Crawl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Crawl (disambigua).

Il crawl è uno stile di nuotata consistente in un movimento quasi alternato delle braccia accompagnato ad una propulsione continua degli arti inferiori. In italiano si confonde ed identifica il crawl con lo stile libero che in realtà è il tipo di gara nel quale è possibile nuotare in qualunque stile, a discrezione del nuotatore, anche se, essendo lo stile di nuoto più propulsivo e al minor costo energetico, di fatto il crawl è l'unico usato nelle gare a "stile libero".

Il movimento si svolge prevalentemente con la testa al di sotto del livello dell'acqua, mentre si effettuano torsioni del busto ad ogni ciclo di bracciata (rollìo). Grazie alla sua tecnica di esecuzione, il crawl consente di respirare semplicemente riportando il capo in asse rispetto alle spalle, migliorando così la fluidità e la continuità del gesto, e defaticando i muscoli del collo. L'azione del rollio garantisce inoltre un aumento di ampiezza nella bracciata, la riduzione della superficie in attrito con l'acqua (una spalla e parte del busto rompono la superficie) e un aiuto all'azione muscolare degli arti superiori portando il corpo in appoggio sugli stessi nella fase di presa.

Descrizione del movimento[modifica | modifica wikitesto]

Bracciata[modifica | modifica wikitesto]

Bracciata a crawl

È possibile scomporre la bracciata in quattro fasi, che prendono il nome di appoggio/presa, trazione, spinta e recupero.

  • Appoggio/presa: la mano entra in acqua con la punta delle dita con un angolo acuto rispetto al piano dell'acqua. Nella fase di immersione ruota verso l'esterno "appoggiandosi" sull'acqua e, successivamente andando a "prendere" la stessa acqua per evolvere l'azione nella fase successiva. Tecnicamente questa azione serve per raccogliere l'acqua da spingere in seguito e deve avvenire con il braccio disteso ma non rigido e all'altezza delle spalle, immerso ad una profondità di alcuni centimetri.
  • Trazione: è la prima fase di propulsione attiva delle braccia. La mano e l'avambraccio muovono una massa d'acqua spostandola lontano dal corpo, iniziando dalla parte che precede la testa verso il tronco; la fase termina con il braccio all'altezza del petto. Durante la trazione si imposta il "rollìo", ovvero l'oscillazione alternata del tronco che accompagna la spalla in immersione e con il braccio in trazione ad emergere e l'altra ancora in emersione, ad immergersi, movimento che continua nelle fasi successive.
  • Spinta: è la fase più importante, quella che deve essere svolta in modo molto attento per non "perdere" l'acqua raccolta in precedenza. Dalla fase di trazione la mano ruota verso l'interno di 45 gradi, poi procede con forza "esplosiva" fino ad arrivare in prossimità della coscia dove esce dall' acqua. L'ultima parte propulsiva può essere simile alla quarta spinta del delfino, ruotando la mano verso l'esterno e spingendo con il braccio teso. Durante questa fase inoltre, in base alla velocità di nuotata, il braccio opposto è entrato in acqua ed è in fase di inizio di distensione.
  • Recupero: una volta che la mano esce dall'acqua il gomito si piega e il braccio viene portato avanti con il gomito davanti alla spalla e con il braccio rilassato sia per non causare contratture muscolari che per "recuperare" lo sforzo della spinta, fino a quando la mano rientra in acqua e inizia un nuovo ciclo di bracciata.

Generalmente le bracciate sono alternate in maniera quasi perfetta ("quando un braccio sale, l'altro scende"). Alcuni atleti però, (tra cui l'australiano Grant Hackett) effettuano dei movimenti leggermente disincronizzati (il cosiddetto "successivo"), in genere prolungando la fase di appoggio per ottenere maggior scivolamento e idrodinamicità, ovvero allo scopo di ottenere maggiore velocità.

La traiettoria della bracciata a stile libero , almeno in fase di apprendimento è ad "esse" nella fase subacquea in modo che la mano peschi acqua ferma: infatti se la bracciata fosse rettilinea, la mano spingerebbe un cilindro d'acqua già in movimento, perdendo in efficacia propulsiva. Tuttavia, questa teoria, che è apparsa come un principio portante del nuoto per un lungo periodo, è attualmente dibattuta. Studi fisici sosterrebbero infatti che l'avanzamento sia da ricercarsi nell'accelerazione della bracciata dalla presa fino alla spinta[senza fonte].

Gambata[modifica | modifica wikitesto]

Immagine che mostra la gambata in questo stile

Le fasi della gambata sono invece due, la discendente e la ascendente. La fase di spinta avviene con la fase discendente, mentre la fase ascendente viene considerata come fase di recupero, anche se una leggera spinta avviene sempre.

  • Discendente: la gamba si flette all'altezza del bacino, con il ginocchio leggermente piegato; quando è immersa ad una profondità di 20-30 centimetri, si distende completamente andando a spingere con il piede che rimane sempre completamente disteso.
  • Ascendente: la gamba torna in superficie con il tallone che deve uscire completamente dall'acqua.

La gamba viene mossa tutta e va articolata a livello del ginocchio, lasciando il piede nella posizione il più naturale possibile in modo tale che risulti muoversi come un pennello. Così facendo, il piede andrà ad assumere una posizione ruotata leggermente verso l'interno, in modo da agire sull'acqua tramite il dorso (analogamente ad una pinna) e non tramite il taglio.

Coordinazione[modifica | modifica wikitesto]

A livello agonistico si effettuano fino a 6-10 gambate per ciclo di bracciata nelle gare veloci, che si riducono anche a 2 gambate nelle gare di mezzofondo. La respirazione può avvenire indifferentemente a destra o a sinistra, con il capo che però deve rimanere parzialmente sempre in acqua, eseguendo una torsione del collo che deve far mantenere una guancia e il corrispondente orecchio immersi. La respirazione deve avvenire quando sta per finire la fase di spinta. Per semplicità di esposizione, nelle scuole di nuoto si insegna a effettuare la respirazione quando il pollice sfiora la coscia. Generalmente si respira ogni due bracciate nelle gare di fondo e ogni quattro nelle gare veloci.

Respirazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel crawl la respirazione è laterale ma bisognerebbe effettuarla da ambedue le parti. L'inspirazione si effettua con la bocca, iniziando a ruotare il capo durante la fase di spinta e di allungamento del braccio opposto in acqua, facendo uscire metà faccia quando il braccio in acqua è ben disteso e lasciando l'altra metà a contatto con l'acqua, in modo da favorire comodamente la distribuzione del peso della testa sul braccio in immersione. Dopo avviene la rotazione del capo in senso inverso che immerge di nuovo tutto il viso ed inizia l'espirazione, che si può effettuare sia con la bocca che con il naso. In un contesto agonistico, frequente è l'espirazione esplosiva al termine del mezzo ciclo di bracciata, nonché l'anticipo leggero o il piccolo ritardo della rotazione della testa a seguito delle diverse velocità natatorie e frequenze di bracciata, in base ad uno stile del tutto personale ed acquisito con l'allenamento.

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Non esiste un particolare regolamento per quanto riguarda il crawl, essendo uno stile che si effettua all'interno delle prove a stile libero, salvo comunque toccare regolarmente il bordo in virata e nell'arrivo durante una competizione.

Introduzione alla didattica[modifica | modifica wikitesto]

In tutti gli stili esiste una netta distinzione tra l'esecuzione tecnica e l'esecuzione elementare. L'esecuzione tecnica riguarda quasi esclusivamente gli agonisti, garantisce un'ottima efficacia propulsiva ma richiede un notevole impegno muscolare e sviluppate capacità coordinative. L'impiego di questa nuotata da parte dei principianti risulta pertanto controproducente: il più delle volte si manifestano una diminuzione dell'ampiezza della bracciata (minor propulsione), scoordinazione e movimenti inefficaci. Inoltre la forza richiesta dai gesti tecnici la rende inappropriata quando l'apparato locomotore è in via di sviluppo (bambini). Per ovviare a queste problematiche si insegna ai principianti una nuotata elementare che, sebbene non massimizzi le masse d'acqua spostate, consente di nuotare in modo efficace.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

nuoto Portale Nuoto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nuoto