Confederazione generale del lavoro (Spagna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Confederación General del Trabajo
SegretarioJosé Manuel Muñoz Póliz
StatoSpagna Spagna
Fondazione1979
AbbreviazioneCGT
IdeologiaAnarco-sindacalismo
Iscritti85.000 (2018)
Sito webwww.cgt.org.es

La Confederazione generale del lavoro (Confederación General del Trabajo CGT) è un Sindacato spagnolo. Nasce a partire dal 1979 attraverso una serie di scissioni che si producono nella storica Confederación Nacional del Trabajo (CNT) a seguito di divergenze sulla politica da seguire nel corso della Transizione spagnola, seguita alla morte del dittatore Francisco Franco.

Il primo nucleo della nuova organizzazione nasce nel 1979 a seguito di una controversia sulla partecipazione o meno alle elezioni sindacali, mantiene la denominazione CNT ed è nota come CNT-Congreso de Valencia, per aver celebrato in quella città il suo congresso, alternativo a quello ufficiale. Nel 1984 il sindacato si riunisce con altri gruppi scissionisti ed è nota con il nome di CNT-Renovada. In generale gli scissionisti accusano la casa madre di eccessivo dogmatismo ideologico che allontanerebbe i simpatizzanti e renderebbe difficile l'attività sindacale[1]. L'esistenza di due organizzazioni sindacali con lo stesso nome ha provocato una controversia legale alla fine della quale, nell'aprile 1989, il sindacato ha assunto l'attuale denominazione[2].

La CGT nel 2018 riuniva circa 85.000 iscritti ed ha eletto 7000 delegati alle elezioni di quell'anno per il rinnovo dei Comité de empresa (corrispondenti alle RSU italiane)[3]

Alle elezioni sindacali del 2019 si è confermata il quinto sindacato spagnolo dopo Comisiones Obreras, UGT, Unión Sindical Obrera e CSIF con 5.557 delegati (2%).[4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) De la CNT a la CGT, su cgtvalencia.org. URL consultato il 23 novembre 2020.
  2. ^ (ES) La CNT renovada adopta de forma provisional las siglas CGT, in El Pais, 10 aprile 1989. URL consultato il 23 novembre 2020.(ES) I Congreso Extraordinario Madrid 1989, su cgt.org.es. URL consultato il 27 novembre 2020.
  3. ^ (ES) Los sindicatos recuperan afiliados por segundo año, tras la fuga de la crisis, su https://www.efe.com/efe/espana/1, 4 febbraio 2018. URL consultato il 22 novembre 2020.
  4. ^ (ES) Javier González Navarro, CC.OO. gana las elecciones sindicales por séptima vez consecutiva con el 35,43% de los delegados, in ABC. URL consultato il 23 novembre 2020.
  5. ^ (ES) Alejandro Aradas, Sindicatos más representativos a nivel nacional, su https://www.cuestioneslaborales.es/. URL consultato il 27 novembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235349019 · LCCN (ENnr91012624 · GND (DE5025988-X · BNE (ESXX136702 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr91012624