Bilbolbul

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il festival internazionale di fumetto che si tiene a Bologna, vedi Bilbolbul Festival internazionale di fumetto.
Bilbolbul
Universo Corriere dei piccoli
Lingua orig. Italiano
Autore Attilio Mussino
Sesso Maschio
Luogo di nascita Africa
Data di nascita 27 dicembre 1908

Bilbolbul è un fumetto creato da Attilio Mussino considerato convenzionalmente il primo fumetto italiano. La serie veniva pubblicata sul Corriere dei piccoli, e comparve fin dal primo numero il 27 dicembre 1908.

La serie prende il nome dal protagonista, Bilbolbul, un bambino africano che vive piccole avventure surreali e strane nel suo villaggio in Africa settentrionale, nel territorio della Tripolitania, in quel periodo colonia italiana. La caratteristica principale del bimbo era la peculiare abilità di adeguarsi fisicamente alle metafore con cui venivano narrate e commentate le sue gesta:[1] quindi cambiava spesso colore, diventando rosso per la vergogna o verde di rabbia, per aguzzare l'ingegno faceva uso di un tornio, riusciva, con un gesto degno del miglior illusionista, a farsi realmente in quattro e così via. Queste metafore erano i commenti in rima che comparivano sotto la vignetta: i fumetti di allora, infatti, non avevano ancora le caratteristiche nuvolette attraverso le quali avvengono i dialoghi, ma la storia veniva narrata da un narratore esterno, spesso attraverso delle filastocche in rima.

La manifestazione di Bologna dedicata ai fumetti, la cui prima edizione si è svolta nel 2007, omaggia il personaggio di Mussino intitolandosi ad esso: Bilbolbul Festival internazionale di fumetto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ B. P. Boschesi, Manuale dei fumetti, Arnoldo Mondadori Editore, 1976, pp. 26, 27.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti