Brave New World (Steve Miller Band)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brave New World
Artista The Steve Miller Band
Tipo album Studio
Pubblicazione giugno 1969
pubblicato negli Stati Uniti
Durata 29:51
Dischi 1
Tracce 9
Genere Rock
Etichetta Capitol Records (SKAO-184)
Produttore Steve Miller e Glyn Johns
Registrazione Hollywood al Sound Recorders (eccetto brano: My Dark Hour)
Londra al Olympic Studios, maggio 1969 (brano: My Dark Hour)
Formati LP
The Steve Miller Band - cronologia
Album precedente
(1968)
Album successivo
(1969)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 4.5/5 stelle[1]
The New Rolling Stone Album Guide 3.5/5 stelle[2]
Sputnikmusic 3.9 (Excellent)[3]
Piero Scaruffi 6/10 stelle[4]
Dizionario del Pop-Rock 3/5 stelle[5]
24.000 dischi 2/5 stelle[6]

Brave New World è un album discografico della Steve Miller Band, pubblicato dalla casa discografica Capitol Records nel giugno del 1969[7].

Il gruppo, orfano dei dimissionari Boz Scaggs e Jim Peterman, cerca di compensare queste defezioni ingaggiando il tastierista Ben Sidran, mentre la seconda chitarra è affidata momentaneamente al produttore Glyn Johns (in alcune parti anche da Lonnie Turner), nell'album compaiono, in un brano ciascuno Nicky Hopkins e sotto lo pseudonimo di Paul Ramon, Paul McCartney.

L'album raggiunse la ventiduesima posizione (26 luglio 1969) della classifica statunitense Billboard 200[8].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. Brave New World – 3:27 (Steve Miller)
  2. Celebration Song – 2:33 (Ben Sidran, Steve Miller)
  3. Can't You Hear Your Daddy's Heartbeat – 2:30 (Tim Davis)
  4. Got Love 'Cause You Need It – 2:28 (Ben Sidran, Steve Miller)
  5. Kow Kow – 4:28 (Steve Miller)
Lato B
  1. Seasons – 3:50 (Ben Sidran, Steve Miller)
  2. Space Cowboy – 4:55 (Ben Sidran, Steve Miller)
  3. LT's Midnight Dream – 2:33 (Lonnie Turner)
  4. My Dark Hour – 3:07 (Steve Miller)

[9]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti aggiunti

Note aggiuntive

  • Steve Miller e Glyn Johns - produttori
  • Registrazione brani effettuate al Sound Recorders di Hollywood, California (eccetto il brano: My Dark Hour)
  • Brano: My Dark Hour, registrato al Olympic Studios di Londra (Inghilterra) nel maggio 1969
  • Glyn Johns - ingegnere delle registrazioni
  • Lockart (Robert Lockart) - design album
  • Ivan Nagy - fotografia[10] [11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jim Newsom, Brave New World, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 9 novembre 2017.
  2. ^ da The New Rolling Stone Album Guide di Nathan Brackett with David Hoard, pagina 543
  3. ^ [1]
  4. ^ [2]
  5. ^ da Dizionario del Pop-Rock di Enzo Gentile & Alberto Tonti, Ed. Baldini & Castoldi, pagina 940
  6. ^ da 24.000 dischi di Riccardo Bertoncelli e Chris Thellung, Zelig Editore, pagina 641
  7. ^ [3]
  8. ^ [4]
  9. ^ Titoli, autori e durata brani ricavati dalle note su vinili dell'album originale, pubblicato dalla Capitol Records, codice SKAO-184: SKAO1-184 (Lato A) / SKAO2-184 (Lato B)
  10. ^ Note di copertina di Brave New World, Steve Miller Band, Capitol Records SKAO-184, 1969.
  11. ^ [5]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock