Confissazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In linguistica, la confissazione o composizione neoclassica indica un processo privilegiato nelle lingue speciali (o settoriali), ma presente anche nel lessico comune. Esso consiste nel formare parole da vocaboli tratti soprattutto dalle lingue classiche (greco e latino), detti confissi (ad esempio, agri-coltura oppure piro-mane).

Oltre che dalle lingue classiche, una lingua può trarre confissi dal proprio repertorio lessicale (come nel caso dell'italiano come socio-, da sociale) o da quello di altre lingue moderne.

Il sistema con cui si sono formate questo tipo di parole si modella solo superficialmente sulle lingue classiche, nel senso che la quasi totalità dei composti così formati non esistevano nelle lingue antiche. Per esempio, la parola psicologo non esisteva in greco, ma esistevano le parole ψῡχή, psȳchḗ ('vita', 'anima') e λόγος, lógos, ('parola', 'discorso', 'argomento').

Uno dei principi più importanti che regola la neologia di queste parole è la cosiddetta produttività morfolessicale. Si tratta di un meccanismo che permette di combinare i diversi componenti derivati in maniera potenzialmente illimitata, creando così parole sempre nuove. Ciò permette, in linea teorica, di generare una parola senza dover tenere conto di particolari regole di formazione (ad esempio, micro+spiamicrospia; micro+fonomicrofono ecc.)

Un altro processo relativo all'utilizzo di confissi è l'accorciamento nella composizione, cioè la riduzione del corpo di una parola a una sua parte, che conserva il significato della parola intera. Così, si trae il confisso auto- da automobile, foto- da fotografia, tele- da telefono o da televisione. Si ottengono quindi coppie di omonimi fra gli elementi formativi etimologici (auto-, 'sé stesso', 'da sé'; foto-, 'luce'; tele-, 'lontano') e le forme accorciate: eco-, ad esempio, rinvia a 'casa', 'ambiente vitale' in ecologia, ma esiste anche il confisso 'eco-' dallo stesso termine ecologia, come in ecosistema.

La coniazione di elementi formativi ricavati per accorciamento è un procedimento produttivo e vitale (si pensi a formazioni recenti, quali bioagricoltura, biotecnologia, in cui bio- è ricavato da biologia). Tra gli elementi formativi ricavati per accorciamento, quelli più usati nella lingua comune possono acquisire autonomia ed essere impiegati come nomi invariabili.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gualdo, R. e Telve, S. (2011), Linguaggi specialistici dell'italiano, Carrocci editore, Roma

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Scheda sugli elementi formativi, in treccani.it
Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica