Cimitero monumentale di Giubiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cimitero monumentale di Giubiano
Confessione religiosamista
Stato attualein uso
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàVarese
Costruzione
Data apertura2 maggio 1880
ArchitettoCarlo Maciachini
Tombe famoseGiovanni Bagaini
Giuseppe Bertini
Giulio Bizzozero
Francesco III d'Este
Antonio Gorini
Giuseppe Guerzoni
Dante Isella
Giulio Macchi
Felicita Morandi
Angelo Poretti
Elio Veller

Il Cimitero monumentale di Giubiano è il più grande fra tutti i campisanti della città di Varese; è locato sulla sommità del colle Giubiano, lungo l'attuale via Paolo Maspero.


Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il cimitero è delimitato da un lungo muro di cinta e si presenta come un grande spazio suddiviso in campi a giardino destinati alle sepolture, con gli angoli settentrionali incorporati in due edicole e quelli meridionali arrotondati ad emiciclo. La facciata orientata a settentrione è costituita da due porticati a tre campate, collegate da una recinzione in pietra interrotta da tre cancelli in ferro battuto, che scandiscono i tre accessi principali al camposanto. Sotto il porticato di sinistra, una lapide ricorda i varesini caduti nei vari conflitti per l'unità d'Italia ed un cippo commemorativo ricorda i garibaldini caduti nella Battaglia di Varese; alla sinistra di quest'ultimo, vi è presente un obelisco, eretto nel luglio 1676 in piazza del Potestà a Varese, poi spostato nel cimitero nel 1880. Sotto il porticato di destra si apre l'ingresso che induce al cimitero.

Superato l'ingresso principale, si apre il viale cipressato che conduce ad un portico a tre archi, sopra i quali sorge una chiesa a cappella progettata dall'ingegner Paolo Cantù; sotto il portico stesso, sono custodite le spoglie di Francesco III d'Este.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Su progetto, in stile etrusco, dell'architetto Carlo Maciachini, già progettista del Cimitero monumentale di Milano, il cimitero di Giubiano venne realizzato allo scopo di rimpiazzare il vecchio cimitero cittadino ai tempi situato sull'attuale piazzale Fratelli Kennedy, l'odierna piazza del mercato. Una volta ultimati il muro di cinta e l'ingresso, il nuovo cimitero venne ufficialmente inaugurato il 2 maggio 1880 e già il giorno seguente avvenne la prima sepoltura, quella di una bambina di soli 11 anni, ricordata da una lapide esposta sull'edificio inizialmente predisposto a camera mortuaria.

Nel 1882, dietro la chiesa ed a ridosso del confine meridionale, venne realizzato il vecchio tempio crematorio su progetto dell'architetto Augusto Guidini, a cura e spese della Società Varesina per la Cremazione (So.Crem.), uno dei primi crematori italiani; dietro di questo, vi è presente il cinerario realizzato dopo il 1890, per custodire le ceneri dei defunti. Nei primi anni del XX secolo, vennero realizzati una serie di colombari ai lati del vecchio tempio crematorio, poi raddoppiati negli anni '50.

Negli anni '70, il cimitero si espande a ponente con tre nuove aree a giardino; nel 2000, il cimitero si espande anche verso levante, con la costruzione del nuovo tempio crematorio ed una nuova area destinata ad ossari, cinerari e cappelle di famiglia.

Sepolture celebri[modifica | modifica wikitesto]

Fra le principali sepolture, si possono ricordare:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Varese Portale Varese: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Varese