (e quindi non può essere neanche un organo costituzionale). Il CSM viene considerato organo costituzionale da chi ritiene che un tale organo sia necessariamente strumentale alla difesa del principio supremo (non revisionabile) della Cost. di indipendenza della magistratura. Il CSM viene invece considerato organo di rilievo costituzionale, ma non costituzionale, dalla dottrina che ritiene che l'indipendenza della magistratura quale principio supremo possa essere tutelato anche senza un CSM. Ciao. --DCGIURSUN (msg) 22:13, 6 mar 2012 (CET)

moda giudiziaria[modifica wikitesto]

Ma non sarà un po' eccessivo tutto quel dettaglio in nota sulle zimarre, i tocchi e gli stivaletti di cuoio verniciato? Prima che qualcuno si dia alla satira di costume e si vada sul piano del comico, forse potrebbe essere da considerare spostare queste cose su Source. Verrebbero conservate ugualmente, forse anzi con maggior risalto. In fondo l'abito non fa manco il giudice ;-) --Fantasma (msg) 00:26, 28 apr 2011 (CEST)

nota spostata in altra pagina.

responsabilità magistrati[modifica wikitesto]

Scusate, ma il fatto che i magistrati non rispondano nè civilmente nè penalmente è assolutamente falso (vedi legge 117 del 1988, successiva al referendum sulla responsabilità). Così sembra che essi possano sbagliare quanto gli pare e che non paghino mai (e che neanche il cittadino possa ottenere un risarcimento). Ho facoltà di modificare la voce? --Buondevid (msg) 13:26, 5 gen 2014 (CET)

Visto che nessuno risponde, modifico la voce riportando la legge vigente. --Buondevid (msg) 13:26, 5 gen 2014 (CET)

Ho rollbackato le modifiche, principalmente perché prive di fonte (soprattutto per quanto riguarda la responsabilità penale, visto che quella non esiste neanche formalmente). Per quanto riguarda la responsabilità civile, essa esiste formalmente, ma in pratica no; ciò è dovuto all'iter previsto dalla legge "attuativa" (la Vassalli) che è l'iter burocratico più poderoso esistente; di fatto, la farraginosità dell'iter previsto da tale legge rende praticamente impossibile rivalersi civilmente su un magistrato (dall'87, solo 4 sentenze hanno stabilito una qualche forma di responsabilità, nonostante le centinaia di ingiuste detenzioni che si registrano ogni anno). Dunque mi pare che così come è ora, la voce è accettabile. --79.54.62.6 (msg) 18:58, 5 gen 2014 (CET)
Contrario; il riferimento alla legge Vassalli mi sembra chiaro e supportato da fonti. Se poi l'applicazione della legge non soddisfa l'anonimo IP, ne prendiamo atto, ma trattandosi di un proprio personale parere, rientra nel POV personale. --Gac 19:03, 5 gen 2014 (CET)
L'iter della Vassalli parla chiaro: responsabilità indiretta, procedimento da esperire entro un anno, limite sul risrcimento di 1/3 dello stipendio annuale. I fatti idem: su 400 richieste in 30 anni, lo Stato si è rivalso 4 volte. In ogni caso, se proprio si vuole fare i pignoli, ho aggiornato i riferimenti legislativi e segnalato come informazione non fontificata quella sulla responsabilità penale. --79.54.62.6 (msg) 19:16, 5 gen 2014 (CET)
Mi sembra che il testo inserito sia (come detto sopra) abbastanza POV. la legge attuativa del referendum popolare non garantirebbe allo Stato... Usare il condizionale denota l'espressione di un proprio pensiero; magari accettabile, ma non adatto all'enciclopedia dove si dovrebbero riportare solo fatti certi. Anche le richieste ed i risarcimenti andrebbero corredati da fonti. Proviamo a ripartire dalla versione preesistente e magari proporre qui le singole modifiche per potrele preliminarmente diswcutere. Grazie, ciao --Gac 19:41, 5 gen 2014 (CET)
Ho parzialmente rettificato il paragrafo sull'Unione europea che effettivamente conteneva alcuni aggettivi non neutri --Gac 19:48, 5 gen 2014 (CET)
infatti correttamente è non garantisce, perchè dopo dice che non garantisce la rivalsa per manifesta violazione del diritto. e questo lo dice la UE, non io. Il resto è corredato dalla stessa fonte che supporta le affermazioni (parziali) attualmente presenti in voce, cioè la legge Vassalli. La roba sulla responsabilità penale invece è completamente senza fonte. Comunque, se proprio dovete comportarvi in questa maniera, fate prima a scrivere "Wikipedia è nostra e ci facciamo cosa ci pare a noi" dove "noi" sarebbero i soliti Gac, Ignlig, Vituzzu etc. Buona serata. --79.54.62.6 (msg) 20:06, 5 gen 2014 (CET)
La responsabilità penale non necessita di fonte specifica se non il codice penale: tutti i cittadini sono soggetti a responsabilità penale!! al massimo devi linkarmi tu la fonte in quale norma è presente una loro presunta immunità dal diritto penale (tipo quelle del Presidente della Repubblica e simili); tant'è che esistono i c.d. reati propri che sono proprio quelli ascrivibili anche ai magistrati, oltre a quelli comuni. Per quanto scritto del resto, ho fatto punto per punto riferimento ad una legge in vigore nello Stato italiano, se non è fonte quella non so cosa altro possa esserlo.. --Buondevid (msg) 13:34, 6 gen 2014 (CET)
Ps: per quanto dicevi sul numero di condanne, se riporti una fonte secondo me sarebbe interessante aggiungerlo come dato alla fine della voce sulla responsabilità; sul fatto della parzialità, la voce precedente lo era completamente: travisava in toto la realtà con la (tua?) frase "Attualmente i magistrati non rispondono nè penalmente nè civilmente dei danni arrecati ai cittadini", completamente falsa (basta leggere la legge vigente) e buttata lì in una riga neanche spiegata... Per una frase del genere non passeresti neanche un esame di giurisprudenza dai.. Io ho semplicemente riportato la legge senza opinioni personali. Anche il link n.4 era riportato male, bastava leggere la fonte per intero per capire che quanto scritto su wiki ("la sentenza CGUE stabilisce la responsabilità dello Stato di appartanenza") non riportava quanto detto nell'articolo!--Buondevid (msg) 15:55, 6 gen 2014 (CET)
se è una responsabilità penale che si riduce all'usuale responsabilità penale allora non deve essere citata, è come se io andassi a scrivere che i medici, i geometri, gli agricoltori e i venditori di kebab hanno responsabilità penale (per i reati propri ascrivibili alle loro funzioni, ossia ad esempio negligenza sanitaria per i medici etc.). è almeno WP:IR, per cui almeno quella va rimossa, perché così sembra che siano sottoposti a misure di responsabilità più restrittive quando de facto è esattamente il contrario (puoi citarmi anche solo UN caso di magistrato messo sotto inchiesta ad esempio per sequestro di persona?). detto ciò la fonte sul numero di condanne deriva da dichiarazioni di un consigliere del csm, reperibile qui http://www.ilradar.com/responsabilita-civile-dei-magistrati-si-9-gradi-giudizio-pagati-noi/; per il resto, la versione precedente al rollback dell'utenza gac, era quella di ora più altre informazioni ora assenti in quanto ritenute sgradite, ossia la precisazione che la procedura di responsabilità diretta deve essere esperita entro un anno, solo su approvazione della Presidenza del Consiglio e dopo essere passata per 9 gradi di giudizio, come ci spiega il Di Federico citato sopra. dunque, se effettivamente sei in buonafede non avrai difficoltà a ripristinare quelle informazioni, sempre ammesso ovviamente che il comitato editoriale di Wikipedia sia d'accordo. grazie. --User:Lenore 16:19, 6 gen 2014 (CET) (ex IP 79.54.62.6)
PS il passo Essi rispondono penalmente qualora commettano reati nell'esercizio delle loro funzioni. In tale caso chi ha subito il danno per il fatto costituente reato commesso dal magistrato nell'esercizio delle sue funzioni ha diritto a un risarcimento, sia nei suoi confronti che nei confronti dello Stato, il quale eserciterà poi eventualmente un regresso nei confronti del primo (art. 13). mi fa dubitare che tu abbia chiara la differenza tra responsabilità penale e civile, visto che citi solo la questione del risarcimento (che non c'entra niente con il penale) e che la Vassalli riguarda solo la responsabilità civile. Dunque quella parte sarebbe pure una palese mistificazione giuridica, oltre all'ingiusto rilievo --User:Lenore 16:25, 6 gen 2014 (CET)
In ogni caso, sotto la voce responsabilità della magistratura mi sembra corretto che rimanga che essi rispondono anche penalmente dei danni arrecati ai cittadini (visto che prima c'era scritto esattamente l'opposto, e quindi completamente falso non credi?), ad esempio come l'omissione di atti d'ufficio e similia; in ogni caso ho aggiunto l'art. 13 tra parentesi della legge Vassalli, che dice esattamente quello che ho scritto io su wiki (così come mi sembrerebbe corretto metterlo sotto la voce dei medici, in quanto anche loro hanno reati propri, se avessero una voce responsabilità). Per le informazioni sull'esperimento dell'azione entro un anno, l'approvazione del Presidente del Consiglio etc., immagino che le abbia tolte (e lo immagino perchè anche io redigendo la voce non le ho scritte per lo stesso motivo) perchè sono procedurali, di contorno e appesantiscono la voce: altrimenti bisognerebbe riportare qualsiasi informazione procedurale inerente alla responsabilità. Quello che mi sembra strano comunque è che sotto la voce responsabilità la Legge Vassalli non fosse neanche citata, quando è il nocciolo di tutta la questione: è palesemente un'aberrazione per un enciclopedia no? Per quanto riguarda il tuo PS la differenza tra responsabilità penale e civile, io, ce l'ho perfettamente chiara; infatti l'ho messa in un paragrafo a parte, e ho scritto semplicemente che nel caso di commissione di reato, il danneggiato ha diritto al risarcimento (quello previsto per tutte le commissioni di reati); ciò significa una cosa: che se la legge prevede un risarcimento in questo caso (cioè nel caso di commissione di reati da parte del magistrato nell'esercizio delle sue funzioni), significa che prevede l'esistenza anche di una responsabilità penale di essi, e pertanto la versione precedente ("il magistrato non risponde nè penalmente nè civilmente dell azioni commesse") era completamente mistificatoria della realtà! Linkandotelo, avevo proprio questo obiettivo: farti capire che i magistrati non hanno nessuna immunità penale, e pertanto rispondono penalmente di tutte le loro azioni, sia di quelle commesse come privati, sia di quelle commesse nell'esercizio delle loro funzioni (e quindi d'interesse per la voce, visto si parla di responsabilità di magistrati). --Buondevid (msg) 17:04, 6 gen 2014 (CET)
Così sembra che l'art. 13 della Vassalli disciplini la responsabilità penale, e questo è chiaramente falso. Se non hanno responsabilità penali particolari allora non si scrive niente e stop, visto che è scontato come tutti gli altri cittadini; se invece si individuano delle fonti che dimostrano che de facto i magistrati godono di privilegi quando devono rispondere penalmente delle proprie azioni quelle andrebbero riportate. Fare il contrario serve solo per suggerire al lettore, in maniera subdola, che i magistrati godano di responsabilità penali particolari; mi spiace, ma almeno quel pezzo lo tolgo. Non vedo perché inserire a scopo meramente mistificatorio una cosa assolutamente scontata mentre i "dettagli" della Vassalli che invece renderebbero evidente la chiara disparità tra un procedimento civile contro un magistrato e quello contro un normale cittadino non posso essere messi perchè "appesentirebbero inutilmente" la voce. --User:Lenore 16:53, 6 gen 2014 (CET)
guarda che se rileggi la voce, io non ho messo che la responsabilità penale è disciplinata dalla legge Vassalli (anzi, ho proprio scritta che quella civile e disciplinare è specificatamente disciplinata da tale legge, non quella penale). In ogni caso non sono d'accordo con te: sotto la voce responsabilità della magistratura, ci va anche che sono responsabili penalmente delle loro azioni, il non metterlo sembra anzi che non lo siano. Però non ti annullerò la modifica, faremo decidere all'admin o qualcun altro super partes. --Buondevid (msg) 17:04, 6 gen 2014 (CET)
Faccio notare inoltre come prima, a tuo parere, mancava la fonte sulla responsabilità penale dei magistrati (tue parole "non esiste neanche formalmente"), ora invece è addirittura scontata! E' chiaro che agisci con un fine specifico diverso da quello di contribuire all'esaustività della voce... Peccato. --Buondevid (msg) 17:20, 6 gen 2014 (CET)
Intendevo che manca una fonte su una responsabilità speciale. Perchè un inserimento simile sottintende che esistano vincoli legati alla figura del magistrato. Il lettore che legge e non vede niente su immunità penali capisce ovviamente che come tutti gli altri cittadini neanche loro ne usufruiscono (formalmente) --User:Lenore 17:40, 6 gen 2014 (CET)
Nei media rimane abbastanza diffuso il dubbio se il magistrato risponda penalmente o meno dei propri comportamenti. Alcune correnti di pensiero/politiche soffiano sul fuoco per i propri (legittimi) scopi: vedi, ad esempio, LA RESPONSABILITA’ CIVILE E PENALE DEI MAGISTRATI sul blog dell'opinionista Magdi Allam. Non sembra pertanto plenoastico ribadirlo sull'enciclopedia per maggior chiarezza. Suggerirei di evitare di modificare la voce finchè non si raggiunge un adeguato consenso sulla formulazione del paragrafo in discussione. La versione viene riportata a quella precedente all'inizio dei rollback. Segnalo inoltre che l'utenza Lenore coincide con l'IP intervenuto precedentemente in questa discussione. --Gac 18:07, 6 gen 2014 (CET)
Ti ringrazio dell'intervento.. Si comunque Lenore aveva specificato di essere lui l'IP, era stato corretto da quel punto di vista! ("(ex IP 79.54.62.6)") --Buondevid (msg) 18:10, 6 gen 2014 (CET)

Magistratura: Accesso[modifica wikitesto]

Non sarebbe utile scrivere qualche informazione in più nella sezione accesso? Mi riferisco ai requisiti più salienti, quale il possesso di un requisito ulteriore oltre la laurea, elencando le alternative. Se qualcuno vuole aggiungerli secondo me sarebbe utile, altrimenti lo faccio io quando ho un po' di tempo.. --Buondevid (msg) 14:33, 8 gen 2014 (CET)

aggiunte tutte le cose importanti che chi cerca informazioni sull'accesso in magistratura si aspetta di trovare. --Buondevid (msg) 02:44, 9 gen 2014 (CET)

Collegamenti esterni modificati[modifica wikitesto]

Gentili utenti,

ho appena modificato 7 collegamento/i esterno/i sulla pagina Magistratura italiana. Per cortesia controllate la mia modifica. Se avete qualche domanda o se fosse necessario far sì che il bot ignori i link o l'intera pagina, date un'occhiata a queste FAQ. Ho effettuato le seguenti modifiche:

Fate riferimento alle FAQ per informazioni su come correggere gli errori del bot

Saluti.—InternetArchiveBot (Segnala un errore) 01:00, 23 mar 2018 (CET)