Daniele Brusaschetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daniele Brusaschetto
Brusaschetto 2010.jpg
Daniele Brusaschetto
NazionalitàItalia Italia
GenereMusica d'autore
Industrial
Periodo di attività musicale1990 – in attività
EtichettaBosco Rec
Bar La Muerte
Gruppo attualeDaniele Brusaschetto
Exxon Waltz
Diononesiste
Lime
All Scars Orchestra
Ich Niente
Gruppi precedentiMudcake
Whip
Nerocapra
Down!
Album pubblicati12
Studio11
Live1

Daniele Brusaschetto (Torino, ...) è un cantautore e musicista italiano.

È attivo come solista dalla metà degli anni Novanta. Le pubblicazioni a proprio nome si caratterizzano per la convivenza tra elementi rumoristici ed elettronici e un'anima più intima. Il risultato è una sorta di cantautorato industrial[1].

Biografia di Daniele Brusaschetto[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la propria attività musicale alla fine degli anni ottanta, suonando in band thrash death metal.

All'inizio degli anni Novanta la sua attività si fa più strutturata, e suona in band quali Mudcake (noise rock), Whip (industrial rock), Down! (avantgarde improvisation).

Dalla metà degli anni Novanta, Daniele Brusaschetto inizia a suonare e registrare con il proprio nome. La sua musica, sempre in bilico tra rumorismo e cantautorato, si basa principalmente sull'utilizzo di voce, chitarre, effetti a pedale e laptop[1].

Discografia (selezionata)[modifica | modifica wikitesto]

Album studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997 – Bellies/Pance
  • 1999 – Mamma Fottimi
  • 2001 – Bluviola
  • 2003 – Poesia Totale Dei Muscoli
  • 2005 – Mezza Luna Piena
  • 2007 – Circonvoluzioni
  • 2009 – Blasé
  • 2010 – Fragranze Silenzio
  • 2012 – Cielo Inchiostro
  • 2014 – Rapida E Indolore
  • 2016 – Radio Stridentia

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996 – Paturnie

Album live[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006 – Live At The Satyricon

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Antonello Cresti, Solchi Sperimentali Italia. 50 anni di italiche musiche altre, CRAC Edizioni, 2015, ISBN 978-88-97389-24-8.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]