Dan Pagis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La poesia di Dan Pagis al Memoriale delle vittime del Konzentrationslager Belzec

Dan Pagis (Bukovina, 25 febbraio 1930Gerusalemme, 29 luglio 1986) è stato un poeta israeliano.

Nato in Bukovina nell'Europa dell'Est, da bambino fu imprigionato in un campo di concentramento in Ucraina, ma riuscì a scappare nel 1944. Nel 1946 arrivò sano e salvo in Palestina e col tempo diventò docente di Letteratura Medievale Ebraica alla Università Ebraica di Gerusalemme.

Il suo primo libro di poesie è stato Sheon ha-Tsel ("L'orologio d'ombra"), pubblicato nel 1959. Nel 1970 venne pubblicata la sua opera principale, intitolata Gilgul – che può essere tradotta come "Rivoluzione, ciclo, trasformazione, metamorfosi, metempsicosi," ecc. Altre poesie comprendono: Written in Pencil in the Sealed Railway-Car, (“Scritto a matita su un vagone piombato”), Testimonianza, Europa, tardi, Autobiografia, e Minuta di un accordo di riparazione.

Pagis conosceva molte lingue, e tradusse numerose opere letterarie nel corso della sua vita.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • [1] La poesia di Dan Pagis nel volume Auschwitz: l'eccesso del male di Paolo Amodio, et al. (2004)
  • [2] Scritto a matita su un vagone piombato, di Dan Pagis
  • [3] Pagis Page - La Pagina di Pagis (lingua inglese)
  • [4] Dan Pagis and the poetry of displacement di Robert Alter (lingua inglese)
  • [5] Connecting to the Holocaust Through Literature: Dan Pagis, articolo in inglese di Audrey Shore

Controllo di autorità VIAF: 56689348