Crow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La bandiera dei Crow

Gli Absaroke o Apsaroke (da Apsáalooke il loro nome in sioux) , meglio conosciuti come Crow, sono una tribù di Nativi Americani. Appartenevano al gruppo linguistico dei Sioux ed erano stanziati nelle pianure del Montana e del Dakota del Sud.

Il loro nome significa "figli dell'uccello dal Grande Becco"[1], ma i mercanti francesi fraintesero i gesti con cui i nativi indicavano il loro nome come gens des corbeaux ("popolo dei corvi"), da qui l'adozione del termine Crow ("corvo" in inglese).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il popolo degli Apsaroke erano originariamente unito a quello dei coltivatori Hidatsa, ma si separò da questi sotto la guida del visionario antenato di nome Inanimato, formando quindi, nel XVII secolo, un proprio popolo.

Dapprima i Crow erano uniti in una grande tribù ed erano contro i Sioux. Poi però, nel XVIII secolo, forse per un litigio riguardante la selvaggina, si divisero in due tribù: i River Crow e i Mountain Crow. I Crow furono i primi ad utilizzare il fucile. Durante la guerra indiana, i Crow si allearono con il Governo degli Stati Uniti fornendo esploratori all'esercito. Oggi i Crow sopravvivono con una popolazione di 5.000 individui in una riserva nel Montana.

Indiani Crow

Economia e Religione[modifica | modifica wikitesto]

Dapprima i Crow coltivavano mais ma, spostandosi e diventando nomadi, divennero abili cacciatori. Cacciavano soprattutto bisonti e facevano molto spesso razzie nei villaggi vicini. Divennero cavalieri molto abili e si rubavano di frequente i cavalli tra le tribù. Praticavano il culto del Sole e del tuono.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kirk Johnson, A State That Never Was in Wyoming, in New York Times, 24 luglio 2008. URL consultato il 4 giugno 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4070148-7