Bhairava

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kala Bhairava presso Kathmandu, Nepal

Bhairava (in Sanscrito, "Terribile, spaventoso")[1] a volte conosciuto come Kala Bhairava è una divinità hindu, feroce manifestazione di Shiva associata all'annientamento[2][3]. Egli è spesso raffigurato con volto accigliato, occhi arrabbiati, denti di tigre nitide e capelli fiammeggianti; completamente nudo eccetto una ghirlanda di teschi e un serpente arrotolato al collo. Nelle sue quattro mani porta un cappio, il tridente, un tamburo, e un cranio. Egli è spesso raffigurato con un enorme cane quale propria cavalcatura[4][5]. Ha avuto origine nella mitologia induista ed è una divinità sacra per gli indù, i buddisti e i giainisti. È adorato in Nepal e negli stati indiani del Rajasthan, del Karnataka, del Tamil Nadu e del Uttarakhand.

Leggende[modifica | modifica wikitesto]

L'origine di Bhairava può essere ricondotta a una conversazione tra Brahmā e Vishnu raccontata nello Shiva Purana, in cui Vishnu chiede di Brahma: "Chi è il creatore supremo dell'Universo?". Arrogantemente, Brahma rispose a Visnu di adorarlo come Creatore Supremo. Un giorno di Brahma pensò: "Ho cinque teste, Shiva ha anche cinque teste. Posso fare tutto quello che fa Shiva e perciò io sono Shiva". Brahma così era diventato un po' egoista, iniziando persino a fare il lavoro di Shiva interferendo nelle mansioni di Shiva. Poi Mahadeva (Shiva) ha gettato un piccolo chiodo dal dito, che ha assunto la forma di Kala Bhairava che casualmente è andato a tagliare la testa di Brahma. Il cranio di Brahma così verrà detenuto nelle mani di Kala Bhairava; Brahma Kapala nelle mani di Kala Bhairava e Brahma dell'Io è stato distrutto divenendo illuminato. Nella forma del Kaala Bhairava, Shiva si dice che sia la guardia ciascuno di questi Shaktipeeth. Ogni tempio Shaktipeeth è accompagnato da un tempio dedicato a Bhairava.

Bhairava si mostra secondo otto manifestazioni cioè Ashta Bhairava:

  • Asithaanga Bhairava
  • Ruru Bhairava
  • Chanda Bhairava
  • Krodha Bhairava
  • Unmattha Bhairava
  • Kapaala Bhairava
  • Bheeshana Bhairava
  • Samhaara Bhairava

Kala Bhairava è concettualizzato come il Guru della divinità planetaria Shani (Saturno). Bhairava è conosciuto come Bhairavar o Vairavar in lingua tamil dove è spesso presentato come un Grama deva o tutore del villaggio che salvaguarda il devoto su tutte le otto direzioni (Ettu tikku). Conosciuto in lingua cingalese come Bahirawa, egli protegge i tesori. Bhairava è la principale divinità venerata dagli Aghori.

Lavori[modifica | modifica wikitesto]

Shri Swarna Kala Bhairava consacrata a Kaga Ashram, Thiruvannamalai, India

I suoi templi e i santuari sono presenti all'interno o in prossimità delle principali Jyotirlinga dei templi, i sacri dodici santuari dedicati a Shiva in tutta l'India, tra cui il Tempio Kashi Vishwanath a Varanasi e il Tempio Mahakaleshwar a Ujjain, dove Bhairav è adorato dalla Kapalika e Aghori le sette dello Shivaismo, qui si può anche trovare le Patal Bhairav e Vikrant Bhairav i santuari.[6][7]

Templi Kaal Bhairava si possono trovare anche in giro Shakti Peetha, come è detto Shiva ha assegnato il compito di custodire ciascuno dei 52 Shakti Peetha a ogni Bhairava. Così ci sono 52 forme di Bhairava, che sono di fatto considerate come un manifestazione di Shiva stesso.

Tradizionalmente Kal Bhairav è il Grama deva nei villaggi rurali di Karnataka, Maharashtra e Tamil Nadu, dove è indicato come "Bhaivara / Annadhani" Vairavar . In Karnataka come Signore Bhairava è il Dio supremo per la comunità, comunemente indicato come "Gowdas", soprattutto per la casta Gangadikara Gowda è considerato come il custode e il punitore.

Il riformatore indù Adi Sankara ha scritto un inno su Kala Bhairava di Kashi, che si chiama come Kala Bhairav Ashtakam[8].

Osservanze[modifica | modifica wikitesto]

Bhairava Ashtami per commemorare il giorno Kal Bhairav apparso sulla terra, si celebra il Krishna paksha Ashtami del mese Margashirsha di calendario indù con un giorno di preghiere speciali e riti.[9]

A Bhaktapur ogni anno in occasione del Bisket Jatra si celebra anche una festa in onore di Bhairava trascinando un carro per le vie della città.

Templi[modifica | modifica wikitesto]

Bhairava è un importante divinità Newari. In tutti gli insediamenti tradizionali Newari hanno almeno un tempio di Bhairava. La maggior parte dei templi di Bhairava sono in Nepal e mantenuti da sacerdoti Newari.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Apte, p. 727, Colonna a sinistra
  2. ^ Kramrisch, p. 471
  3. ^ Madan Gopal, India through the ages, a cura di K.S. Gautam, Publication Division, Ministry of Information and Broadcasting, Government of India, 1990, p. 76.
  4. ^ Sunil Sehgal, Encyclopaedia of Hinduism: C-G, Volume 2, Sarup & Sons, 1999, pp. 491–492, ISBN 978-81-7625-064-1.
  5. ^ Copia archiviata, su philhine.org.uk. URL consultato il 13 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2015).
  6. ^ Sunita Pant Bansal, Hindu Pilgrimage: A Journey Through the Holy Places of Hindus All Over India, Pustak Mahal, 2008, ISBN 81-223-0997-6.
  7. ^ Diana L. Eck, Banaras: City of Light, Taylor & Francis, 1982, pp. 192–3, ISBN 0-7102-0236-9.
  8. ^ Hindu Bhakti, su hindubhakti.blogspot.com. URL consultato il 14 aprile 2015.
  9. ^ Dr. Bhojraj Dwivedi, Religious Basis Of Hindu Beliefs, Diamond Pocket Books (P) Ltd., 2006, p. 172, ISBN 81-288-1239-4.
  10. ^ Bhairav Temple – Lord Bhairo Baba, su shaligramrudraksha.com. URL consultato il 14 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2015).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN72197858 · LCCN (ENsh85013527 · GND (DE119158485 · CERL cnp00548756 · WorldCat Identities (EN72197858
Induismo Portale Induismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di induismo