Dapedium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dapedium
Dapedium caclatus.jpg
Fossile di Dapedium
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Osteichthyes
Ordine Dapediiformes
Famiglia Dapediidae
Genere Dapedium

Il dapedio (gen. Dapedium) è un pesce osseo estinto, appartenente ai dapediiformi (Dapediiformes). Visse nel Triassico superiore e nel Giurassico inferiore (circa 210 – 190 milioni di anni fa), e i suoi resti sono stati rinvenuti in gran parte d'Europa.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo pesce aveva un corpo discoidale e appiattito lateralmente lungo una trentina di centimetri, ricoperto di pesanti scaglie ganoidi. Il cranio, molto robusto, era dotato di denti adatti a triturare materiale duro, come gusci di molluschi o coralli. La mascella del dapedio, al contrario di quella dei pesci ossei primitivi, era mobile e capace di estroflettersi; in questo modo il dapedio poteva ampliare l'apertura boccale e inghiottire prede più grandi. La coda era corta e robusta, e consentiva all'animale di cambiare direzione repentinamente durante il nuoto.

Possibile comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Probabilmente il dapedio era un pesce di scogliera, che si muoveva lentamente alla ricerca di cibo come gli odierni pesci pappagallo (gen. Scarus). Nel corso del Giurassico iniziarono a diffondersi i pesci picnodontidi, dalle abitudini simili; nel corso di milioni di anni queste forme soppiantarono il dapedio, più primitivo e meno specializzato.

Fossili famosi[modifica | modifica wikitesto]

Tra le specie più note di dapedio vi sono Dapedium politum e Dapedium punctatum, entrambe del Giurassico inferiore. Molti resti fossili di questi animali sono stati ritrovati nei famosi giacimenti di Lyme Regis in Inghilterra e di Holzmaden in Germania. Altri fossili più frammentari sono stati rinvenuti anche in Italia, a Osteno.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Detlev THIES & Annette HERZOG, New information on †Dapedium LEACH 1822 (Actinopterygii, †Semionotiformes), in Mesozoic Fishes 2 – Systematics and Fossil Record, G. Arratia & H.-P. Schultze (eds.): pp. 143-152, Verlag Dr. Friedrich Pfeil, München, GermanyISBN 3-931516-48-2

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci