Celeste Ng

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Celeste Ng

Celeste Ng (Pittsburgh, 1980) è una scrittrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È cresciuta a Pittsburgh, in Pennsylvania e a Shaker Heights, Ohio, in una famiglia di scienziati. Ha frequentato la Harvard University e la University of Michigan, i suoi racconti e i suoi articoli sono apparsi su One Story e i TriQuarterly la Bellevue Literary Review e la Kenyon Review Onlineed è stata premiata con il Pushcart Prize. Abita a Cambridge Massachusetts, con il marito e il figlio.

Celeste Ng è un'autrice statunitense. Il suo primo libro, Quello che non ti ho mai detto (Everything I never told you), ha vinto il Premio Alex e il riconoscimento Amazon book dell'anno[1]. Nel 2015 un suo racconto breve, Girls at play, ha vinto[2] il Pushcart Prize nel 2012. Il suo secondo romanzo, Tanti piccoli fuochi (Little fires everywhere), è stato pubblicato nel 2017 ed è stato adattato in una serie televisiva[3] disponibile sulla piattaforma Amazon Prime Video.

Opere tradotte in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • Quello che non ti ho mai detto, Bollati Boringhieri, 2015 (Everything I Never Told You, 2014)
  • Tanti piccoli fuochi, Bollati Boringhieri, 2018 (Little Fires Everywhere, 2017)
  • I nostri cuori perduti, Mondadori, 2022 (Our Missing Hearths, 2022)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Amazon book of the year winner Celeste Ng: 'Writing's like shouting into the world', su The Guardian, 17 novembre 2014. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  2. ^ (EN) Nicole Lamy, Celeste Ng Is More Than a Novelist, in The New York Times, 20 dicembre 2018. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  3. ^ Mauro Donzelli, Tanti piccoli fuochi: in libreria il romanzo che ha ispirato la nuova mini serie con Reese Whiterspoon, su ComingSoon.it, 26 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2021).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN20146635715841982875 · ISNI (EN0000 0004 2341 8477 · LCCN (ENn2013065418 · GND (DE110227481X · BNE (ESXX5621069 (data) · BNF (FRcb17027477x (data) · NSK (HR000716758 · CONOR.SI (SL293387875 · WorldCat Identities (ENlccn-n2013065418