Decretum Gelasianum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Decretum Gelasianum (titolo completo: Decretum Gelasianum de libris recipiendis et non recipiendis) è un documento contenente, tra le altre cose, un elenco di opere religiose da considerare canoniche, una lista dei sinodi e degli scrittori ecclesiastici riconosciuti, e un altro elenco che indica le opere da rigettare.

Versioni del decreto[modifica | modifica sorgente]

Ci sono pervenute due versioni del decreto gelasiano una detta breve che parte dalla terza parte o capitolo sino al quinto e una lunga dove ci sono tutti e cinque i capitoli del decreto

Attribuzione[modifica | modifica sorgente]

Tradizionalmente attribuito a papa Gelasio I (492-496), è in realtà originario della Gallia meridionale del VI secolo, anche se alcune parti possono essere fatte risalire a papa Damaso I (di cui riprende il De explanatione fidei) e all'ambiente romano. Comunque sia, pur se rimane dubbia la riconducibilità, anche parziale, a Papa Gelasio I, l'opera rispecchia molto bene le sue idee e il suo pontificato.

Struttura dell'opera[modifica | modifica sorgente]

L'opera si divide in 5 parti:

  • La prima parte : descrive i sette doni dello Spirito Santo che entrano in Cristo dando per ognuna una definizione, seguita dalle dispensazioni di Cristo e varie relazioni tra Dio Padre, Figlio e Spirito Santo con l'uomo.
  • La seconda parte dice quali libri fanno parte delle Divine Scritture, quali nel Vecchio Testamento e quali nel Nuovo Testamento.
  • La terza parte: decretale sui libri che devono essere accolti e quelli che non devono essere accolti dalla Chiesa
  • La Quarta parte: gli scritti, all'infuori delle Sacre Scritture, che sono accettati dalla Chiesa
  • La Quinta parte: gli scritti rifiutati dalla Chiesa

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]