Conversione. Una storia personale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«...un mattino di quattro anni fa ho scoperto, in un colpo solo, di avere un tumore alla tiroide e un carcinoide al pancreas e al fegato...svolgo il mio lavoro fra molti contrasti...sono lontano da colei che, malgrado un divorzio, nella prospettiva cristiana resta mia moglie...eppure godo di una vita cristiana vibrante. Ed è questa visione di fede che, malgrado tutto, rende la mia esistenza radiosa.»

(Dall'incipit, p.3.)
Conversione
Una storia personale
AutoreLeonardo Mondadori e Vittorio Messori
1ª ed. originale2002
Generesaggio
Lingua originaleitaliano

Conversione. Una storia personale è un saggio scritto dall'editore Leonardo Mondadori con lo scrittore e giornalista Vittorio Messori.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Il testo è il racconto del ritorno alla fede dell'autore, proveniente da un'educazione non strettamente religiosa. Mondadori aveva voluto incontrare Vittorio Messori, comunicandogli l'intenzione di raccogliere in un libro le domande e le obiezioni più comuni sulla fede cattolica, riscontrabili nell'ambiente borghese e laico da cui proveniva[1].

Messori lo aveva convinto invece a raccontare l'itinerario umano e spirituale che lo aveva portato al radicale cambiamento, e il risultato del loro incontro e dei colloqui che ne erano seguiti era stato appunto il libro "Conversione", pubblicato nel 2002, che rappresenta anche una sorta di testamento spirituale dell'autore, scomparso nello stesso anno a causa di una lunga malattia[1].

Il libro ha avuto diverse edizioni e traduzioni, ed è stato anche abbinato in seguito a un'altra opera, "Andrei a messa ma..." - contenente le risposte della dottrina cattolica alle più comuni obiezioni, come recita il sottotitolo - curato da don Umberto De Martino, direttore spirituale di Leonardo[2].

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]