Giunillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giunillo conosciuto anche come Giunìlio (in latino: Iunillus; 527552) è stato un politico e teologo bizantino che ricoprì l'incarico di quaestor sacri palatii durante il regno dell'imperatore Giustiniano I.[1].

Scrisse l'Instituta regularia divinae Legis in due libri, una sorta di manuale biblico; il testo era basato sugli insegnamenti di un membro della Scuola di Nisibi, Paolo il Persiano, che a sua volta era stato influenzato dagli scritti di Teodoro di Mopsuestia. Gli Instituta di Giunillo diffusero in Occidente la conoscenza della scuola di esegesi biblica di Antiochia.[2]

È stato ipotizzato[3] che Giunillo fosse un parente dell'aristocratica Venanzia, corrispondente di Fulgenzio di Ruspe e forse membro della gens Decia.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Procopio di Cesarea, Storia segreta, 20.17.
  2. ^ M.L.W. Laistner, Thought and Letters in Western Europe: A.D. 500 to 900, seconda edizione (Ithaca: Cornell University, 1957), p. 115.
  3. ^ Susan T. Stevens «The Circle of Bishop Fulgentius», Traditio, 38 (1982), p. 336 JSTOR 27831119.
  4. ^ Fulgenzio, Epistulae 7.1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN230359822 · ISNI (EN0000 0000 6137 9481 · LCCN (ENn88613833 · GND (DE100366058 · BNF (FRcb14643281p (data) · NLA (EN61543046 · BAV (EN495/28281 · CERL cnp00910426 · WorldCat Identities (ENlccn-n88613833