Carcinoma indifferenziato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il carcinoma indifferenziato è una forma neoplastica.

Il nome[modifica | modifica wikitesto]

In generale è possibile omettere la dicitura "indifferenziato" se prima di essa è citata la parola "carcinoma". Infatti il termine carcinoma (o cancro) indica una neoplasia maligna di tipo epiteliale. Una neoplasia si dice maligna quando tra le caratteristiche delle cellule neoplastiche si presenta un forte grado di dedifferenziazione.

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

Di elevata malignità e di rapida progressione può mostrarsi in varie parti del corpo, coinvolgendo anche trachea e collo, più raramente si ritrovano nel colon-retto. Sviluppa metastasi anche a livello epatico.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Si manifestano principalmente intorno ai 60-70 anni.

Tipologia[modifica | modifica wikitesto]

Si divide in tre forme principali:

  • Carcinoma indifferenziato piccole cellule (microcitoma)
  • Carcinoma indifferenziato a grandi cellule
  • Carcinoma simil-linfoepitelioma, molto raro si ritrova maggiormente in Cina e nei popoli eschimesi

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

Quasi il 50% delle persone non sopravvivono ai 6 mesi dalla diagnosi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Progressi clinici. aa.vv. Editore PICCIN. ISSN 0393-764X
  • Trattato di chirurgia oncologica. Francesco Mazzeo, Pietro Forestieri. PICCIN, 2003. ISBN 9788829916542
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina