Carta da forno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carta da forno

La carta da forno è la carta impermeabile usata per cucinare cibi in forno evitando così che si attacchino alla placca da forno; permette in questo modo di rinunciare all'uso di grassi come la margarina ed il burro; resiste in genere a temperature fino a 250 gradi ma il consiglio, secondo gli esperti, è di non oltrepassare i 220 °C, temperatura oltre la quale potrebbe contaminare l'alimento con sostanze indesiderate.[1]

Può trattarsi di una carta semplicemente rivestita di silicone (in genere le gomme siliconiche hanno la peculiarità di essere notevolmente resistenti al calore e agli attacchi chimici), oppure di carta simile a pergamena ottenuta in un bagno a base di agenti chimici come l'acido solforico.

Chi immette in commercio una carta da forno, così come qualsiasi altro oggetto destinato ad entrare in contatto con alimenti, è tenuto a rilasciare una dichiarazione sulla sicurezza, in modo da certificare che il prodotto contenga solo sostanze ammesse dalla legge.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Foltran Luca - Il Fatto Alimentaree

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]