Capanna Scaletta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Capanna Scaletta
Capanna Scaletta 30 giugno 2009 040.jpg
I due edifici edificati negli ultimi anni
Ubicazione
Stato Svizzera Svizzera
Altitudine 2 205 m s.l.m.
Località Ghirone
Catena Alpi Lepontine
Coordinate 46°36′28.08″N 8°56′25.44″E / 46.6078°N 8.9404°E46.6078; 8.9404Coordinate: 46°36′28.08″N 8°56′25.44″E / 46.6078°N 8.9404°E46.6078; 8.9404
Dati generali
Inaugurazione 1995
Proprietà SAT Lucomagno
Gestione SAT Lucomagno
Periodo di apertura sempre aperta
Capienza 40+16 posti letto
Mappa di localizzazione

La capanna Scaletta è un rifugio alpino situato nel territorio dell'ex comune di Ghirone aggregatosi al comune di Blenio, Canton Ticino, Svizzera nelle Alpi Lepontine, sul versante meridionale del passo della Greina a una altitudine di 2.205 m s.l.m.

Caratteristiche e informazioni[modifica | modifica wikitesto]

Dispone di 40 posti letto nella costruzione più recente e 16 nell'antico rifugio, quest'ultimo è aperto tutto l'anno. La nuova struttura ha piani di cottura a gas e a legna, illuminazione con pannelli solari, WC, due camere da 5 posti e una camerata da 30 posti letto.

L'antica capanna aperta tutto l'anno

La presenza del custode è garantita dal 1º giugno al 15 ottobre. Il rifugio è raggiungibile a piedi in 3 ore da Ghirone. Durante la bella stagione un servizio di bus, porta gli escursionisti fino a 1 900 m s.l.m. in località Pian Geirèt, da questa fermata il rifugio è facilmente raggiungibile in meno di un'ora di salita.

La regione della Greina permette agli escursionisti ed alpinisti esperti di raggiungere dal rifugio numerose vette che superano i tremila metri di quota come il Piz Medel. La regione è anche rinomata per lo sci escursionistico, che si può praticare fino in tarda primavera.

Ascensioni[modifica | modifica wikitesto]

Traversate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiara Brenna, Ticino e Mesolcina. Guida escursionistica, Salvioni Edizioni, Bellinzona 2003.
  • Massimo Gabuzzi, Capanne del Ticino e della Mesolcina, Bellinzona, Salvioni, 2005.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]