Carlo Petitti di Roreto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Petitti di Roreto
Carlo Ilarione Petitti di Roreto.jpg
Carlo Petitti di Roreto
18 dicembre 1862 – 27 gennaio 1933
Nato aTorino
Morto aTorino
Dati militari
Paese servitoItalia Regno d'Italia
Forza armataRegio Esercito
ArmaEsercito
Carabinieri
CorpoGranatieri
Fanteria
Anni di servizio1876 - 1933
GradoGenerale di corpo d'armata
Ferite1 durante la ritirata dall'Isonzo al Piave (prima guerra mondiale)
GuerreGuerra italo-turca
Prima guerra mondiale
Comandante di50º Reggimento fanteria "Parma"
Studi militariCollegio militare di Milano
Collegio militare di Firenze
voci di militari presenti su Wikipedia

Carlo Petitti di Roreto (Torino, 18 dicembre 1862Torino, 27 gennaio 1933) è stato un generale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di una nobile famiglia piemontese, il nonno fu Carlo Ilarione Petitti di Roreto, celebre economista e scrittore ed egli era nipote del senatore Agostino Petitti Bagliani di Roreto.

Dopo aver intrapreso la carriera militare sul finire dell'Ottocento, partecipò agli scontri della prima guerra mondiale, ove dal 4 giugno 1915 al 29 ottobre 1915 ottenne il comando della 1ª Divisione di fanteria come generale. Nel 1916 ottenne il comando della 35ª Divisione, prendendone possesso alle 15.30 del 15 maggio di quell'anno nei pressi di Malga Zolle, sul versante sud del Monte Toraro, proprio in occasione dell'avvio dell'offensiva austriaca sugli altopiani. Fu al comando del Corpo di spedizione italiano in Macedonia dall'agosto 1916 al giugno 1917.

Dal 1918, promosso generale di corpo d'armata, ottenne il comando del XXIII Corpo d'armata (divv. 28^ e 61^), che durante la Battaglia del Solstizio operò sulla riva destra del Piave da Croce di Piave al mare. Il 2 novembre 1918 divenne governatore di Trieste e della Venezia Giulia, mantenendo l'incarico fino al luglio 1919.

Al termine del primo conflitto mondiale, ottenne la nomina a comandante generale dell'Arma dei carabinieri il 25 agosto 1919, rimanendo in carica sino al 29 ottobre 1921.

Nel dicembre 1919 fu nominato senatore del Regno[1].

In politica un attivo esponente delle tradizionali correnti liberali, fu personalità dal tratto burbero, persino altezzoso nell'opinione di osservatori stranieri (spesso pregiudizievolmente ostili, o prevenuti, per interessi propri) non avvezzi al carattere "piemontese", ma considerato un bravo amministratore ed un abile mediatore, come si dimostrò in Macedonia e nella Venezia Giulia[2].

Edoardo Schott[3], corrispondente di guerra a Salonicco lo definì "un altezzoso italiano di alta nobiltà piemontese".

Morì nella natìa Torino nel 1933.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia
— 16 marzo 1913[4]
Commendatore dell'Ordine Militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Militare di Savoia
— 28 dicembre 1916[4]
Grande ufficiale dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine militare di Savoia
— 19 settembre 1918[4]
Medaglia d'Argento al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al Valor Militare
«Comandante di un gruppo di corpi d'armata dall'Isonzo al Piave spiego la massima attività per superare la gravissima crisi. Si gettò personalmente ed arditamente nella mischia alla testa delle nostre retroguardie per trattenere il nemico; esempio mirabile di valore a tutte le truppe dipendenti.»
— Isonzo-Piave, ottobre-novembre 1917
Medaglia d'Argento al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al Valor Militare
«Comandante di divisione in Macedonia, dimostrava ottime qualità militari nel curare personalmente la situazione difensiva del settore affidatogli, sprezzante di ogni pericolo, in numerose ricognizioni ed ispezioni sulle prime linee, anche durante bombardamenti nemici.Rimasto ferito non lievemente, non cedeva il comando che gli era stato affidato, non curante di sé, ma soltanto del compimento del proprio dovere.»
— Monastir (Macedonia) novembre-dicembre 1916
Medaglia Mauriziana al merito di 10 lustri di carriera militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Mauriziana al merito di 10 lustri di carriera militare
Croce d'oro con corona reale per anzianità di servizio militare per gli ufficiali con 40 anni di servizio - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro con corona reale per anzianità di servizio militare per gli ufficiali con 40 anni di servizio
Croce al merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra
Medaglia commemorativa della guerra italo-turca - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-turca
Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna)
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia
Medaglia commemorativa italiana della vittoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa italiana della vittoria

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Grand'Ufficiale dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Serbia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Serbia)
Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Croce di guerra francese (1914-1918) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra francese (1914-1918)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ Raoul Pupo: La vittoria senza pace, Editori Laterza, 2014
  3. ^ Imprenditore, giornalista ma soprattutto attivista politico. Di famiglia di origini ebraiche proveniente dalla Romania, fu in quegli anni il principale leader della giuliana "Dsi" (Democrazia sociale irredenta) di area mazziniana, in particolare della corrente di "sinistra" del partito. Raoul Pupo: La vittoria senza pace, Editori Laterza, 2014.
  4. ^ a b c Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90357766 · SBN IT\ICCU\SBNV\014934
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie