Diepenveen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diepenveen
villaggio; ex-comune
Diepenveen/Diepenvene
Diepenveen – Stemma Diepenveen – Bandiera
Diepenveen – Veduta
Localizzazione
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
ProvinciaFlag of Overijssel.svg Overijssel
ComuneDeventer
Territorio
Coordinate52°17′21.84″N 6°09′00″E / 52.2894°N 6.15°E52.2894; 6.15 (Diepenveen)Coordinate: 52°17′21.84″N 6°09′00″E / 52.2894°N 6.15°E52.2894; 6.15 (Diepenveen)
Abitanti4 635 (2018)
Altre informazioni
LingueOlandese, Basso sassone
Cod. postale7430–7431
Prefisso(+31)
Fuso orarioUTC+1
Codice CBS0152
Cartografia
Mappa di localizzazione: Paesi Bassi
Diepenveen
Diepenveen
Diepenveen – Mappa
Diepenveen: edificio storico nella Randerstraat
Diepenveen: l'abbazia di Sion
Diepenveen: la villa Het Overvelde
Diepenveen: sculture nel perimetro della Hervormde Kerk

Diepenveen (in basso sassone: Diepenvene) è un villaggio (dorp) di circa 4.600 abitanti[1] dell'est dei Paesi Bassi, facente parte della provincia dell'Overijssel e situato lungo il corso del fiume IJssel[2][3], nella regione di Salland[4]. Dal punto di vista amministrativo, si tratta di un ex-comune, dal 1998 accorpato alla municipalità di Deventer.[4][5]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio di Diepenveen si trova nella parte sud-occidentale della provincia dell'Overijssel, al confine con la provincia della Gheldria ed è situato a pochi chilometri a nord di Deventer.[2][3] La parte occidentale del villaggio è interamente bagnata dal fiume IJssel.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dalle origini ai giorni nostri[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio sorse nei primi anni del XV secolo, quando venne fondato un monastero in loco.[6][7][8]

Diepenveen rimase un piccolo villaggio fino alla metà del XIX secolo: nel 1841 contava appena sette case.[6]

Agli inizi del XX secolo, fu realizzato il municipio.[6]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Nello stemma di Diepenveen, dove prevalgono i colori giallo e nero, è raffigurata un'aquila.[5]

Questo stemma è derivato in parte da quello di Deventer.[5]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Diepenveen vanta 27 edifici classificati come rijksmonumenten e 38 edifici classificati come gemeentelijke monumenten.[4]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Hervormde Kerk[modifica | modifica wikitesto]

Il più antico edificio religioso di Diepenveen è la Hervormde Kerk ("Chiesa protestante"), situata al nr. 4 della Kerkplein e costruita nel 1620 sulle rovine del monastero di Diepenveen, che, come detto, era stato fondato nei primi anni del XV secolo.[7][8]

Abbazia di Sion[modifica | modifica wikitesto]

Tra i principali edifici religiosi di Diepenveen, figura inoltre l'Abbazia di Sion, un complesso architettonico situata al nr. 6 della Vulikerweg e realizzato in gran parte tra il 1883 e il 1890.[6][9][10][11]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Torre dell'Oud Rande[modifica | modifica wikitesto]

Altro edificio d'interesse è la torre dell'Oud Ronde, che costituisce ciò che rimane di una residenza del 1570 (che era stata realizzata sulle rovine di una torre del 1285), in gran parte demolita nel 1838. [12]

Villa Het Overvelde[modifica | modifica wikitesto]

Altro edificio d'interesse è la villa Het Overvelde, realizzata probabilmente nella prima metà del XIX secolo.[13]

Nieuw Rande[modifica | modifica wikitesto]

Altro edificio d'interesse è la Nieuw Rande, una residenza di campagna realizzata nel 1857 e situata nella Schapenzandweg.[14]

De Lankhorst[modifica | modifica wikitesto]

Altro edificio d'interesse è De Lankhorst, una residenza realizzata tra il 1908 e il 1910 e situata nella Verlengde Randerstraat. [15]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Al censimento del 2018, Diepenveen contava una popolazione pari a 4.635 abitanti, di cui 2.385 erano donne e 2.250 erano uomini.[1]

La popolazione al di sotto dei 26 anni era pari a 1.175 unità (di cui 680 erano i ragazzi e i bambini al di sotto dei 16 anni), mentre la popolazione dai 65 anni in su era pari a 1.315 unità.[1]

La località ha conosciuto un progressivo incremento demografico a partire dal 2017 (quando contava 4.615 abitanti), dopo un calo demografico tra il 2013 (quando contava 4.639 abitanti) e il 2016 (quando contava 4.570 abitanti).[1]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio di Diepenveen è suddiviso in tre buurtschappen, Averlo, Molenbelt e Rande.[4]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (NL) Diepenveen, Alle Cijfers. URL consultato il 19 novembre 2019.
  2. ^ a b c Diepenveen, Google Maps. URL consultato il 20 novembre 2019.
  3. ^ a b Harmans, M.L., Olanda, Dorling Kindersley, London, 2005 - Mondadori, Milano, 2005, p. 314
  4. ^ a b c d (NL) Diepenveen, Plaatsengids. URL consultato il 19 novembre 2019.
  5. ^ a b c (NL) Diepenveen, Heraldry Wiki. URL consultato il 19 novembre 2019.
  6. ^ a b c d (NL) Historie van Dorp Diepenveen, Historische Vereniging. URL consultato il 19 novembre 2019.
  7. ^ a b (NL) Diepenveen, Kerkplein 4 - Dorpskerk, Reliwiki. URL consultato il 19 novembre 2019.
  8. ^ a b (NL) Monumentnummer: 12888 - Kerkplein 4 7431 EE te Diepenveen, Monumentenregister. URL consultato il 19 novembre 2019.
  9. ^ (NL) Diepenveen, Vulikerweg 6 - Kapel Abdij Sion, Reliwiki. URL consultato il 19 novembre 2019.
  10. ^ (NL) Monumentnummer: 508967 - Abdij Sion, Diepenveen, Monumentenreister. URL consultato il 19 novembre 2019.
  11. ^ (NL) Geschiedenis van de Abdij Sion te Diepenveen, Anthoon Budel.org. URL consultato il 19 novembre 2019.
  12. ^ (NL) Oud Rande, IJssellandschap. URL consultato il 20 novembre 2019.
  13. ^ (NL) De vier villa's, Het Overvelde. URL consultato il 20 novembre 2019.
  14. ^ (NL) Monumentnummer: 508975 Nieuw Rande - Schapenzandweg 3 7431 PZ te Diepenveen, Monumentenreister. URL consultato il 20 novembre 2019.
  15. ^ (NL) Monumentnummer: 508978 De Lankhorst - Verlengde Randerstraat 2 7431 PH te Diepenveen, Monumentenreister. URL consultato il 20 novembre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN153638201 · LCCN (ENn83000875 · WorldCat Identities (ENlccn-n83000875
Paesi Bassi Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Paesi Bassi