Diga del Bidighinzu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diga del Bidighinzu
Bessude - Thiesi - Lago Bidighinzu (03).JPG
Il lago Bidighinzu
StatoItalia Italia
RegioneSardegna Sardegna
ProvinciaProvincia di Sassari-Stemma.png Sassari
Fiumerio Bidighinzu
Usoidropotabile
ProprietarioRegione Sardegna
GestoreEnte acque della Sardegna
Inizio lavori1952
Inaugurazione1959
Tipomuraria a gravità ordinaria in calcestruzzo
Superficie del bacino5000 ha
Volume del bacino89,50 milioni di
Altezza(comprese fondamenta) 43,00 m
Lunghezza227,00 m
Coordinate40°33′25″N 8°39′45.1″E / 40.556944°N 8.662528°E40.556944; 8.662528Coordinate: 40°33′25″N 8°39′45.1″E / 40.556944°N 8.662528°E40.556944; 8.662528
Mappa di localizzazione: Italia
Diga del Bidighinzu

La diga del Bidighinzu è uno sbarramento artificiale situato ai piedi del monte Orzastru, in territorio di Bessude, provincia di Sassari. Realizzata per scopi potabili sul rio Bidighinzu (affluente del Riu Mannu di Porto Torres), genera il lago omonimo.

La diga, edificata tra il 1952 e il 1959 su progetto dell'ingegnere Sante Serafini, e collaudata il 13 maggio 1966, è di tipo murario a gravità ordinaria, in calcestruzzo. Ha un'altezza, calcolata tra quota coronamento e punto più basso del piano di fondazione, di 43 metri e sviluppa un coronamento di 227 metri a 334 metri sul livello del mare.

Alla quota di massimo invaso, prevista a m 333 s.l.m., il bacino generato dalla diga ha una superficie dello specchio liquido di circa 2,250 km² mentre il suo volume totale è calcolato in 18,15 milioni di m³. La superficie del bacino imbrifero direttamente sotteso risulta pari a 50 km².
L'impianto è dotato di una torre di presa che permette il prelievo di acque differenziali.

L'opera, di proprietà della Regione Sardegna, fa parte del sistema idrico multisettoriale regionale ed è gestito dall'Ente acque della Sardegna.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ente acque della Sardegna, Bidighinzu, su enas.sardegna.it. URL consultato il 5 marzo 2015.