Centrale idroelettrica di Verampio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 46°14′31.99″N 8°19′26.8″E / 46.242219°N 8.324111°E46.242219; 8.324111

Centrale idroelettrica di Verampio
Localizzazione
Stato Italia Italia
Località Verampio, Crodo
Informazioni generali
Tipo di centrale a serbatoio
Situazione operativa
Anno di costruzione 1913
Inizio produzione commerciale 1914
Macchinario idraulico
Configurazione 2 gruppi
Produttore delle turbine Andino Hydropower
Tipologia delle turbine Pelton
Portata 10,5 m³/s
Produzione elettrica
Potenza netta 53 MW
Generatori Sincrono trifase
Ulteriori dettagli
Architetto Piero Portaluppi
Costruttore Società per Imprese Elettriche Conti & C

La centrale Ettore Conti di Verampio (comune di Crodo), una delle più vecchie d'Italia, si trova nel comune di alla confluenza del fiume Toce e del torrente Devero ed è la prima centrale che si incontra risalendo la Valle Antigorio.

Venne costruita fra il 1912 e io 1914 da Ettore Conti di Verampio, un imprenditore milanese che per primo sfruttò l'energia idroelettrica nelle Valli Antigorio e Formazza.

Equipaggiamento iniziale[modifica | modifica wikitesto]

La centrale nel 1914 venne inizialmente equipaggiata con 4 gruppi turbina Pelton, per una potenza complessiva di oltre 20 MW.
Le turbine, Pelton con unico distributore a getto rotondo e regolazione a spina, con deviatore automatico del getto per impedire i colpi d'ariete, manovrato da regolatore autonomo ad olio (impianto originario), furono prodotte dalla società Costruzioni Meccaniche Riva[1].

Gli alternatori (originariamente forniti dalla Brown Boveri) generavano energia elettrica alla tensione di 7,3 kV, 42 Hz.

Equipaggiamenti successivi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1949 l'equipaggiamento iniziale di 4 gruppi venne sostituito con due gruppi singoli, ciascuno dei quali costituito da un generatore accoppiato con due turbine Pelton a due getti, con asse orizzontale, per un totale di oltre 48 MW.

In corrispondenza al cambiamento della frequenza della rete (dai 42 Hz originari agli attuali 50 Hz), nel 1950 le giranti vennero sostituite ed una di esse fu donata al Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci.
La sostituzione delle giranti portò un incremento di 10 punti percentuali del rendimento che superò così il 90%.

La condotta che alimenta l'impianto ha il diametro variabile fino di 190 mm e una lunghezza di 1540 m. Le condotte laterali fungono da sfioratore della vasca di carico

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista architettonico, venne progettata dall'architetto Piero Portaluppi, che realizzò un edificio ricco di decorazioni geometriche, con rivestimenti bugnati in pietra locale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ tratto da: Note della Società Costruzioni Meccaniche Riva - Milano, in occasione della XXVI riunione e della celebrazione del XXV dell'Associazione Elettrotecnica Italiana, Milano, 1922