Chalk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Chalk (disambigua).
Chalk
Aiguille2.jpg
Falesie di chalk a Étretat
Categoriaroccia sedimentaria
Tipocalcari
Minerali principaliCalcite
Colorebianco o rosso
Immagine al microscopio elettronico di un campione di chalk del Cretaceo superiore danese, è visibile una tipica piastra di Prediscosphaera cretacea (Coccolitofori)

La chalk[1][2][3] (pronuncia inglese [ʧɔːk]) o craie[4] (pronuncia francese [kʁɛ]) o calcare fine[5] o, poco propriamente[6], creta[7][8][9] è una litologia di calcare organogeno estremamente pura[1]. È formata da calcite pura e da piccole quantità di argilla e altri minerali come quarzo[1]. Si tratta in effetti di calcare farinoso[10] costituito da frammenti di gusci di microorganismi come coccoliti e Foraminiferi, di dimensioni microscopiche, risalenti al Cretaceo superiore[11]. Può contenere anche resti fossili di Molluschi come Ammoniti e Bivalvi, inoltre Echinodermi e Brachiopodi[1].

Si tratta di una roccia a grana fine, tenera, effervescente a contatto con acido cloridrico[1], talora con intercalazioni silicee. Forma grandi ammassi rocciosi bianchi o giallastri, specie nel bacino di Parigi in Francia, Gran Bretagna, Germania[12].

Si è deposta in ambiente marino pelagico, prevalentemente durante il Cretaceo (dal nome francese della roccia, craie[13]), quando la piattaforma continentale si trovava più in basso rispetto ad oggi[1]. Dato che le aree continentali circostanti erano poco elevate ed aride, la roccia contiene scarse di tracce materiale detritico il cui apporto in mare era minimo, mentre i resti calcarei si depositavano sulla piattaforma[1].

Una forma rossa deve il suo colore all'ossido di ferro[1].

È simile per età e caratteristiche alla maiolica[13].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Chris Pellant, Rocce e minerali, Milano, Dorling Kindersley/R.C.S. Libri, 1999 [1994], p. 237. 1ª ed. originale: (EN) Rocks and Minerals, London, Dorling Kinderley Limited, 1992.
  2. ^ Diagenesi nelle rocce carbonatiche (PDF), su moodle2.units.it.
  3. ^ Note illustrative della carta geologica d'Italia (PDF), su isprambiente.gov.it.
  4. ^ La nuova enciclopedia delle scienze, p. 421
  5. ^ Il McGraw-Hill Zanichelli small size. Dizionario enciclopedico scientifico e tecnico inglese-italiano italiano-inglese, Bologna, Zanichelli, 1986, ISBN 88-08-06170-1. 1ª ed. originale: (EN) McGraw-Hill Dictionary of Scientific and Technical Terms, New York, McGraw-Hill, 1974.
  6. ^ La nuova enciclopedia delle scienze, p. 423
  7. ^ Creta, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  8. ^ crèta o créta, in Sapere.it, De Agostini, 2012.
  9. ^ Giorgio Marolli, Dizionario tecnico italiano-inglese Technical Dictionary English-Italian, 10ª ed., Firenze, Le Monnier, 1972 [1946], SBN IT\ICCU\RAV\0063554.
  10. ^ La nuova enciclopedia delle scienze, p. 421
  11. ^ La nuova enciclopedia delle scienze, p. 421
  12. ^ La nuova enciclopedia delle scienze, p. 421
  13. ^ a b Italo Sordi (a cura di), Dizionario enciclopedico dei termini scientifici della Oxford University Press, traduzione di Paolo Schiannini, Milano, Rizzoli, 1990, p. 457, ISBN 88-17-14522-X. 1ª ed. originale: (EN) Alan Isaacs, John Daintith e Elizabeth Martin (a cura di), Concise Science Dictionary, Aylesbury, Market House Books Ltd., 1990.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]