Castel del Bosco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Casteldelbosco)
Jump to navigation Jump to search
Castel del Bosco
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Pisa-Stemma.svg Pisa
ComuneMontopoli in Val d'Arno-Stemma.png Montopoli in Val d'Arno
Territorio
Coordinate43°40′00.01″N 10°42′00″E / 43.66667°N 10.7°E43.66667; 10.7 (Castel del Bosco)Coordinate: 43°40′00.01″N 10°42′00″E / 43.66667°N 10.7°E43.66667; 10.7 (Castel del Bosco)
Altitudine30 m s.l.m.
Abitanti859 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale56020
Prefisso0571
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantiboschigiano, boschigiani[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castel del Bosco
Castel del Bosco

Castel del Bosco (o Casteldelbosco) è una frazione del comune italiano di Montopoli in Val d'Arno, nella provincia di Pisa, in Toscana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo di Castel del Bosco nacque in epoca medievale, quando gli arcivescovi di Pisa fecero qui istituire una dogana a catena per il pedaggio nei confronti di chi arrivava o si dirigeva a Firenze.[2] Luogo di confine, fu teatro di numerosi scontri tra pisani e fiorentini, e qui l'11 luglio 1222 venne combattuta una violenta battaglia nella quale Pisa risultò sconfitta, con oltre 1 300 prigionieri trasportati a Firenze.[2] Nel 1279 la suddetta dogana venne poi spostata in luogo più vicino alla città di Pisa, e fu quindi scelta la località di Calcinaia.[2] Tra il XIII e il XIV secolo, Castel del Bosco dovette subire nuovi attacchi da parte dei fiorentini, ma anche dei lucchesi e, nel 1345, delle truppe milanesi di Luchino Visconti.[2]

In seguito alla pace di Pescia, i fiorentini obbligarono i pisani a distruggere e smantellare completamente il castello di Castel del Bosco.[2]

Nel 1927 il territorio di Castel del Bosco fu scorporato dal comune di Palaia per confluire in quello di Montopoli in Val d'Arno.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Bruno, chiesa parrocchiale della frazione, fu edificata a seguito di un rescritto granducale del 1783 e di un decreto del vescovo di San Miniato del 1784. All'interno sono conservati un affresco tardo settecentesco raffigurante san Bruno, ed un pregevole altare in pietra datato 1822 nella cappella di sinistra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 121.
  2. ^ a b c d e Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 2, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, pp. 655–656.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Pisa Portale Provincia di Pisa: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Provincia di Pisa