Bernardo Cennini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Bernardo Cennini

Bernardo Cennini (Firenze, 2 gennaio 1415Firenze, 1498) è stato un orafo e tipografo italiano, tra i primissimi utilizzatori della stampa in Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver lavorato con Lorenzo Ghiberti alle porte del Battistero di Firenze, in particolare alla Porta del Paradiso, fu tra i primi ad applicarsi all'arte della stampa a caratteri mobili inventata da Johannes Gutenberg a Magonza, di cui dedusse le tecniche senza apprenderle da alcun tipografo straniero ma solo analizzando il prodotto finale, ovvero i libri[1].

Tra il novembre 1471 e il 7 ottobre 1472 con l'aiuto del figlio Pietro pubblicò il primo libro stampato a Firenze: le Explanationes in Maronis Bucolica Georgica Aeneidis libros (o Commentarii in Vergilii opera) di Servio Mauro Onorato[2]. Fu l'unico volume da lui impresso[3].

Nell'oreficeria collaborò anche con Verrocchio, col Pollaiuolo e con Michelozzo in particolare nei rilievi del dossale argenteo del battistero.

Una sua statua si trova in una nicchia della Loggia del Mercato Nuovo a Firenze.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Manzoni, pp. 277-279.
  2. ^ Manzoni, pp. 241-249.
  3. ^ Manzoni, pp. 281-286.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3365362 · ISNI (EN0000 0000 6629 345X · BAV 495/18304 · CERL cnp00459909 · Europeana agent/base/7619 · ULAN (EN500111484 · LCCN (ENn95086212 · GND (DE122864816 · J9U (ENHE987007449199605171 · WorldCat Identities (ENlccn-n95086212