Ciclocomputer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un ciclocomputer.
Il sensore di un ciclocomputer con i fili.

Il ciclocomputer è un dispositivo elettronico applicato alle biciclette che calcola e indica informazioni quali velocità istantanea, velocità massima, velocità media, distanza percorsa tramite odometro ecc... Ne esistono di due tipi, a seconda di come l'interfaccia elettronica è collegata al sensore posto vicino alla ruota: a fili o wireless.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Tipicamente il sensore è montato sulla parte bassa della forcella della ruota anteriore e rileva per induzione elettromagnetica l'impulso elettrico generato al passaggio in prossimità di un magnete montato su un raggio della ruota: impostando come riferimento la dimensione della circonferenza esterna della ruota, l'elettronica digitale di bordo del ciclocomputer calcola i parametri richiesti grazie anche alla presenza di un timer interno[1] visualizzandoli successivamente sul display a favore dell'utente.

Modelli evoluti includono anche sensori per la rilevazione della frequenza di pedalata (rpm), della frequenza cardiaca integrando il cardiofrequenzimetro e potenziometri.

Una recente evoluzione dei ciclocomputer è il ciclocomputer GPS che calcola i parametri richiesti senza il suddetto sensore sulla ruota, ma tramite l'ausilio di un ricevitore GPS che oltre alla visualizzazione delle coordinate geografiche permette anche la registrazione di tracciati, altimetrie e pendenze, sebbene questo sistema possa rivelarsi meno preciso e accurato per le limitazioni del sistema GPS stesso[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www-micro.deis.unibo.it/~romani/Dida03/esercizi/ciclocomputer_traccia.pdf
  2. ^ Cyclinside.com - Navigatori satellitari per bici, come funzionano e come usarli

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]