Clementina Black

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Clementina Black (Brighton, 27 luglio 185319 dicembre 1922) è stata una scrittrice inglese e una femminista.

Tra i pionieri del sindacalismo, fu strettamente legata a marxisti e socialisti fabiani del suo tempo e si batté per il diritto al suffragio universale femminile, oltre che per i diritti delle lavoratrici.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Clementina Black nacque a Brighton, Inghilterra, e fu la prima degli otto figli di David Black, vice procuratore e medico legale della città, e di sua moglie Clara Maria Patten, figlia del ritrattista di corte George Patten[1]. Venne istruita per lo più in casa, dalla madre, e imparò fluentemente tedesco e francese.

Nel 1875 la madre di Clementina morì, lasciando la sua primogenita a farsi carico del padre invalido e dei suoi sette fratelli minori (tra i quali compaiono il matematico Arthur Black e la traduttrice Costance Garnett), lavorando nel frattempo come insegnante.

Lei e le sue sorelle si trasferirono, negli anni ’80 del 1800, a Londra. Qui Clementina si dedicò alla scrittura e alla critica letteraria delle opere del secolo precedente, interessandosi anche a problematiche di carattere sociale. Divenne amica di Eleanor Marx, figlia di Karl Marx, e della scrittrice Amy Levy, per la quale fu una sorta di mentore [2]. Non si sposò mai e non ebbe alcun tipo di relazione amorosa. Fu una donna estremamente devota alle opere di bene.[3]

Morì nella sua casa di Brighton nel 1922 e venne successivamente sepolta nel cimitero di East Sheen a Londra.[4]

Attività politica e sociale[modifica | modifica wikitesto]

Durante i suoi studi venne a contatto con marxisti e fabiano-socialisti e prese parte al movimento sindacale. Nel 1886 divenne segretaria onoraria della Lega sindacalista femminile (Women’s Trade Union League) e in seguito promosse la petizione per una paga equa alla Federazione Sindacale (Trades Union Congress) del 1888. Nel 1889 contribuì alla fondazione della Women’s Trade Union Association, che diventerà poi la Women’s Industrial Council. Prestò il suo aiuto nell'organizzazione dello sciopero alla Bryant and May Factory del 1888, impegnandosi nella raccolta fondi e nel costruire un movimento di protesta e boicottaggio nei confronti della fabbrica di fiammiferi [2].

Ebbe a cuore i problemi delle donne appartenenti alla classe lavoratrice e analizzò a fondo la loro situazione all'interno della società, estendendo la sua attenzione anche ai bambini. In particolare, considerò quanto e in quale maniera influisse sui bambini l'avere una madre assente a causa del lavoro e, con una riflessione molto rivoluzionaria per quel tempo, sostenne che non sempre la madre è la persona più adatta per occuparsi dei bambini, ma che anche un esperto, uomo o donna, avrebbe potuto prendersi cura di loro in maniera ottimale. Aggiunse, inoltre, che per quanto considerato triste, i bambini avrebbero ricevuto probabilmente un trattamento migliore in una struttura specializzata, che non in una qualunque casa di operai.[5]

Clementina Black era favorevole al lavoro femminile, a patto che fosse remunerato in maniera adeguata e che l'intera famiglia approvasse e supportasse l'attività; in tal caso, al di là del guadagno economico, il lavoro avrebbe apportato anche un benessere mentale e morale alla donna. Sottolineò inoltre l'incredibile forza di volontà delle lavoratrici che, oltre al loro impiego, dovevano sbrigare le faccende domestiche, indipendentemente dal loro stato di salute [5]. Protestò contro i bassi salari delle lavoratrici, tali da rasentare la crudeltà, sostenendo che la classe operaia impoverita finisce col dare alla vita umana uno scarso valore [6]., e dal 1896 avviò la campagna per la richiesta di una paga legale minima.

Partecipò attivamente nella Fabian Society e all'interno del movimento per il suffragio universale femminile. Nel 1895 divenne direttrice del Women’s Industrial News, il giornale del Women’s Industrial Council che incoraggiava le donne appartenenti alla classe media a denunciare le condizioni di lavoro delle donne più povere. Nei primi anni del 1900 si dedicò alla campagna per il suffragio universale femminile [7].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Il primo romanzo di Clementina Black si intitola A Sussex Idyl e venne pubblicato nel 1877. Oltre ai resoconti sulla condizione sociale degli operai inglesi, che offrono dei brevi scorci della cruda realtà della classe lavoratrice [2], scrisse sette romanzi, tra in quali An Agitator, che narra delle vicende di un organizzatore di scioperi socialista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ellen Ross, Slum travelers: ladies and London poverty, 1860-1920, Berkeley, University of California Press, 2007, OCLC 869895203.
  2. ^ a b c (EN) Hetherington Naomi, Valman Nadia e Bernstein Susan David, Amy Levy: critical essays, Athens, Ohio, Ohio University Press, 2010, pp. 52-53, OCLC 884660635.
  3. ^ (EN) Lynne Hapgood, Socialism and the Work of Margaret Harkness, Constance Howell and Clementina Black: 1888–1896, in The Novel and Political Agency, vol. 5, nº 2.
  4. ^ Clementina Black, famousgraves.net. URL consultato il 13 aprile 2017.
  5. ^ a b (EN) Clementina Black e Women's Industrial Council (Great Britain), Married women's work, Garland Publishing, 1915, pp. 1-15, OCLC 503026889.
  6. ^ (EN) Clementina Black, Sweated industry and the minimum wage, Duckworth & Co., 1907, pp. IX-XIV, OCLC 944946756.
  7. ^ On This Day: The Mud March, 9th February 1907, turbulentlondon.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Black, Clementina. Sweated Industry and the Minimum Wage., Nabu Press, 2010. Print.
  • Black, Clementina. Married Women's Work. London: Virago, 1983. Print.
  • Hetherington, Naomi, and Nadia Valman, eds. Amy Levy: Critical Essays. Ohio University Press, 2010.
  • Ross, Ellen. Slum travelers: ladies and London poverty, 1860-1920. Univ of California Press, 2007.
Controllo di autorità VIAF: (EN111996619 · LCCN: (ENn80066757