Campo di concentramento di Yodok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il campo di concentramento di Yodok (요덕 제15호 관리소?, 耀德第十五號管理所?, Yodŏk Che Sibo-ho Kwan-li-soLR – in italiano colonia penale lavorativa di Yodŏk) è un campo di concentramento kwalliso situato in Corea del Nord. È altresì identificato come "colonia penale lavorativa numero 15". È adibito all'imprigionamento di coloro che sono ritenuti responsabili di reati politici o contro lo stato, condannati ai lavori forzati.[1][2]

Posizione[modifica | modifica wikitesto]

Mappa di localizzazione: Corea del Nord
Pyongyang
Pyongyang
Yodok
Yodok
Posizione del campo di Yodok all'interno della Corea del Nord

Il campo è situato 110 km a nordest di Pyongyang,[3] precisamente nella contea di Yodŏk-gun della provincia Sud Hamgyong. L'area del campo si estende in una valle solcata dal corso del fiume Ipsok (affluente del Yonghung) e delimitata da alcune montagne: tra le principali si menziona il monte Paek (altitudine 1742 m) a nord, il monte Modo (1 833 m) a nord-ovest, il monte Tok (1 250 m) ad ovest, e il monte Byeongpung-san (1 152 m) a sud.[4] L'accesso principale alla valle è il passo Chaebong, situato ad est, avente un'altitudine di 1 250 m.[5]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il campo si estende per circa 378 km2.[6] Il perimetro è fortificato con alti muri, recinzioni elettrificate e reti di filo spinato alte fino a 4 m, con torrette di sorveglianza a intervalli regolari. La struttura è presidiata da 1 000 guardie armate.[5]

Il campo è diviso in due zone:[4]

  • La zona a controllo totale (in hangŭl 특별독재대상구역), a sua volta divisa in due colonie penali: Pyongchang-ri e Yongpyong-ri. Qui sono recluse le persone ritenute colpevoli di reati più gravi (attentati contro il regime o dissidenza politica, ideologica o religiosa)[7]. Chi è detenuto in questo settore non verrà mai rilasciato.[8]
  • La zona rivoluzionaria (in hangŭl 혁명화대상구역), nella quale sono rinchiusi i responsabili di crimini ritenuti meno gravi (tentativi di espatrio clandestino, aver ascoltato trasmissioni radiotelevisive estere o critiche alle politiche del regime). Questi prigionieri possono eventualmente essere scarcerati.[9]

Negli anni 1990 si stimava che nella zona a controllo totale fossero incarcerate 30.000 persone, contro 16.500 reclusi nella zona rivoluzionaria;[5] le immagini satellitari catturate dopo il 2010 hanno evidenziato un considerevole ampliamento dell'area del campo, facendo supporre che la popolazione carceraria fosse aumentata di conseguenza.[10] La maggior parte dei detenuti di Yodok non ha subito un regolare processo e la loro deportazione si basa su confessioni estorte con la tortura. Non di rado i rei di crimini più gravi sono incarcerati con tutta la loro famiglia, inclusi anziani e bambini.[11][12]

Nel 2004 una stazione televisiva giapponese trasmise un filmato (dall'attendibilità mai appieno accertata)[13] che mostrava delle immagini del campo.

Situazione del campo[modifica | modifica wikitesto]

Condizioni di vita[modifica | modifica wikitesto]

I prigionieri vivono in piccole e sudicie capanne, con mura costruite con fango secco e il tetto di paglia e assi di legno marcito.[14] In una stanza di circa 50 m2 trovano posto 30–40 detenuti, che dormono su semplici assi di legno.[8] La ventilazione degli ambienti è scarsissima e non c'è riscaldamento; d'inverno le temperature arrivano a -20 °C[5] causando il congelamento e l'assideramento di diversi detenuti.[15] La scarsa igiene e l'assenza di assistenza medica favorisce la diffusione di malattie come polmonite, tubercolosi, pellagra e altre.[16]

I vestiti dei detenuti sono riciclati: i nuovi detenuti ricevono gli indumenti dei morti (che vengono sepolti nudi) e/o dei rilasciati,[17] che spesso sono sporchi e consumati.[18] Spesso mancano le calzature e non è possibile cambiarsi d'abito, nemmeno per svolgere mansioni lavorative pericolose.[19]

Per i detenuti è quasi impossibile lavarsi o lavare i propri indumenti,[12] causando anche una proliferazione di parassiti in tutto il campo.[20] I servizi igienici sono pochi (1 per 200 persone) ed egualmente sudici;[21] giacché manca la carta igienica, i deportati sono costretti ad usare foglie d'albero per pulirsi.[22]

Le guardie del campo designano alcuni detenuti "meritevoli" per sorvegliare gli altri (analogamente ai kapò dei lager nazisti), che vengono divisi in gruppi: se un solo detenuto lavora meno di quanto gli è stato imposto, tutto il suo gruppo viene punito. Ciò demolisce l'eventuale solidarietà tra carcerati e li stimola a vigilare l'uno sull'altro.[14]

Schiavitù[modifica | modifica wikitesto]

Uomini, donne e bambini lavorano 7 giorni su 7[23] e sono trattati come schiavi.[24] Nel campo si trovano una cava di gesso ed una miniera d'oro, tessiture, distillerie, fucine,[5] campi coltivati e boschi da taglio. Mancando ogni protezione, gli incidenti sul lavoro sono quotidiani.[25]

In estate, la giornata lavorativa inizia alle 4 del mattino e termina alle 20.[10] Nelle altre stagioni si inizia a lavorare alle 5:30 del mattino e non di rado si prosegue oltre le 20, qualora le direttive non siano state rispettate.[26] Dopo cena, i prigionieri devono seguire corsi di "educazione ideologica" dalle 21 alle 23; in questa fascia oraria vengono altresì puniti i prigionieri che non hanno raggiunto gli obiettivi lavorativi fissati.[12] I prigionieri devono riuscire a ripetere a memoria la lezione impartita; in caso contrario, gli viene impedito di dormire e vengono tagliate le razioni di cibo.[10]

I bambini al mattino frequentano lezioni che si focalizzano sulla storia della Corea del Nord e sulle figure di Kim Il-sung e Kim Jong-il[27] Al pomeriggio tocca anche a loro svolgere mansioni analoghe a quelle degli adulti, ma con orari leggermente ridotti; coloro che non raggiungono gli obiettivi produttivi fissati vengono bastonati.[26]

I bambini fino a 16 anni devono trasportare ogni giorno 12 pesanti tronchi d'albero per 4 km[28] o 30 sacchi di concime pesanti fino a 30 kg.[29] Altri bambini devono raccogliere 20 kg di piante sulle montagne circostanti, oppure coltivare terreni estesi da 130 a 200 m2.[30][31] Al compimento del 16º anno d'età i prigionieri vengono considerati adulti e come tali trattati.[26]

Malnutrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'alimentazione dei prigionieri è scarsa e centellinata.[32] La razione giornaliera oscilla tra 100 e 200 g di cereali bolliti e farinata, serviti tre volte al giorno.[33] Se la resa lavorativa dei carcerati cala, le razioni vengono adeguate al ribasso.[34] I prigionieri poco produttivi o che violano le regole del campo subiscono un ulteriore taglio delle loro razioni, che nei casi estremi vengono del tutto eliminate.[35][36] Per tentare di integrare la dieta, i prigionieri si riducono spesso a mangiare animali selvatici: ratti, serpenti, rane, salamandre, vermi e insetti, cosa egualmente vietata dalle regole del campo[37] e fonte di dure punizioni da parte delle guardie.[38][39] Mangiare animali selvatici è un modo per assumere un minimo di calorie in più, giacché nelle razioni di cibo quotidiane sono del tutto assenti la carne e i grassi alimentari.[16] Altri prigionieri mangiano il cibo destinato agli animali da allevamento[40] o raccolgono pezzi di cibo indigesti dalle feci degli animali stessi.[41]

Un ex prigioniero, Lee Young-kuk, ha affermato che, a fine anni 1990, circa il 20% dei detenuti del campo moriva di malnutrizione ogni anno.[5][33]

Violazione dei diritti umani[modifica | modifica wikitesto]

Torture[modifica | modifica wikitesto]

Stando alle testimonianze degli ex carcerati, a Yodŏk si praticano le seguenti torture:

  • posizione del piccione:[42] le braccia del prigioniero sono legate dietro alla schiena insieme alle gambe, e tramite queste egli viene appeso a pancia in giù al soffitto di una capanna, restando in quella posizione per diversi giorni[43]
  • tortura dell'acqua: il prigioniero viene legato ad un tavolo e gli vengono versati in gola decine di litri d'acqua, fin quasi ad annegarlo[12]
  • immersione: il prigioniero viene tenuto immerso in acqua con un sacchetto di plastica in testa, anche per diverse ore[12]
  • percosse: i prigionieri vengono malmenati ogni giorno, anche senza un motivo evidente.[44][45] Le percosse sono spesso talmente violente da rendere invalidi i carcerati[17] e non risparmiano i bambini.[46][47]

In generale, le guardie possono abusare dei prigionieri a loro piacimento, senza alcuna limitazione.[17][48]

Esecuzioni[modifica | modifica wikitesto]

I prigionieri che violano le regole del campo (per esempio, rubano cibo o tentano di scappare) sono generalmente condannati a morte e giustiziati sommariamente.[44] Le esecuzioni[49] sono molto frequenti ed avvengono davanti agli altri prigionieri.[50][51][52] Le modalità di esecuzione sono varie, le più frequenti sono la fucilazione e il trascinamento del condannato attaccato ad un'autovettura. Coloro che dimostrano di non sopportare la vista delle esecuzioni o protestano per la crudeltà vengono a loro volta uccisi.[17]

Un modo alternativo per uccidere un detenuto è assegnargli lavori assurdi e/o impossibili da attuare, in modo tale da creare un pretesto per tagliargli le razioni di cibo e farlo morire di stenti.[53]

Ai prigionieri rilasciati dal campo è fatto divieto assoluto di rivelare ciò che hanno visto o sperimentato al suo interno, pena la morte.[54]

Abusi sessuali[modifica | modifica wikitesto]

Le donne detenute sono anch'esse totalmente alla mercé delle guardie, che non di rado abusano sessualmente di loro,[17][45] spesso uccidendole dopo la violenza.[55] Le detenute che rimangono incinte vengono in genere spinte ad abortire.[56]

Richieste di chiusura[modifica | modifica wikitesto]

Numerose organizzazioni per la tutele dei diritti umani, prima tra tutte Amnesty International, richiedono da anni la chiusura di questo e degli altri campi di prigionia nordcoreani.[8][57]

Prigionieri[modifica | modifica wikitesto]

  • Kang Chol-hwan (detenuto dal 1977 al 1987) fu imprigionato a 9 anni perché la sua famiglia, rimpatriata dal Giappone, era stata giudicata "politicamente non allineata"[11]
  • An Hyuk (detenuto dal 1987 al 1989) fu imprigionato all'età di 18 anni per aver tentato di fuggire dal paese[26]
  • Kim Tae-jin (detenuto dal 1988 al 1992) fu imprigionato all'età di 18 anni per aver tentato di fuggire dal paese[58]
  • Lee Young-kuk (detenuto dal 1995 al 1999), ex guardia del corpo di Kim Jong-il, fu rapito in Cina e imprigionato per aver abbandonato illegalmente la Corea del Nord ed averla pubblicamente criticata[59]
  • Kim Eun-cheol (detenuto dal 2000 al 2003) fu imprigionato a 19 anni per aver tentato di fuggire dal paese[54] ed essere espatriato clandestinamente con alcuni compatrioti in Russia, che li respinse[60]
  • La cittadina sudcoreana Shin Suk-ja e le figlie Oh Hae-won e Oh Kyu-won (detenute dal 1987, quando le bambine avevano 9 e 11 anni) furono imprigionati dopo che il marito Oh Kil-nam non tornò da un viaggio all'estero[61][62] Kang Chol-hwan e An Hyuk affermano di aver incontrato Shin Suk-ja nel campo[63]
  • Il cittadino sudcoreano Jeong Sang-un (detenuto dal 2010), ex combattente della guerra di Corea mai rimpatriato, fu arrestato all'età di 84 anni per aver tentato di fuggire dal paese[64]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ North Korea: A case to answer – a call to act (PDF), su Christian Solidarity Worldwide, 20 giugno 2007, pp. 25–26. URL consultato il 7 dicembre 2011.
  2. ^ North Korea: A case to answer – a call to act (PDF), su Christian Solidarity Worldwide, June 20, 2007, pp. 44–45. URL consultato il 7 dicembre 2011.
  3. ^ Martin Robinson, Hell on earth': Detailed satellite photos show death camps North Korea still deny even exist, in The Daily Mail, 20 settembre 2011. URL consultato il 15 aprile 2012.
  4. ^ a b The Hidden Gulag – Satellite imagery: Kwan-li-so No. 15 Yodok Partial Overview (PDF), su The Committee for Human Rights in North Korea, p. 197. URL consultato il 14 settembre 2012.
  5. ^ a b c d e f The Hidden Gulag: Testimony Kwan-li-so No. 15 Yodok (PDF), su The Committee for Human Rights in North Korea, pp. 52–56. URL consultato il 14 settembre 2012.
  6. ^ Blaine Harden, North Koreas Hard Labor Camps with interactive map, in Washington Post, July 20, 2009, 20 luglio 2009. URL consultato il 24 novembre 2011.
  7. ^ A Christian Family Detained for life for Praying, su The Daily NK, October 14, 2005. URL consultato il 28 novembre 2011.
  8. ^ a b c End horror of North Korean political prison camps, su Amnesty International, 4 maggio 2011. URL consultato il 22 novembre 2011.
  9. ^ North Korea: Political Prison Camps (PDF), su Amnesty International, 4 maggio 2011. URL consultato il 22 novembre 2011.
  10. ^ a b c Images reveal scale of North Korean political prison camps, su Amnesty International, 3 maggio 2011. URL consultato il 24 novembre 2011.
  11. ^ a b Child prisoner: Kang Chol Hwan, su NBC News, January 15, 2003. URL consultato il 21 novembre 2011.
  12. ^ a b c d e North Korea: Political Prison Camps (PDF), su Amnesty International, 4 maggio 2011. URL consultato il 24 novembre 2011.
  13. ^ Yodok Concentration Camp - North Korea, LiveLeak. URL consultato il 4 dicembre 2013.
  14. ^ a b Inside North Korea's gulag, su The Independent, February 18, 2006. URL consultato il 28 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2010).
  15. ^ Prisoners Forced to Work at a Frozen River during the Winter, su The Daily NK, February 14, 2006. URL consultato il 24 novembre 2011.
  16. ^ a b North Korea's Political Prison Camp, su International Coalition to Stop Crimes against Humanity in North Korea, 13 ottobre 2011. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  17. ^ a b c d e I Was a Prisoner of North Korea’s Political Prison Camp, su Citizens’ Alliance for North Korean Human Rights, December 20, 2007. URL consultato il 28 novembre 2011.
  18. ^ The physical appearance of typical prisoners, su The Daily NK, January 31, 2006. URL consultato il 28 novembre 2011.
  19. ^ Prisoners Forced to Work at a Frozen River during the Winter, su The Daily NK, February 14, 2006. URL consultato il 28 novembre 2011.
  20. ^ Prisoners Harassed by Lice under Extremely Unsanitary Conditions, su The Daily NK, February 23, 2006. URL consultato il 28 novembre 2011.
  21. ^ Speak out for the 50,000 forgotten prisoners of Yodok, North Korea, su Amnesty International Australia, August 9, 2011. URL consultato il 15 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2012).
  22. ^ Prisoners Using Community Toilet, su The Daily NK, February 27, 2006. URL consultato il 28 novembre 2011.
  23. ^ Martin Robinson, 'Hell on earth': Detailed satellite photos show death camps North Korea still deny even exist, in Daily Mail, September 20, 2011, 20 settembre 2011. URL consultato il 7 dicembre 2011.
  24. ^ Concentrations of Inhumanity (p. 47 – 48) (PDF), su Freedom House, May 2007. URL consultato il 28 novembre 2011 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2011).
  25. ^ Survey Report on Political Prisoners’ Camps in North Korea (p. 111 – 112) (PDF), su National Human Rights Commission of Korea, December 2009. URL consultato il 7 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2012).
  26. ^ a b c d Children in North Korean Concentration Camps – 2, su Citizens’ Alliance for North Korean Human Rights, December 20, 2007. URL consultato il 21 novembre 2011.
  27. ^ Survey Report on Political Prisoners’ Camps in North Korea (p. 161 – 172) (PDF), su National Human Rights Commission of Korea, December 2009. URL consultato il 7 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2012).
  28. ^ Inside North Korea's gulag, su The Independent, February 18, 2006. URL consultato il 7 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2010).
  29. ^ Children Routinely Carry Heavy Loads, su The Daily NK, October 26, 2005. URL consultato il 7 dicembre 2011.
  30. ^ Survey Report on Political Prisoners’ Camps in North Korea (p. 156 – 159) (PDF), su National Human Rights Commission of Korea, December 2009. URL consultato il 7 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2012).
  31. ^ Labor of Death, su Citizens’ Alliance for North Korean Human Rights, December 20, 2007. URL consultato il 7 dicembre 2011.
  32. ^ Inside North Korea's labour camps, su Al Jazeera, June 9, 2009. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  33. ^ a b Images reveal scale of North Korean political prison camps, su Amnesty International, 3 maggio 2011. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  34. ^ I Was a Prisoner of North Korea’s Political Prison Camp, su Citizens’ Alliance for North Korean Human Rights, December 20, 2007. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  35. ^ The physical appearance of typical prisoners, su The Daily NK, January 31, 2006. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  36. ^ People I met in No. 15 Camp, su International Coalition to Stop Crimes against Humanity in North Korea, 13 ottobre 2011. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  37. ^ Prisoners Eating Salamanders, Frogs and Anything Else To Stay Alive, su The Daily NK, October 25, 2005. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  38. ^ Prisoners Catching Rats for Survival, su The Daily NK, February 21, 2006. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  39. ^ Children in North Korean Concentration Camps – 2, su Citizens’ Alliance for North Korean Human Rights, December 20, 2007. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  40. ^ Prisoners Eat Pig Slops to Avoid Starvation, su The Daily NK, February 16, 2006. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  41. ^ Political Prison Camps Expand, su Radio Free Asia, May 4, 2011. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  42. ^ 'NK gulags hellish for detainees', su The Korea Times, September 5, 2011. URL consultato il 28 novembre 2011.
  43. ^ Yodok, North Korea – Write for Rights 2011, su Amnesty International USA, November 23, 2011. URL consultato il 28 novembre 2011.
  44. ^ a b Concentrations of Inhumanity (p. 48) (PDF), su Freedom House, May 2007. URL consultato il 28 novembre 2011 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2011).
  45. ^ a b A Well-founded Fear: Punishment and Labor Camps in North Korea, su Human Rights Watch, November 19, 2002. URL consultato il 28 novembre 2011.
  46. ^ A Child Brutally Beaten for a Minor Offense, su The Daily NK, November 2, 2005. URL consultato il 28 novembre 2011.
  47. ^ Cruel Punishment for Children, su The Daily NK, October 30, 2005. URL consultato il 28 novembre 2011.
  48. ^ A Child Kicked into a Dung Bucket and Beaten to Death, su The Daily NK, November 3, 2005. URL consultato il 28 novembre 2011.
  49. ^ My Experience in a Political Prison Camp, su Citizens’ Alliance for North Korean Human Rights, December 20, 2007. URL consultato il 28 novembre 2011.
  50. ^ North Korea: A case to answer – a call to act (PDF), su Christian Solidarity Worldwide, June 20, 2007, pp. 36–37. URL consultato il 7 dicembre 2011.
  51. ^ Survey Report on Political Prisoners’ Camps in North Korea (PDF), su National Human Rights Commission of Korea, December 2009. URL consultato il 6 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2012).
  52. ^ Child prisoner: Kang Chol Hwan, su NBC News, October 28, 2003. URL consultato il 28 novembre 2011.
  53. ^ Mark Tran, North Korean defectors tell of torture and beatings, in The Guardian, November 4, 2009, 4 novembre 2009. URL consultato il 28 novembre 2011.
  54. ^ a b After Repatriation: Three Years in Yodok, su Citizens’ Alliance for North Korean Human Rights, December 20, 2007. URL consultato il 21 novembre 2011.
  55. ^ N. Korean Security Turns to Sexual Abuse, Seduction, su Chosun Ilbo, March 16, 2010. URL consultato il 28 novembre 2011.
  56. ^ Concentrations of Inhumanity (PDF), su Freedom House, May 2007, pp. 53–59. URL consultato il 28 novembre 2011 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2011).
  57. ^ ICNK Letter To Kim Jong Il, su International Coalition to Stop Crimes against Humanity in North Korea, 13 ottobre 2011. URL consultato il 28 novembre 2011.
  58. ^ North Korea Prison Camp Survivors Speak at UN Meeting, su Christian Post, 10. April 2005. URL consultato il 21 novembre 2011.
  59. ^ Donald Macintyre, The Supremo in His Labyrinth, in Time Magazine, February 11, 2002, 18 febbraio 2002. URL consultato il 21 novembre 2011.
  60. ^ Choe Sang-Hun, An escapee tells of life and death in North Korea's labor camps, in The New York Times, May 31, 2007, 31 maggio 2007. URL consultato il 6 dicembre 2011.
  61. ^ Document – North Korea: Summary of Amnesty International's concerns: 2.2 Shin Sook Ja and her daughters, su Amnesty International, October 12, 1993. URL consultato il 21 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2011).
  62. ^ Blaine Harden, A family and a conscience, destroyed by North Korea's cruelty, in Washington Post, February 22, 2010, 22 febbraio 2010. URL consultato il 27 settembre 2011.
  63. ^ 아내·두 딸을 북한에 두고 탈출한 오길남 박사, in Chosun Ilbo, 3 settembre 2009. URL consultato il 25 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2012).
  64. ^ North Korea: Elderly prisoner's life at risk in North Korea: Jeong Sang-un (PDF), su Amnesty International, August 19, 2010. URL consultato il 21 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2010).
  65. ^ The Aquariums of Pyongyang: Ten Years in the North Korean Gulag, su Brothers Judd Book Reviews, July 22, 2005. URL consultato il 24 novembre 2011.
  66. ^ Yoduk Story: Promotion Clip, su yodukstory, 2006. URL consultato il 22 novembre 2011.
  67. ^ Yodok Stories: The Movie, su Piraya Film, 2009. URL consultato il 22 novembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Corea del Nord Portale Corea del Nord: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Corea del Nord