Dayco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dayco Products LLC
Logo
Dayco-WWHQ.jpg
Sede Mondiale a Troy, Michigan (USA)
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione1905 a Dayton, Ohio
Sede principaleTroy
Persone chiaveJoel Wiegert, Amministratore Delegato
SettoreGomma, Meccanica
ProdottiCinghia - Puleggia - Componenti per veicoli
Fatturato921 milioni di dollari
Dipendenti4.500
Slogan«Move Forward. Always.™»
Sito web

Dayco è un leader a livello mondiale in ricerca, progettazione, produzione e distribuzione di componenti essenziali del motore, sistemi di trazione e servizi per automobili, camion, macchinari edili, agricoli e industriali.

La Dayco, acronimo di Dayton Corporation, fondata il 17 maggio 1905 a Dayton, Ohio, USA con il nome di Dayton Rubber Manufacturing Company, attualmente con sede a Troy, nello Stato del Michigan, progetta, produce e distribuisce tubi flessibili e cinghie dentate in gomma, tenditori, pulegge, raccordi e adattatori per automobili, mezzi pesanti e macchine industriali, offre anche kit di componenti pronti per il montaggio finale, oltre a tutta l'attrezzatura e la documentazione per l'installazione, il montaggio e la taratura dei componenti.

La società è stata precedentemente nota come Dayco Corporation e ha cambiato il suo nome in Dayco Product LLC nel 1986. Nel 1993 avviene la svolta per l'azienda, infatti acquista dalla Pirelli per 170 miliardi di lire[1] la divisione PTI Spa (Pirelli Trasmissioni Industriali Spa), proprietaria, tra l'altro, del marchio Isoran, mossa che farà diventare la Dayco leader mondiale nel settore della trasmissione di potenza.[2] In base agli accordi, per i primi cinque anni dalla cessione i prodotti avevano il doppio marchio congiunto, Dayco-Pirelli o Dayco-Isoran, dopo tale periodo tutti i prodotti hanno marchio Dayco e/o Isoran o hanno il solo marchio del committente. La Dayco possiede 18 stabilimenti, di cui 5 in Italia, 12 centri di distribuzione, di cui 2 in Italia, e 6 centri di ricerca e sviluppo, di cui 2 in Italia, con una forza lavoro superiore ai 4.500 dipendenti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Archivio storico Corriere della Sera, su archiviostorico.corriere.it.
  2. ^ Company Overview, su mark-iv.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]