Cesare Malpica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cesare Malpica

Cesare Malpica (Capua, 2 aprile 1804Napoli, 12 dicembre 1848) è stato un giornalista, avvocato e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da Ignazio, ufficiale borbonico calabrese, e da Maria Antonia Turino, si laureò in Giurisprudenza e esercitò l'avvocatura a Salerno. Di idee liberali, partecipò alla rivoluzione dei filadelfi nel 1828 ma venne arrestato assieme ad altri cospiratori. Scarcerato l'anno seguente, Malpica iniziò l'attività giornalistica a Salerno e nel 1830 si trasferì a Napoli, dove aprì una scuola privata e iniziò a collaborare con periodici come Poliorama Pittoresco e Lucifero. Fu redattore unico de Giornale de' giovanetti e Giornale delle madri e dei fanciulli, con l'obiettivo di far conoscere gli studi classici alle giovani generazioni dell'epoca.

Successivamente, Malpica si dedicò all'attività di giornalista descrivendo le sue impressioni durante i viaggi nelle province del Regno delle Due Sicilie. Attivo anche come poeta, scrisse versi in onore di Pio IX dello scultore Vincenzo Gajassi. Nel 1848 si schierò accanto a Pasquale Stanislao Mancini a favore del costituzionalismo napoletano.

Morì pochi mesi dopo a Napoli, lasciando la moglie Annunziata Cottin e cinque figlie.

Alcune opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Ore malinconiche (1836)
  • Pensieri del tramonto (1839)
  • Il giardino d'Italia, 1841-1847 (La Puglia, 1841; Venti giorni in Roma, 1843; Le notti romane, ecc., 1844; Un mese negli Abruzzi, 1844;Dal Sebeto al Faro, 1845; La Toscana, l'Umbria e la Magna Grecia, 1846; La Basilicata, 1847)
  • Una vedova e un mistero. Storia del sec. XIX (1846)
  • Poesie scelte (1845)
  • L'ultimo dei Savelli (1850)

"Bianca di Salerno", pubblicato a puntate sul settimanale "Lo Spettatore Napoletano"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN66775913 · ISNI (EN0000 0001 0911 2381 · SBN IT\ICCU\CFIV\053613 · LCCN (ENnr95034281 · GND (DE133759245 · BNF (FRcb15527213q (data) · CERL cnp01393562 · WorldCat Identities (ENnr95-034281
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie