Confisso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine confisso è di recente introduzione (cfr. De Mauro 1999) e fa parte della famiglia degli affissi. Data una parola composta, il confisso è un morfo con valore semantico pieno (es. in agricoltura il confisso è agri-, latino per "campo"). Un confisso può anche apparire in parole di origine complessa, derivate dal latino e dal greco, che in italiano e in altre lingue moderne non sono più avvertite come composte; ad esempio in mastite, mast- è un confisso dal greco μαστός mastós.

Esistono due tesi della natura di confisso dei morfi, una più riduttiva ed una generale, a quest'ultima fa riferimento la suddetta spiegazione. Secondo questa tesi, sono confissi anche i semantemi verbali delle parole composte, es. gira-sole. Non vi è accordo sulla classificazione di questi elementi in confissi, e si preferisce utilizzare il termine più generale di elemento formativo, in relazione all'inglese combining form.

La tesi più riduttiva mette in relazione la natura semantica dei confissi con l'origine neoclassica del loro significato. In questo caso i confissi si riducono agli affissi con valore semantico pieno ed origine greca o latina.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica