Border Cave

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Border Cave
Border Cave00.jpg
Panorama dello Swaziland visto da Border Cave
Utilizzo grotta
Epoca 200.000 anni fa
Localizzazione
Stato Sudafrica Sudafrica
Municipalità locale KwaZulu-Natal
Scavi
Date scavi 1940
Archeologo W. E. Barton
Mappa di localizzazione

Coordinate: 27°01′33″S 31°59′20″E / 27.025833°S 31.988889°E-27.025833; 31.988889

Vista del fiume Ingwavuma da Border Cave

Border Cave è una grotta situata sulla scarpata occidentale dei monti Lebombo a KwaZulu-Natal, vicino al confine tra Sudafrica e Swaziland. Border Cave è stata occupata per circa 200 000 anni, e al suo interno sono stati trovati scheletri di homo sapiens assieme ad utensili in pietra e detriti di lavorazoine. La datazione tramite carbonio-14, racemizzazione degli amminoacidi e Risonanza paramagnetica elettronica fa risalire i sedimenti più antichi a circa 200 000 anni fa.[1][2][3][4][5]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Gli scavi effettuati nel 1940 da un certo W. E. Barton dello Swaziland portarono alla luce numerosi frammenti di ossa umane, riconosciute come molto antiche dal professor Raymond Arthur Dart, che visitò il sito nel luglio 1934 svolgendovi solo analisi superficiali. Nel 1941 e nel 1942 una squadra della University of the Witwatersrand svolse analisi più approfondite. I successivi scavi degli anni settanta di Peter Beaumont furono molto proficui. Il sito rivelò la presenza non solo dello scheletro completo di un bambino, ma anche dei resti di almeno cinque Hominini adulti. Furono recuperati anche oltre 69000 artefatti, ed i resti di oltre 43 specie di mammiferi, tre dei quali oggi estinti.[6]

Nella grotta fu recuperato anche il cosiddetto "osso di Lebombo", il più antico artefatto conosciuto. Datato a 35000 anni fa, è un piccolo pezzo di perone di babbuino inciso con 29 tacche, simile ai calendari usati dai San della Namibia.[7] I resti animali rinvenuti nella caverna mostrano che i primi abitanti seguivano una dieta a base di potamoceri, facoceri, zebre e bufali neri.[8] Tra i materiali grezzi utilizzati per la creazione di artefatti vi sono selci, riolite, quarzo e calcedonio, oltre a ossa, legno e conchiglie di ostriche.

La parete esterna occidentale della grotta, vicina al fiume Ingwavuma, si trova 100 metri sotto il crinale dei monti Lebombo, ed offre una vista che spazia sullo Swaziland. La grotta ha una sezione orizzontale semicircolare con un raggio di circa 40 metri, ed è formata da lava del giurassico.[9][10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rainer Grün e Peter Beaumon, Border Cave revisited: a revised ESR chronology, in Journal of Human Evolution, vol. 40, nº 6, 2001, pp. 467–482, DOI:10.1006/jhev.2001.0471, PMID =11371150.
  2. ^ Border Cave (South Africa), archaeology.about.com. URL consultato il 14 gennaio 2010.
  3. ^ R Grün, PB Beaumont e CB Stringer, ESR dating evidence for early modern humans at Border Cave in South Africa, in Nature, vol. 344, nº 6266, 1990, pp. 537–539, DOI:10.1038/344537a0, PMID 2157165.
  4. ^ M.I. Bird, L.K. Fifield, G.M. Santos, P.B. Beaumont, Y. Zhou, M.L. di Tada e P.A. Hausladen, Radiocarbon dating from 40 to 60 ka BP at Border Cave, South Africa, in Quaternary science reviews, vol. 22, 8–9, 2003, pp. 943–947, DOI:10.1016/S0277-3791(03)00005-2.
  5. ^ Matt Cartmill, Fred H. Smith e Kaye B. Brown, Out of East Africa: Early Modern People in northern and southern Africa, in The Human Lineage, John Wiley and Sons, 30 marzo 2009, ISBN 978-0-471-21491-5.
  6. ^ H. B. S. Cooke, B. D. Malan e L. H. Wells, Fossil Man in the Lebombo Mountains, South Africa: The 'Border Cave,' Ingwavuma District, Zululand, in Man, vol. 45, 1945, pp. 6–13, DOI:10.2307/2793006, JSTOR 2793006.
  7. ^ David J. Darling, The universal book of mathematics: from Abracadabra to Zeno's paradoxes, John Wiley and Sons, 2004, ISBN 978-0-471-27047-8.
  8. ^ Border Cave opens for visitors, southafrica.info, 15 gennaio 2004. URL consultato il 14 gennaio 2010.
  9. ^ Border Cave, Google Docs. URL consultato il 14 gennaio 2010.
  10. ^ K. W. Butzer, P. B. Beaumont e J. C. Vogel, Lithostratigraphy of Border Cave KwaZulu, South Africa: a Middle Stone Age Sequence Beginning c. 195,000 B.P, in Journal of Archeological Science, vol. 5, nº 4, 1978, pp. 317–341, DOI:10.1016/0305-4403(78)90052-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Archeologia Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di archeologia