Discussione:Essere senziente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fonti?[modifica wikitesto]

Per quanto mi riguarda non ho trovato in nessuna letteratura di riferimento alcun elemento che possa giustificare questo lemma. viene e solo di rado utilizzato in modo discorsivo allo stesso modo di "essere cosciente", "essere sensbile" o similari... qui invece si è deciso non si sa in base a quale fonte e perché di costruire un lemma...
Quindi pongo qui alcune domande e offro delle fonti:

  • Essere senziente (sentien beings) o essere cosciente ("conscious beings"; "aware beings")...? qual è il quadro definitorio enciclopedico più corretto?
  • Ambedue? Nessuno?
  • C'è qualche autore attendibile che differenzia i due 'lemmi'?
  • Cosa vuol dire che senziente è riduttivo rispetto a cosciente?

L'ambito definitorio della coscienza, a cui sembrerebbe richiamare il lemma in questione, è piuttosto complicato. Coscienza intesa come esperienza cosciente ovvero avvertire che sta accadendo qualcosa ad es. piacere/dolore è un ambito filosofico e psicologico piuttosto complesso di cui si sono occupati autori come William James, Karl Jaspers, William Hamilton fino a David A. Oakley.
Se non contestualizziamo accuratamente l'ambito con fonti attendibili alla mano compiamo un disastro. Pasticciando per sentito dire rischiamo di dare 'lemma enciclopedico' a 'cose' che non ne hanno. Inventiamo una cultura che non c'è e la diffondiamo. Tutto con qualche confusa ricerchina con google/internet leggendo magari gli 'sprazzi' di poche righe concesse da 'google libri'. Facendo degenerare Wikipedia in un'accozzaglia ridicola di improponibili e confusi lemmi.
Allora io ho compiuto questa ricerca, ho consultato per intero (li ho in pdf e quindi mi risulta 'abbastanza' facile) le seguenti autorevolissime e corposissime opere (in più volumi) tutte scritte sotto revisione paritaria e tutte scritte recentemente: Nessuna possiede come lemma "sentient beings". Nessuna. Nessuna possiede "sentient beings" nelle "Thematic Outline". Nessuna.
Di seguito elenco quanto compare il termine "sentient beings" nel testo:

  • Animal Sciences (della Gale, 2002) il termine "sentient beings" occorre una volta sola sotto la voce "Cultures ed Animals" paragrafo "buddhism";
  • Biology (della Macmillan, 2002) il termine non compare mai.
  • Encyclopedia of Medicine (della Macmillan) il termine non compare mai.
  • The MIT Encyclopedia of the Cognitive Sciences (The MIT Press Cambridge, Massachusetts London, England 1999) il termine non compare mai.
  • Encyclopedia of the Human Brain (quella coordinata da V. S. Ramachandran dell'Università di San Diego) il termine non compare mai.
  • INTERNATIONAL DICTIONARY OF PSYCHOANALYSIS (quello della Gale in 3 voll.) il termine non compare mai.
  • Encyclopedia of Apllied Psychology (2004 quello curato da CHARLES D. SPIELBERGER dell'Università di of South Florida) il termine non compare mai.
  • Contemporary Clinical Psychology (quello coordinato nel 2005 da Thomas G. Plante Santa Clara University and Stanford University) il termine non compare mai.
  • ENCYCLOPEDIA OF PSYCHOLOGY il termine compare una sola volta a pag.35
« Biologists believe that chimpanzees share at least 98.4 percent of the same DNA as humans. Gorillas have a genetic composition which is at least 97 percent consistent with that of humans. Because the advancement of scientific technology has increasingly demonstrated similarities between animals and people, popular attitudes toward the use of animals in research and scientific experimentation have changed considerably. Ironically, this knowledge of the close genetic bond between species has enhanced the interest in animal experimentation. Nevertheless, evidence of animals as “sentient” beings, capable of a wide range of emotions and thought processes, has led scientists and animal activists to search for alternative ways to study behavior without victimizing animals. Although most psychology research does not involve deadly disease or experimental pathology, it often involves unrelenting or quantitative mental, physical, and psychological stress—all of which animals are capable of experiencing. »

ma con sentient virgolettato, il che immagino comprendiate cosa significhi...

  • The Philosophy of Science - An Encyclopedia della Routledge il termine non compare mai.
  • Plant Sciences (quello coordinato da Richard Robinson Science Educator, Tucson, Arizona) il termine non compare mai.
  • Encyclopedia Of Information Science And Technology 2005 quello coordinato da Mehdi Khosrow-Pour, il termine non compare mai.
  • Encyclopedia Of Physical Science And Technology Biotechnology 2001 il termine non compare mai.
  • nella sterminata opera Encyclopedia of Philosophy della MacMillan il termine compare: in "Abortion"
« The classic antiabortion argument is subject to a major theoretical difficulty. Antiabortionists have tried vigorously to avoid the charge that they are trying to force their religious views upon persons who do not share them. However, the moral rule to which the standard antiabortion argument appeals obtains its particular force in the abortion dispute because it singles out members of the species Homo sapiens (rather than persons or sentient beings or beings with a future like ours, for example). »

 ; in "CAUSAL CLOSURE OF THE PHYSICAL DOMAIN":

« In addition to gravity, Newton and his followers came to recognize magnetic forces, chemical forces, and forces of adhesion—and indeed vital and mental forces, which arose specifically in living bodies and sentient beings. »

in "Ethics"

« The deistic view, Clarke argued, is completely wrong. Everything that is done in the world is done either immediately by God himself or by sentient beings; matter is not capable of any laws or powers whatsoever, except for the negative power of inertia. »

in "Functionalism"

« It is tempting to respond to the chauvinism problem by supposing that the same functional theory that applies to a person also applies to the creatures with wheels. If they thought they had feet, they would try to act like us, and if we thought we had wheels, we would try to act like them. But notice that the functional definitions have to have some specifications of output organs in them. To be neutral among all the types of bodies that sentient beings could have would just be to adopt the liberal alternative of specifying the inputs and outputs themselves functionally. »

in Hobbes Thomas

« Hobbes regarded sensation and apparition as a meeting place of motions. Sense organs, he thought, are agitated by external movements without which there would be no discrimination and, hence, no sensation. Therefore, to give the entire cause of sense, an analysis is required of all movements in external bodies, which are transmitted to the sense through a medium. But sensation is not simply the end product of external motions; it also functions as an efficient cause of actions of sentient beings. »

in "Impartiality"

« Some contemporary consequentialists claim that morality requires impartiality whenever any sentient being’s interests are involved. However, not only is there disagreement about whether all sentient beings are included in the group toward which morality requires impartiality, it is generally recognized that even with agreement about the group, morality does not require impartiality with respect to all actions affecting people’s interests. It is generally agreed that morality does not even require impartiality when following moral ideals— for example, relieving or preventing pain, or helping the needy. »

in Leibniz

« For Leibniz in these texts of 1676, a major theme in this harmony is God’s coordination of the perceptions among minds. Indeed: “Without sentient beings, nothing would exist. Without one primary sentient being, which is the same as the cause of all things, nothing would be perceived” (A VI iii 588: Pk 113). As he writes to Malebranche in 1679, “I have always been convinced … that strictly speaking bodies do not act on us” (A II i 472-73: L 210) »

in "RELIGION, PSYCHOLOGICAL EXPLANATIONS OF"

« Frank J. Tipler (1996) has suggested that in the distant future sentient beings will be able to reconstitute all the lives of those who have died. In his version all possible lives seem to get reconstituted, which prevents any of them being the same as early twenty-first century people. »

in "Self prediction"

« The regress argument shows no peculiarity of human or even of sentient beings. For it is easy to imagine a simple machine, for which no one would dream of claiming free will or moral responsibility, the behavior of which could not possibly be predicted in circumstances similar to those previously described »

in "Smith Adam"

« From An Outline of a System of Utilitarian Ethics (1961) onward, Smart has presented a utilitarian theory of moral judgment and action: What matters is not people’s intentions, or character, nor any fixed set of moral rules, but the actual consequences of behavior. The consequences to be considered concern the happiness of all sentient beings, as judged from a natural, secular point of view. »

in "TELEOLOGICAL ARGUMENT FOR THE EXISTENCE OF GOD"

« As for (1), as far as we can see, the distribution of matter and the variety of chemical elements in the world, to take two examples at random, could have been very different from what they are without reducing the chances of sentient beings leading satisfying lives. »

in "Utilitarianism"

« Act utilitarianism, unlike rule utilitarianism, lends itself to being interpreted either in an egoistic or in a nonegoistic way. Are the good consequences that must be considered by an agent the consequences to the agent himself (his own happiness, for example), or are they the consequences to all humankind or even to all sentient beings? »

in "Voluntarism"

« They also find expression in the philosophy ofWilliam James and are, in fact, an important aspect of pragmatism in general. James thought that things are good solely by virtue of the fact that they are “demanded,” that is, that someone wants them or lays claim to them, and he noted that such a demand might be for “anything under the sun.” Considered apart from the demands of sentient beings, nothing in the universe has any worth whatsoever. »

oltre che in Chinese Philosophy:Buddhism; Yogacara: Buddhism; MIND AND MENTAL STATES IN BUDDHIST PHILOSOPHY; Nirvāṇa; SHINRAN.

Vi risparmio l'esibizione della ricerca... ben più fortunata!!!! di Conscious beings...

Bene... ora salviamo anche il "lemma" "Esseri senzienti", inesistente come tale in qualsiasi altra parte oltre l'italica Wikipedia... vorrei capire come lo definiamo e come lo differenziamo o perché non lo citiamo come "Esseri coscienti": fate una ricerchina con google con questo termine: Esseri coscienti... Spero di aver offerto un metodo e spunti di riflessione. Wikipedia non può essere fatta a colpi di votazione "perché suona bene..." "e sì.. lo trovo con google!..." ma con un utilizzo ponderato delle fonti e basta....

Qualcuno ha riportato che, checché nei dica io, il lemma "essere senziente" è ampiamente diffuso in filosofia... Nella ponderosa "Enciclopedia filosofica" della Bompiani che sta uscendo in 20 volumi con il CdR leggo come lemmi: Essere, Essere-in-sé, Essere-nel-mondo, Essere-per-sé, Essere supremo.. ma non "Essere senziente"!!! deve "essere" una dimenticanza... Grave perché non solo non compare come 'lemma' ma nemmeno discorsivamente nel testo... meno male che l'italica Wikipedia c'è... --Xinstalker (msg) 10:37, 2 nov 2010 (CET)

Non si rimuovono i tag di non neutralità finché non si risolve la discussione e senza nemmeno intervenirci, c'è pure scritto...[modifica wikitesto]

Io non ho nulla contro la voce "essere senziente", come credo nemmeno gierre abbia nulla contro, solo che manca il quadro teorico per stabilirne il lemma. Tutto qui. Sopra ho fornito più casi in cui questi termini vengono riportati ma come descrittivi, esplicativi. Potremmo fare una voce con "essere cosciente" con un numero di riferimenti di gran lunga maggiore, che differenza c'è tra senziente e cosciente? Mi sembra che il 'termine' "essere senziente/cosciente" venga viepiù indicato in ambito giurisprudenziale ed etico ma non ho trovato alcun riferimento 'definitorio' condiviso. Se ritenete di trovarne, in modo chiaro, occorre tuttavia contestualizzare il termine come '"essere senziente" è considerato in ambito 'bioetico' quell'essere che.... Non vorrei che si creasse un lemma ambiguo e privo di supporto critico adeguato che poi trova in Wikipedia l'unico suo riferimento 'teorico' e di 'lemma'. Tutto qui. --Xinstalker (msg) 09:32, 16 nov 2010 (CET) Peraltro la fonte non chiarisce ad esempio se un'animale è anch'esso un "essere senziente", un rinoceronte è un "essere senziente"? Un rinoceronte è in grado di provare la 'felicità' indicata dalla fonte? Evidente che qui le fonti citate non stanno fornendo un quadro teorico-critico della nozione di "essere senziente" quanto utilizzano in modo descrittivo i due termini nel loro specifico ambito di discorso, come si fa comunemente per migliaia di termini che non per questo divengono lemmi. Inoltre la fonte collega il termine "essere senziente" alla nozione di persona, il rinoceronte è una 'persona'? Evidente che la fonte non sta fornendo una definizione del termine utilizzato, in quanto utilizzato al solo scopo descrittivo. Ciononostante noi, facendo una ricerca con google, lo facciamo diventare lemma perché... perché lo abbiamo trovato! Se poi vogliamo collegare l'essere senziente alla 'persona umana' redirigiamo il lemma ad essere umano! Qui si indica che l'essere senziente è quello che prova sentimenti.. cos'è un sentimento? la felicità come sostiene la fonte? a che grado di scala evolutiva un essere vivente è in grado di provare quel vissuto che è differente del piacere/dolore attacco/fuga etc.etc. Non c'è quadro definitorio, la fonte indicata non ha alcuna la pretesa di fornirlo e utilizza i due termini in modo descrittivo per il termine persona con le sue qualità.--Xinstalker (msg) 09:37, 16 nov 2010 (CET)

Rimosso i collegamenti con le altre Wiki... sentience non è sentient beings questo vale per quella inglese e per tutte le altre... per favore...! ecchediamine...!!!--Xinstalker (msg) 09:56, 16 nov 2010 (CET)

Per scrupolo, dopo le osservazioni di Theirrules, mi sono procurato e ho verificato per intero anche i quattro volumi della Encyclopedia of Science, Technology and Ethic 2005 (possiamo considerarla la Bibbia della Bioetica considerando la mole internazionale degli studiosi che vi hanno contribuito?), sentien beings non compare come lemma ma compare, in modo discorsivo:

  • a pag.98 del I volume in "Architectural Ethics":
« Alternatively, many nonhuman sentient beings—from bacteria through to mammals—may be said to design and/or build their habitats with a care and complexity that often rivals human ability. »
  • a pag.117 del I volume in "Artificial Morality":
« At the other end of the engineering spectrum are those who try to build moral agents to act in more realistic situations of real artificial agents on the Internet and in programs more generally (Coleman 2001). This highlights the most immediate importance of artificial morality: ‘‘The risks posed by autonomous machines ignorantly or deliberately harming people and other sentient beings are great. The development of machines with enough intelligence to assess the effects of their actions on sentient beings and act accordingly may ultimately be the most important task faced by the designers of artificially intelligent automata’’ (Allen, Varner, and Zinser 2000, p. 251). »
  • a pag. 256 del I volume in "Buddhist perspectives", dove compare tra gli altri così:
« Buddhism arose around 500 B.C.E. as a practical response to the trouble and suffering that characterize the human condition. Uniquely among traditions concerned with those issues, Buddhism has never offered a final description of ultimate reality; it also has not proposed a universal fixed solution to the persistent and concrete problems of solely human trouble and suffering. Instead, Buddhism has developed a general yet systematic strategy for generating truly sustainable resolutions of the trouble and suffering that afflict all sentient beings in their specific contexts. »
  • a pag.416 del I volume in "Consequentalism":
« Another significant aspect of Bentham�s view is that his principle of utility seeks, in the long run, to maximize the utility of all sentient beings—every being that can feel pleasure or pain. »
  • a pag. 915 del II volume in "Hindu perspectives":
« The evolution of the universe is by laws (rita),

yet sentient beings have freedom. The law of karma constrains ordinary action, but a realized person is free. »

  • a pag. 2155 del IV volume in "Appendix IV":
« 1975 Peter Singer (b.1946, Australia) argued that, since a difference of species entails no moral distinction between sentient beings, it is wrong to mistreat non–human animals. »

Evito di riportare qui le ricerche inerenti ad altri termini simili come "essere cosciente", "essere pensante" etc.etc. ... Dite voi se vale la pena, e come, di trasformare noi qui, unici nel mondo, in lemma il termine "essere senziente".--Xinstalker (msg) 08:26, 17 nov 2010 (CET)

Imbarazzante... pur di salvare la voce si manipolano confondono le fonti e così il sentience di Colin McGinn diventa "essere senziente"... vorrei solo che l'autore del falso grave pasticcio... mi leggesse nella mente --Xinstalker (msg) 14:11, 30 mag 2011 (CEST)

@ Theirrulez[modifica wikitesto]

Quello che ti ostini a non capire che si potrebbe fare la stessa cosa tra Hobbes ed "essere pensante" [1] Come con tutti gli altri. Stai cadendo nel patetico. --Xinstalker (msg) 16:18, 7 giu 2011 (CEST)

Se crei una voce dal titolo essere pensante non ho alcun problema, sarebbe un ulteriore approfondimento per l'enciclopedia. Ti invito tuttavia ad evitare attacchi personali (ma quante volte te l'ho chiesto??). ---- Theirrules yourrules 22:50, 7 giu 2011 (CEST)
No... se creo una voce essere pensante o essere cosciente o essere amante o essere compulsivo perché se esiste un lemma tipico nella cultura aborigena australiana allora deve trovarsi un corrispettivo nella nobile cultura cristiano occidentale, fammi controllare con google, eccolo... non farei un servizio al progetto sarei solo 'patetico'. E non prenderlo come un attacco personale, in fin dei conti so quanto vali e quanto sei sprecato appresso a questo modo di fare. ciao --Xinstalker (msg) 00:38, 8 giu 2011 (CEST)

Theirrules guarda qui:

Ora trovi due blu 'entificati' ovvero quelli nella colonna a destra, clicca il primo (psicotico), poi cerca con 'google libri' quante volte questi termini della colonna a dx sono stati utilizzati da: filosofi, teologi, psicologi, antropologi, sociologi e saggisti... troverai carrettate di citazioni, considerazioni, etc.etc. MA QUESTE NON NE FANNO UN LEMMA!!!
Se facciamo lemmi quelli della colonna a destra, giusto per occupare lo spazio altrimenti lasciato solo a 'qualcuno' di qualcun'altra cultura... ecco saremmo 'patetici'... Bada bene 'tu' non sei patetico in quanto 'tu' ma ho l'impressione, perdonami e correggimi se sbaglio, che la tua presenza su Wikipedia sia governata dalla sensibilità di voler 'difendere' una cultura, quella italiana e/o cristiana, rispetto al suo presunto 'svilimento' o 'distorsione' o 'riduzione' gratuita. Qui mi ricordi la querelle sull' h di brahmano, dove, se non ricordo male, tu sostenesti che con l'h tale termine non era italiano, poi visto che tutti i dizionari italiani riportavano quel lemma, sostenesti che era un neologismo, per poi scoprire che invece era utilizzato da autori italiani fin dalla prima metà del XIX secolo. In quel caso bastava un banale etimologico per capire che quel lemma non originava dall'inglese, o dalla traslitterazione sanscrita, ma dal latino (e dal greco antico), come la quasi totalità del 'nostro' dizionario... Ecco se ti fossi informato sull'etimologico avremmo perso meno tempo tutti e due e io mi sarei evitato il dovere di scusarmi con te per averti 'bistrattato'... cosa che credo prima o poi occorrerà che faccia anche in questa circostanza. Per favore Theirrules rifletti su questo modo di fare. Grazie! :) --Xinstalker (msg) 07:57, 8 giu 2011 (CEST)

Problema tecnico[modifica wikitesto]

Attenzione! È stata riportata la pagina di votazione del 2010, anche per quella relativa al 2011. Forse è meglio che la correzione venga fatta da un amministratore.--Superzen (msg) 02:31, 2 lug 2011 (CEST)

Fatto. Grazie per la segnalazione. --Pequod76(talk) 02:48, 2 lug 2011 (CEST)

contributo anonimo[modifica wikitesto]

Io vorrei lasciare un piccolo contributo, ma è la prima volta (e probabilmente l'unica) quindi prima cerco di capire come funziona tecnicamente e non desidero collezionare l'ennesima registrazione. Provo innanzitutto a vedere se riesco a inserire questo testo. Dopo aggiungerò il breve contributo. Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 151.28.192.193 (discussioni · contributi) .

Tecnicamente puoi modificare la voce nello stesso modo in cui hai scritto qui, è sufficiente cliccare su "modifica" e poi salvare. --ArtAttack (msg) 16:14, 24 feb 2013 (CET)

Grazie, segue il contributo alla discussione.

- contributo -

L'espressione "essere senziente" è attualmente di uso comune presso chi si interessa di buddhismo per designare un essere dotato di sensi, capace di provare sensazioni e che, di conseguenza, può soffrire. Tuttavia l'espressione è probabilmente mutuata dalla filosofia occidentale soprattutto per evitare di riferirsi esclusivamente all'essere umano là dove il discorso etico del buddhadharma tende a farsi più universalistico, ed andrebbe chiarito preliminarmente quale termine in lingua sanscrita si sia inteso tradurre con tale espressione, cosa, probabilmente affatto facile da rintracciare a meno di non avere a disposizione il contributo di qualche esimio sanscritista nelle nostre università (lo scrivo perché non sono affatto sicura che la successiva citazione del Cornu sia sufficiente a dirimere la questione, ovvero che sia, come dire, tutto qui). Data le consistenti differenze fra le diverse teorie epistemologiche orientali ed occidentali, le trattazioni andrebbero mantenute sempre ben distinte, tenendo presente che l'espressione in ambito buddhistico non sembrerebbe affatto assimilabile o intercambiabile con altre come "essere pensante" "essere cosciente" o "essere sensibile". La stessa definizione di cosa sia un "essere" può presentare differenze significative nelle due culture, orientale ed occidentale. L'espressione "essere senziente" è riportata nel Dizionario del Buddhismo di Philippe Cornu, Traduzione dal francese a cura di Daniela Murgia ed Adalia Telara, Pearson Paravia Bruno Mondadori 2003, con la seguente definizione: sanscrito sattva, tibetano sems-can, 'gro-ba, cinese youqinq, zhongsheng, giapponese shujo (o lunga). Letteralmente "esseri dotati di mente" o "migratori". Designa l'insieme degli esseri che trasmigrano nei sei destini del samsara. Qui il Cornu si ferma. (N.B. la definizione è coperta da diritti d'autore, quindi credo che terminata la discussione dovrò cancellarla) Se ne deduce che sono esseri senzienti perlomeno tutti quelli che possono andare ad abitare i sei regni del samsara: narak (spiriti infernali), preta (spiriti famelici), tirya animali , manus (esseri umani), titani (asura), deva (divinità). Esistono però nel buddhismo anche altre categorie di esseri come, ad esempio, gli antarabhava, "esseri dello stato intermedio", o i più noti bodhisattva di diversa natura. Inoltre va tenuto presente che nel buddhadharma la mente è un senso ed esistono esseri formati da pura coscienza. Questo diverso contesto differenzia molto il significato dell'espressione usata in ambito buddhistico e/o al di fuori di esso.

Infine e' molto facile trovare questa espressione nella letteratura buddhistica, ma non è altrettanto facile trovarne una approfondita disamina ed io stessa sto cercando da tempo qualcosa che mi soddisfi e ne sono sprovvista.

Perciò buon lavoro!

p.s. se serve la lista dei dizionari enciclopedici di indologia e buddhologia che si potrebbero consultare per trovare il lemma (oltre naturalmente ai dizionari sanscriti e pali che andrebbero ugualmente consultati)

1) F.K. Ehrhard/I. Fischer-Schreiber, Das Lexikon des Buddhismus Grundbegriffe und Lehrsystema, Munchen 1992 2) D. Keown, Lexikon des Buddhismus, Dusseldorf (Patmos) 2005 3) T.O. Ling, A Dictionary of Buddhism - A Guide to Thought and Tradizion, New York 1972 4) G.P. Malasekara, Dictionary of Pali Proper Names, 2 VollL., 1960 5) k.j. Notz (a cura di) Herders Lexikon des Buddhismus - Grundbefriffe, Traditionen, Praxis, Freiburg/Erfstadt 2007 6) Nyanatiloka, Buddhistisches Worterbuch - KurzgefaBtes Handbuch der Buddhistischen Lehren und Begriffe in alphabetischer Anordnung, Stammbach-Herrnschrot 1999 C.S. Prebish, Historical Dictionary of Buddhism, Metuchen, N.J./London 1993 7) H.W. Schumann, Siebzig Schlusselbegriffe des Pali-Buddhismus, Heidelberg/Leimen 2006 8) B.Walmer, Hindu World - An Encyclopedic Survey of Hindusm 2 voll. London 1968


p.s.2Testo in corsivo A riprova dell'esistenza del lemma nell'ambito in cui il suo utilizzo è legittimato è sufficiente digitare nel web italiano il nome del tibetologo prof. "massimiliano a. polichetti" seguito dall'espressione "esseri senzienti essere senziente". In particolare sono reperibili alcuni .pdf nei quali si può rintracciare l'espressione nei suoi contesti. Questo per dire che il problema di salvare o sopprimere la voce si risolve comprendendo che l'espressione è strettamente connessa ad un ambito tematico specifico.


p.s. 3 Tecnicamente come si fa a "rispondere" come ha fatto ArtAttack con me?


LA NUOVA ZELANDA RICONOSCE GLI ANIMALI COME ESSERI SENZIENTI: http://www.greenme.it/informarsi/animali/16528-nuova-zelanda-animali-esseri-senzienti