Teatro dei Fiorentini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teatro dei Fiorentini
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàNapoli
Indirizzovia Roberto Bracco
Realizzazione
Costruzione1618

Coordinate: 40°50′32.27″N 14°15′00.21″E / 40.842297°N 14.250058°E40.842297; 14.250058

Il Teatro dei Fiorentini era un famoso teatro napoletano, attivo principalmente come teatro d'opera nel XVIII secolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fino alla sua chiusura era il teatro più antico di Napoli; venne fondato nel 1618 e prese il nome dalla vicina Chiesa di San Giovanni dei Fiorentini. Nel primo secolo di attività venivano date solamente rappresentazioni in prosa, ma nel 1706, vista la debole attività che veniva svolta in esso (ormai venivano messe in scena solamente commedie spagnole di poco conto), alcuni nobili decisero di rinnovarlo e di trasformarlo quindi in un teatro d'opera, anche grazie all'esperienza e alla bravura di Nicola Serino, che proprio nel 1706 fu il nuovo direttore del teatro.

Così il teatro divenne in breve tempo uno dei maggiori palcoscenici napoletani, nel quale furono rappresentati intermezzi e opere buffe dei maggiori compositori partenopei dell'epoca. Nonostante un terribile incendio che lo distrusse il 17 gennaio 1711, dopo la messa in scena de La Cianna, il successo non venne meno alla struttura, che fu riaperta due anni dopo, nel 1713.

Nel 1747 il teatro fu rilevato da Pietro Trinchera, ma l'iniziativa si concluse miseramente nel 1755.[1] Dal 1773 al 1779 il teatro fu restaurato e ampliato secondo il disegno dell'architetto Francesco Scarola, allievo di Ferdinando Fuga.[2]

Nella Compagnia Reale dei Fiorentini entra nel 1845 per la prima volta Tommaso Salvini, il quale vi rientrerà poi nel 1860 con l'allora direttore Adamo Alberti.

Nel 1941 il teatro fu gravemente danneggiato da un bombardamento.[3][4] Negli anni cinquanta del XX secolo fu completata la sua demolizione nel prosieguo dei lavori di costruzione del nuovo rione Carità: smise così di funzionare come teatro e tutt'oggi in quel loco è ubicata una fondazione che porta il nome di Fiorentini, la quale inizialmente fu un cinema e attualmente una sala da bingo.

Prime assolute[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rizzoli Ricordi, Enciclopedia della musica, Volume 6, Rizzoli Editore, 1972
  2. ^ Arnaldo Venditti, Architettura neoclassica a Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 1961
  3. ^ Franco Carmelo Greco, La tradizione ed il comico a Napoli dal XVIII secolo ad oggi, Guida, 1982
  4. ^ AA.VV. Dramma, 1965