Castello di Spotorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Spotorno
Castellospotorno3.jpg
Veduta del lato principale
Ubicazione
StatoDominio feudale del vescovo di Savona
Stato attualeItalia Italia
RegioneLiguria Liguria
CittàSpotorno
Coordinate44°13′48.5″N 8°24′53.68″E / 44.230139°N 8.414911°E44.230139; 8.414911Coordinate: 44°13′48.5″N 8°24′53.68″E / 44.230139°N 8.414911°E44.230139; 8.414911
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Spotorno
Informazioni generali
Tipocastello-fortezza
Inizio costruzioneXII secolo; 1228; XVI secolo
Primo proprietarioVescovo di Savona
Condizione attualeruderi
Informazioni militari
UtilizzatoreVescovo di Savona
Comune di Savona
Repubblica di Genova
De Loterio
Termine funzione strategicaXVI secolo
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Spotorno è stato un edificio difensivo dell'omonimo comune costiero, nella Riviera delle Palme, in provincia di Savona. La postazione è ubicata in posizione semi elevata su un colle a nord dell'odierno abitato spotornese.

Cenni storici e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Veduta del lato posteriore del rudere del castello

Il castello fu edificato in un periodo antecedente o durante la dominazione feudale dei vescovi di Savona tanto che già nel 1180[1] la fortezza risulta essere tra le proprietà feudali della diocesi savonese.

Abbattuto agli inizi del XIII secolo[1] e ricostruito nel 1218[1], fu nuovamente distrutto nel 1227[1] dalla popolazione di Noli e Segno, questi ultimi fedeli alleati e sostenitrici di Genova.

Nuovamente riedificato nelle forme attuali quadrangolari tra il XIV-XVI secolo[1], divenne proprietà del Comune di Savona nel 1333[1] e della famiglia dei De Loterio nella seconda metà del Cinquecento[1] e che ne mantennero il possesso fino allo scoppio della prima guerra mondiale[1].

Oggi il castello, che si trova sulla collina che domina il paese e sottoposto a vincolo di tutela dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici dal 1933[1], si trova in stato di rovina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Fonte dal sito Sulla cresta dell'onda.it, su sullacrestadellonda.it. URL consultato il 24-10-2012 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2009).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I Castelli della Liguria / "Architettura fortificata ligure", Mondani Editori, 1973.
  • Il Finalese e la costa da Vado a Ceriale, Edizioni Sagep, 1980.
  • Mauro Minola, Beppe Ronco, Castelli e Fortezze di Liguria. Un affascinante viaggio tra storia e architettura, Recco, Edizioni Servizi Editoriali, 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]