Bentivegna de' Bentivegni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bentivegna de Bentivegni, O.Min.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Chiostro di ognissanti, personalità francescane 07 Bentivegna de Bentivenghi.JPG
CardinalCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti
Nato prima del 1230
Creato cardinale 12 o 13 marzo 1278 da papa Niccolò III
Deceduto 25 marzo 1290

Bentivegna de Bentivegni, o de Bentivenghi o Bentivegna (Acquasparta, 1230 ante – Todi, 25 marzo 1290), è stato un francescano, vescovo cattolico e cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato ad Acquasparta, entrò nell'Ordine dei francescani in giovane età. Nel 1259 divenne direttore dell'Ospedale di Todi, gestito dai francescani. Fu cappellano confessore del cardinale Giovanni Gaetano Orsini, il futuro papa Nicola III. Divenne famoso come predicatore. Nel 1276 fu eletto vescovo di Todi. Papa Niccolò III nel concistoro del 12 marzo 1278 lo creò cardinale vescovo di Albano e il 25 settembre 1279 grande penitenziere.

Fu coinvolto nella redazione del decreto Exiit qui seminat di Niccolò III.

Fu decano del Sacro Collegio a partire dal dicembre 1285. Morì a Todi il 25 marzo 1290 e la sua salma fu inumata nella chiesa di San Fortunato a Todi.

Egli è ricordato come l'autore di una raccolta di sermoni e un Veritatis Theologicae Volumen, entrambi scomparsi.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo cardinalato partecipò alla seguenti elezioni pontificie:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Remigio Ritzler, I cardinali e i papi dei Frati Minori Conventuali, in "Miscellanea francescana", 71 (1971) 12-13

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]