Boca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Boca (disambigua).
Boca
comune
Boca – Stemma Boca – Bandiera
Boca – Veduta
Scorcio dell'abitato
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Novara-Stemma.svg Novara
Amministrazione
Sindaco Gianfranco Basile (Comm. pref.) dal 31 maggio 2017
Territorio
Coordinate 45°41′N 8°25′E / 45.683333°N 8.416667°E45.683333; 8.416667 (Boca)Coordinate: 45°41′N 8°25′E / 45.683333°N 8.416667°E45.683333; 8.416667 (Boca)
Altitudine 389 m s.l.m.
Superficie 9,61 km²
Abitanti 1 240[1] (30-4-2017)
Densità 129,03 ab./km²
Frazioni Baraggia, Borzighella, Fuino, Marello, Pianorosa, Ronchetto, Rogiotto
Comuni confinanti Cavallirio, Cureggio, Grignasco, Maggiora, Prato Sesia, Valduggia (VC)
Altre informazioni
Cod. postale 28010
Prefisso 0322
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 003019
Cod. catastale A911
Targa NO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti bochesi
Patrono san Gaudenzio
Giorno festivo 22 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Boca
Boca
Sito istituzionale

Boca (Bòca in piemontese e in lombardo) è un comune italiano di 1.240 abitanti della provincia di Novara, in Piemonte. È conosciuta per la produzione dell'omonimo vino DOC e per il Santuario del SS. Crocefisso, progettato dall'architetto Alessandro Antonelli. L'area collinare a nord-ovest del paese dal 1987 fa parte del Parco naturale del Monte Fenera.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi abitanti della zona furono i Liguri. Ad essi subentrarono, nel V secolo a.C., i Celti, quindi le legioni romane che sterminarono i Cimbri che erano calati nelle valli alpine. La decadenza dell'Impero Romano d'Occidente e le invasioni barbariche cancellarono tutti gli sforzi dei colonizzatori romani. Una relativa tranquillità ritornò attorno al 600 d.C. con l'avvento dei Longobardi che, divenuti padroni indiscussi dell'Italia Settentrionale, si proposero di riportare il lavoro nelle campagne rimaste per molto tempo incolte. I territori furono alle dipendenze dei Conti di Biandrate che nel 1217 li cedettero ai Vercellesi, i quali li concessero poi in feudo ai Signori Gozzo, Ottone e Corrado di Biandrate. All'inizio del XVI secolo passò ad Anchise Visconti d'Aragona. Poi per tutto il XVI secolo e oltre la metà del XVII, con diploma del gennaio 1697, passò al Marchese Ferdinando Rovida e a questa famiglia rimase per tutto il restante periodo dell'epoca feudale, tanto che sullo stemma adottato dal Comune figurano tre ruote, emblema del casato. Boca subì in seguito la dominazione spagnola ed austriaca, per poi passare alla casa Savoia, salvo per la breve parentesi della conquista napoleonica.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Santuario del Crocefisso (Boca).

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]


Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Fiere[modifica | modifica wikitesto]

  • Tra maggio e giugno di ogni anno "Mostra del vino Boca D.O.C. e vino locale" (prima edizione nel 1971), con degustazione di vino Boca D.O.C., prodotto nella zona omonima.
  • L'8 dicembre il Comune e la Pro Loco organizzano dal 2004 il Mercatino di Natale.

Giostra delle Botti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2007 al 2012 si è tenuta la "Giostra delle Botti", una gara tra le quattro Contrade del paese (S.Gaudenzio - S.Grato - Madonna della neve - S.Rocco). Si correva nel centro storico, su un percorso a forma di 8 dove partendo dallo stesso punto ma in direzioni diverse, due per volta, le contrade si fronteggiavano fino ad arrivare sull'arrivo da direzioni opposte. Da qui il nome di Giostra, che ricorda le Giostre delle quintane medievali. Si utilizzavano botti tonneau da 550 litri.

  • Edizione 2007 vinta dalla Contrada San Gaudenzio.
  • Edizione 2008 (luglio) vinta dalla Contrada San Gaudenzio.
  • Edizione 2009 vinta dalla Contrada San Gaudenzio.
  • Edizione 2010 vinta dalla Contrada San Grato.
  • Edizione 2011 vinta dalla Contrada San Grato.
  • Edizione 2012 vinta dalla Contrada Madonna della Neve.

La stessa corsa si è svolta anche a settembre 2008 in occasione della "Festa dell'uva" alla sua 9 edizione. La päza (lo straccio) è un drappo dipinto e veniva assegnato ai vincitori.

Festa dell'uva[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2008 al 2012 è stata ripresa, dopo circa 78 anni di fermo, la "festa dell'uva di Boca": sfilata di carri a tema vendemmiale.

Persone legate a Boca[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
12 dicembre 1986 31 maggio 1990 Franco Bisetti Partito Comunista Italiano Sindaco [3]
26 giugno 1990 24 aprile 1995 Franco Barbaglia Democrazia Cristiana Sindaco [3]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Franco Barbaglia centro-destra Sindaco [3]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Franco Barbaglia lista civica Sindaco [3]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Mirko Mora lista civica Sindaco [3]
8 giugno 2009 27 maggio 2014 Mirko Mora lista civica Sindaco [3]
27 maggio 2014 1º giugno 2015 Anna Laurenza Comm. pref. [3]
1º giugno 2015 31 maggio 2017 Pierangelo Puricelli lista civica: nuova Boca Sindaco [3]
31 maggio 2017 in carica Gianfranco Basile Comm. pref. [3]

Dialetto bochese[modifica | modifica wikitesto]

  • Cumun da Boca ( Pruincia da Nuara ) - dialetto = Lumbard ucidental
Bochese Bochese Bochese
________ ________ ________
la cumun la smana una cadrag
la pruincia Lundas la cadesü
el scingu Vandri futugrafii
la scoli Sabat el tarabüt
el risturant Dumenga el macare
el marcatin Mag
el albu Giugn la cuçina
Lui el formag
Satembri la uga
la campiunà Discembri tartufi
la façta autun la päza

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN248712363
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte