Celesiria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Celesiria (gr. ἡ κοίλη Συρία Koile Syria "la Siria concava", lat. Syria Coele) era il nome dato dai Greci, e adottato poi dai Romani quando ne fecero una loro provincia, a quella regione compresa tra le catene del Monte Libano e dell'Anti-Libano, in quella che è la pianura della Beqā‘ dell'attuale Stato libanese.

Il generale di Alessandro Magno, Tolomeo I Sotere occupò per primo la Celesiria nel 318 a.C. Quando Tolomeo radunò la coalizione contro Antigono Monoftalmo nel 313 a.C., egli abbandonò tuttavia rapidamente la Celesiria.

Nel 312 Seleuco I Nicatore, sconfisse Demetrio I di Macedonia, figlio di Antigono, nella Battaglia di Gaza e ciò permise ancora una volta a Tolomeo di occupare la Celesiria. Malgrado egli fosse costretto appena pochi mesi dopo a lasciare la regione, dopo che Demetrio ebbe vinto una battaglia contro il suo generale e dopo che Antigono fece il suo ingresso in forze in Siria, questo successo fu di breve durata perché lasciò il posto a una rapida controffensiva di Seleuco che s'impadronì di Babilonia. Nel 302, Tolomeo radunò una nuova coalizione contro Antigono e rioccupò la Celesiria prima di abbandonarla di nuovo per la falsa voce che voleva che Antigono avesse conseguito una nuova vittoria.

Fu solo dopo che Antigono fu infine sconfitto nella Battaglia di Ipso nel 301 a.C. che gli poté ritornarvi. La Celesiria fu allora affidata a Seleuco.

L'area fu già arabizzata nel I secolo a.C. dai Nabatei ma divenne ancor più importante prima dell'apparire dell'Islam perché in essa s'installò la dinastia araba dei cristiani Ghassanidi, alleata di Costantinopoli, tanto che il suo sovrano era annoverato come filarca (comandante amico) nel cerimoniale di corte bizantino e autorizzato a sfilare subito dopo l'Imperatore nel corso delle numerose cerimonie ufficiali che si svolgevano nella "Seconda Roma" sul Bosforo: onore ribadito nei banchetti, allorché il basileus ospitava accanto a sé il re ghassanide.

Governatori romani di Celesiria[modifica | modifica sorgente]