Coro di Nuoro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coro di Nuoro
NazioneItalia Italia
CittàNuoro
 
DirettoreGian Paolo Mele Corriga
Organicocoro maschile
Repertoriocanto popolare e canto d'autore d'ispirazione popolare
Periodo attività1952-in attività

È al Coro di Nuoro che, grazie all'intenso lavoro del direttore Gian Paolo Mele, si deve il recupero di numerose melodie delle canzoni popolari della Sardegna. Gian Paolo Mele ha inoltre ripreso quelli che sono gli aspetti più particolari della musicalità tradizionale sarda che vanno dal canto a tenore, al cantu a chiterra, ai canti sacri e profani della tradizione musicale nuorese. Quindi la valorizzazione di brani esistenti come No potho reposare, Deus ti salvet Maria, il Miserere, lo Stabat Mater, ecc., effettuando anche un'attività di recupero di motivi tradizionali che stavano rischiando di andare persi, come per esempio la canzone Sa pharistoria e balubirde. Inoltre Mele aveva musicato diverse composizioni di alcuni poeti nuoresi, facendone dei veri canti popolari che sono divenuti patrimonio della cultura isolana, fra questi: Zia Tatana Faragone, Bobore ficumurisca, Adios, Nugoro amada, Sa crapola, Su Battizzu (poesia di Sebastiano Satta), Su castanzeri, Su candelarju.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Primo esponente in Sardegna della tradizione corale folcloristica isolana, il Coro di Nuoro nasce a Nuoro nel 1952 per volere di un gruppo di giovani appassionati di musica, del canto popolare e delle tradizioni popolari di Nuoro, della Barbagia e anche del resto dell'isola. Nel 1955 il coro aveva vinto il festival musicale radiofonico Il campanile d'oro. Hanno collaborato con il coro veneto I Crodaioli di Bepi De Marzi. Il Coro svolge ancora una viva attività di recupero e di divulgazione delle tradizioni popolari nuoresi.

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Il Coro di Nuoro si è esibito in Europa, America e Africa. Partecipa alle più iumportanti manifestazioni folkloristiche come l'Europeade del Folklore. Di particolare prestigio la partecipazione al concerto di Natale che si tiene a Roma, alla Camera dei Deputati. Tale evento, divenuto appuntamento fisso a partire dal dicembre 2005, ha visto il Coro di Nuoro protagonista due volte: nel 2006 e nel 2008. I concerti sono stati trasmessi in diretta televisiva sul canale satellitare della Camera dei Deputati.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1966 - "La Sardegna nel canto e nella danza"
  • 1971 - "Adios Nugoro amada"
  • 1972 - "Coro di Nuoro" - 3 Audiocassette - Aedo[1]
  • 1975 - "Canti popolari della Sardegna", Tirsu, LP. 715
  • 191 - In occasione del festival mondiale del folklore, a Gannat, in Francia, partecipa all'incisione "sintesi e festival" con altri gruppi folkloristici partecipanti alla manifestazione "folklore mondial"
  • 1995 - "Antologia dei canti tradizionali della Sardegna"

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Musica corale Portale Musica corale: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica corale