Diocesi di Germania di Numidia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Germania di Numidia
Sede vescovile titolare
Dioecesis Germaniensis in Numidia
Chiesa latina
Vescovo titolare Erwin Josef Ender
Istituita 1933
Stato Algeria
Diocesi soppressa di Germania di Numidia
Eretta  ?
Soppressa  ?
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Germania di Numidia (in latino: Dioecesis Germaniensis in Numidia) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Germania di Numidia, forse identificabile con le rovine di Ksar-El-Kelb nell'odierna Algeria, è un'antica sede episcopale della provincia romana di Numidia.

Sono solo due i vescovi conosciuti di questa antica diocesi africana. Il cattolico Innocenzo prese parte alla conferenza di Cartagine del 411, che vide riuniti assieme i vescovi cattolici e donatisti dell'Africa romana; la sede in quell'occasione non aveva vescovi donatisti. Crescenziano partecipò al sinodo riunito a Cartagine dal re vandalo Unerico nel 484, in seguito al quale venne esiliato.

Oggi Germania di Numidia sopravvive come sede vescovile titolare; l'attuale vescovo titolare è Erwin Josef Ender, già nunzio apostolico in Germania.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Innocenzo † (menzionato nel 411)
  • Crescenziano † (menzionato nel 484)

Cronotassi dei vescovi titolari[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi