Diga del Cuga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diga del Cuga
Uri, diga del Cuga (01).JPG
StatoItalia Italia
RegioneSardegna Sardegna
ProvinciaProvincia di Sassari-Stemma.png Sassari
FiumeCuga - Barca
Usoirrigazione
ProprietarioRegione Sardegna
GestoreEnte acque della Sardegna
Inizio lavori1956
Inaugurazione1974
Tipomateriale sciolto di pietrame
Superficie del bacino
30 ha
Volume del bacino
34,92 milioni di
Altezza45.50 m
Lunghezza219,50 m
Coordinate40°36′41.4″N 8°26′59.4″E / 40.6115°N 8.449833°E40.6115; 8.449833Coordinate: 40°36′41.4″N 8°26′59.4″E / 40.6115°N 8.449833°E40.6115; 8.449833
Mappa di localizzazione: Italia
Diga del Cuga

La diga del Cuga è uno sbarramento artificiale situato in territorio di Uri, provincia di Sassari. Realizzata per scopi irrigui sul fiume Cuga, poco a valle del punto di confluenza col suo affluente rio Barca, genera il lago Cuga.

La diga, edificata tra il 1956 e il 1974 su progetti degli ingegneri Giuseppe Sapienza e Velio Princivalle (1955) e Samuele Paolo Algranati (1969), è del tipo a materiale sciolto di pietrame, zonata, con nucleo di terra per la tenuta. Ha un'altezza, calcolata tra quota coronamento e punto più basso del piano di fondazione, di 43,50 metri e sviluppa un coronamento di 219,50 metri a 114,40 metri sul livello del mare.

Alla quota di massimo invaso, prevista a m 113,50 s.l.m, il bacino generato dalla diga ha una superficie dello specchio liquido di circa 3 km² mentre il suo volume totale (ai sensi della legge 584 del 1994) è di 34,92 milioni di m³. La superficie del bacino imbrifero direttamente sotteso risulta pari a circa 60 km².

L'impianto, di proprietà della Regione Sardegna, fa parte del sistema idrico multisettoriale regionale ed è gestito dall'Ente acque della Sardegna.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ente acque della Sardegna, Cuga, su enas.sardegna.it. URL consultato il 10 marzo 2015.
Il lago Cuga
Parte orientale del lago Cuga durante la siccità dell'estate 2017; è visibile il nuraghe Chessedu, normalmente sommerso