Cesare Asti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cesare Asti (Napoli, 28 giugno 1815Napoli, 20 giugno 1897) è stato un attore teatrale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cesare Asti fu un attore teatrale italiano, attivo nel XIX secolo.[1][2]

Si mise in evidenza nel 1840 al Teatro dei Fiorentini di Napoli, interpretando la parte di un vecchio mendico nel dramma La valle del torrente, con il quale riscosse un grande successo e consenso.[1]

Negli anni successivi lavorò con numerose compagnie teatrali,[3][4] nel ruolo di caratterista e nel 1854 diventò capocomico,[5][1][6][7]dirigendo una compagnia costituita dalla prima attrice Laura Della Seta, dalla prima amorosa Amalia Apelli Alberti, dal primo attore Luigi Carani, dal primo amoroso Ludovico Bernabei, padre e tiranno Cesare Asti, caratterista Giuseppe Terzuoli, parti brillanti Valeriano Pedretti;[6] successivamente guidò la Drammatica Compagnia Veneta, diretta nel 1857.[8]

Tra le opere rappresentate si possono menzionare quelle di Torquato Tasso.[9]

Era famoso soprattutto per la parte dell'ignorante e del personaggio che fa papere, così come per la sua brama di ricevere applausi, che ispirava in lui reazioni imprevedibili, se insoddisfatta.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Cesare Asti, in le muse, I, Novara, De Agostini, 1964, p. 422.
  2. ^ Foglio di Verona, su books.google.it. URL consultato il 12 marzo 2019.
  3. ^ attori italiani, su amati.fupress.net. URL consultato il 12 marzo 2019.
  4. ^ Il Censore universale, dei teatri, su books.google.it. URL consultato il 12 marzo 2019.
  5. ^ Pezzana, Luigi, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 12 marzo 2019.
  6. ^ a b Il Pirata. Giornale di letteratura, belle arti, mestieri, mode, teatri e ..., su books.google.it. URL consultato il 12 marzo 2019.
  7. ^ Archivio multimediale - attori italiani, su amati.fupress.net. URL consultato il 12 marzo 2019.
  8. ^ Serie Carteggi - 1857, su lacasadellamusica.it. URL consultato il 12 marzo 2019.
  9. ^ Il pirata giornale artistico, letterario, teatrale, su books.google.it. URL consultato il 12 marzo 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Apollonio, Storia del Teatro italiano, Sansoni, 1981.
  • Silvio D'Amico, Il teatro italiano, Cosmopoli, 1932.
  • P. Emiliani Giudici, Storia del teatro in Italia: Introduzione, Le Monnier, 1869.
  • Emilio Faccioli, Il Teatro Italiano, Einaudi, 1975.
  • Siro Ferrone, La Commedia e il dramma borghese nell'Ottocento, Einaudi, 1979.
  • Paolo Puppa, Parola di scena: teatro italiano tra Otto e Novecento, Roma, Bulzoni, 1999.
  • L. Rasi, I comici italiani. Biografia, bibliografia, iconografia, II, Firenze, 1905.
  • Mirella Schino, Profilo del teatro italiano dal XV al XX secolo, Carocci, 2003.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]