Castello di Villagonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Villagonia
Ubicazione
StatoRegno di Sicilia
Stato attualeItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
CittàTaormina
Coordinate37°50′43.92″N 15°16′57.07″E / 37.845533°N 15.282519°E37.845533; 15.282519Coordinate: 37°50′43.92″N 15°16′57.07″E / 37.845533°N 15.282519°E37.845533; 15.282519
Mappa di localizzazione: Italia
Castello di Villagonia
Informazioni generali
Inizio costruzioneepoca feudale
Demolizione1913
Condizione attualeDemolito
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Villagonia era una dimora signorile situata in riva al mare, nella frazione taorminese di Villagonia, in provincia di Messina. Faceva parte del sistema difensivo di Capo Schisò.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Villagonia venne edificato in epoca feudale dai Marchesi De Spuches. Agli inizi del XVI secolo Capo Schisò (l'area in cui sorgeva l'antica Naxos), in conseguenza delle incursioni dei pirati, venne fortificato mediante la ricostruzione di un precedente fortino integrandovi gli elementi costituiti da Torre Vignazza e dal vecchio castello di Naxos, dimora del giureconsulto Martino. Nello stesso sistema difensivo fu inserito anche il castello di Villagonia.

Il castello successivamente divenne, in conseguenza di legami parentali, dimora della famiglia dei San Martino, principi del Pardo, duchi di Montalbo e Santo Stefano di Briga e dei discendenti. Gli ultimi proprietari, Giuseppe San Martino e la moglie, nel 1913 ne subirono l'esproprio per il progetto di ampliamento della stazione ferroviaria. Il castello fu demolito in seguito all'inizio dei lavori della stazione di Taormina-Giardini[1].

Del castello di Villagonia rimane solo qualche immagine dei primi del Novecento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]