Deforestazione della foresta Amazzonica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Per deforestazione Amazzonica si intende il processo di disboscamento, avviato a partire dagli anni 40 delle aree forestali presenti nel bacino Amazzonico in Brasile. Nel 2017 risultava che più del 20% dell'intera superficie forestale fosse stata disboscata. Con 783 828 km2 (più del doppio della superficie dell'Italia) di aree boschive in meno rispetto al 1970. L'allevamento intensivo è responsabile da solo di circa l'80% di tutte le deforestazioni nella regione mentre la restante parte è legata allo sfruttamento del territorio per fini agricoli (principalmente soia e olio di palma), minerari o legato al mercato del legname.

la foresta amazzonica

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima del 1970, l'accesso a gran parte della foresta pluviale era reso difficoltoso a causa della mancanza di collegamenti stradali e le attività di disboscamento erano limitate principalmente nelle sole aree raggiungibili attraverso le vie fluviali navigabili. L'avvio del vero fenomeno di deforestazione accelerò notevolmente dopo l'apertura delle prime autostrade che attraversavano la foresta pluviale, come l'autostrada Trans-Amazzonica del 1972 che non solo sono state fonti primarie di deforestazione ma hanno anche incoraggiato le costruzioni di nuovi villaggi lungo di esse, peggiorando il problema.

In numerose zone dell'Amazzonia, la deforestazione provocò un rapido impoverimento del terreno che limitò la redditività delle piantagioni agricole portando in breve tempo i coloni a riconvertire i campi agricoli in pascoli per l'allevamento. Se da un lato, gli incentivi statali e la minore manodopera necessaria per l'allevamento permettevano maggiori guadagni per i coloni rispetto all'agricoltura, a livello ambientale ciò rappresentò l'inizio dello sfruttamento intensivo della foresta Amazzonica. La crescente necessità di spazi per l'allevamento portò infatti spesso ad applicare da parte dei coloni il metodo "taglia e brucia", che attraverso l'appicagione di incendi (anche incontrollati) permettevano di ricavare ampie aree di foresta per il pascolo.

Fortunatamente, dall'inizio del XXI secolo la deforestazione si è ridotta del 70%. Per uno studio di Dan Nepstad, Earth Innovation Institute (Stati Uniti), è il risultato di un processo composto da tre fasi.

  • Nella prima (fino al 2004), una legge provò a imporre ad agricoltori e allevatori di considerare riserva l'80% delle loro proprietà, ma non fu rispettata.
  • Nella seconda fase (2005-2009) ci furono vari fattori: più controlli della polizia; calo dei guadagni della soia (coltivata in Amazzonia); campagne ambientaliste e boicottaggio di aziende responsabili della deforestazione.
  • La terza fase (dal 2009) è stata decisiva. Anche se i guadagni della soia sono ripresi, il governo ha stabilito una politica del credito per l'Amazzonia: coltivatori e allevatori delle aree più rovinate sono stati esclusi dal credito a basso costo finché la deforestazione non è calata.

Nel 2015 la deforestazione illegale dell'Amazzonia è stata di nuovo in aumento per la prima volta da decenni, in gran parte a causa della domanda dei consumatori di prodotti come l'olio di palma. Con l'aumentare della pressione dei consumatori, gli agricoltori brasiliani liberano le loro terre per creare più spazio per colture come l'olio di palma e la soia.

Utilizzando i tassi di deforestazione del 2005, è stato stimato che la foresta pluviale amazzonica sarebbe stata ridotta del 40% in due decenni. Il primo ministro norvegese Jens Stoltenberg ha annunciato, il 16 settembre 2008, che il governo norvegese avrebbe donato 1 miliardo di dollari USA al nuovo fondo Amazon. I fondi di questo fondo andrebbero a progetti volti a rallentare la deforestazione della foresta pluviale amazzonica.

Nel settembre 2015, la presidente brasiliana Dilma Rousseff ha dichiarato alle Nazioni Unite che il Brasile aveva effettivamente ridotto del 82% il tasso di deforestazione in Amazzonia. Ha anche annunciato che nei prossimi 15 anni, il Brasile mirava a eliminare la deforestazione illegale, ripristinare e riforestare 120 000 km2 (46 000 sq mi), e recuperare 150 000 km2 (58 000 sq mi) di pascoli degradati.

Nell'agosto 2017, il presidente brasiliano Michel Temer ha abolito una riserva naturale amazzonica delle dimensioni della Danimarca negli stati settentrionali del Brasile, Pará e Amapá. Sotto il presidente Jair Bolsonaro la deforestazione in Brasile è aumentata in modo significativo.[1][2] La combinazione di riscaldamento globale e deforestazione rende il clima regionale più secco e potrebbe stravolgere il delicato equilibrio della foresta pluviale trasformandone una parte in savana.[3]

Ritmo di disboscamento[modifica | modifica wikitesto]

Il tasso annuale di deforestazione nella regione amazzonica è aumentato drammaticamente tra il 1991 ed il 2000. In questi 9 anni l'area totale della foresta pluviale amazzonica disboscata rispetto al 1970 è passata da 419 010 a 575 903 km2. La maggior parte di questa foresta perduta è stata sostituita da pascoli per il bestiame. La deforestazione della foresta pluviale amazzonica ha continuato ad accelerare nei primi anni del 2000, raggiungendo un tasso annuo di 27 423 km² (maggiore della superficie della Sicilia) di perdita di foreste nel 2004. Oggi la copertura forestale rimanente continua a diminuire, sebbene il tasso annuale di perdita di foreste sia in generale rallentato dal 2004.

Periodo[4] Superficie della foresta pluviale

rimanente (km²)

Disboscamento annuale

(km²)

% di foresta rimanente

rispetto al 1970

Foresta persa rispetto al

1970 (km²)

Pre–1970 4 100 000
1977 3 955 870 21 130 96,5% 144 130
1978–1987 3 744 570 21 130 91,3% 355 430
1988 3 723 520 21 050 90,8% 376 480
1989 3 705 750 17 770 90,4% 394 250
1990 3 692 020 13 730 90,0% 407 980
1991 3 680 990 11 030 89,8% 419 010
1992 3 667 204 13 786 89,4% 432 796
1993 3 652 308 14 896 89,1% 447 692
1994 3 637 412 14 896 88,7% 462 588
1995 3 608 353 29 059 88,0% 491 647
1996 3 590 192 18 161 87,6% 509 808
1997 3 576 965 13 227 87,2% 523 035
1998 3 559 582 17 383 86,8% 540 418
1999 3 542 323 17 259 86,4% 557 677
2000 3 524 097 18 226 86,0% 575 903
2001 3 505 932 18 165 85,5% 594 068
2002 3 484 538 21 394 85,0% 615 462
2003 3 459 291 25 247 84,4% 640 709
2004 3 431 868 27 423 83,7% 668 132
2005 3 413 022 18 846 83,2% 686 978
2006 3 398 913 14 109 82,9% 701 087
2007 3 387 381 11 532 82,6% 712 619
2008 3 375 413 11 968 82,3% 724 587
2009 3 367 949 7 464 82,2% 732 051
2010 3 360 949 7 000 82,0% 739 051
2011 3 354 711 6 238 81,8% 745 289
2012 3 350 140 4 571 81,7% 749 860
2013 3 344 297 5 843 81,6% 755 703
2014 3 339 449 4 848 81,4% 760 551
2015 3 331 065 5 831 81,2% 768 935
2016 3 322 796 7 893 81,0% 777 204
2017 3 316 172 6 624 80,9% 783 828
2018 3 308 313 7 536 80,7% 791 687
2019 3 298 551 9 762 80,5% 801 449
2020 3 290 125 8 426 80,3% 809 875
2021 3 279 649 10 476 80,1% 820 351

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Reuters, Brazil: huge rise in Amazon destruction under Bolsonaro, figures show, in The Guardian, 3 luglio 2019. URL consultato il 4 luglio 2019.
  2. ^ (EN) Amazon deforestation for January hits record, su phys.org, 8 febbraio 2020. URL consultato il 10 febbraio 2020.
  3. ^ (EN) Thomas E. Lovejoy e Carlos Nobre, Amazon tipping point: Last chance for action, in Science Advances, vol. 5, n. 12, 20 dicembre 2019, pp. eaba2949, DOI:10.1126/sciadv.aba2949. URL consultato il 28 dicembre 2019.
  4. ^ (EN) Calculating Deforestation Figures for the Amazon, su rainforests.mongabay.com. URL consultato l'8 gennaio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]