Battaglia della Morava

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia della Morava
Data14 ottobre - 9 novembre 1915
LuogoFronte compreso tra Leskovac e Negotin, Serbia.
EsitoVittoria bulgara
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
1ª Armata bulgara (totale: 195 620 uomini):
  • 116 569 fucilieri
  • 108 mitragliatrici
  • 422 cannoni[1]
2ª Armata serba (totale: 5 divisioni):
  • circa 90 000 fucilieri
  • 94 mitragliatrici
  • 248 cannoni[2]
  • Perdite
    1 906 morti
    10 637 feriti
    925 dispersi in azione[3]
    6 000 uomini
    60 cannoni
    Voci di battaglie presenti su Wikipedia

    La battaglia della Morava (in bulgaro, Моравска настъпателна операция) fu un'offensiva condotta dalla 1a Armata bulgara tra il 14 ottobre e il 9 novembre 1915. Questo scontro fece parte dell'insieme di battaglie che viene comunemente indicato con il nome "campagna di Serbia". La 1a Armata era una delle componenti del gruppo di armate del feldmaresciallo August von Mackensen che nel 1915 attaccò il Regno di Serbia. Sotto il comando del tenente generale Kliment Boyadzhiev, i Bulgari conquistarono le aree fortificate di Pirot, di Niš e della valle del fiume Morava. Risultò così obbligatorio per le forze serbe ritirarsi verso il Kosovo.

    All'inizio della battaglia, a causa del clima ostile e del terreno molto accidentato, i Bulgari avanzarono molto lentamente. Nonostante avessero incontrato una resistenza disperata da parte dei difensori, gli attaccanti sfondarono le linee nemiche in 10 giorni nelle vicinanze di Pirot ed i Serbi si ritirarono oltre il Timok, inseguiti dalla 1a Armata bulgara.

    La battaglia continuò per altri 27 giorni, durante i quali i Bulgari riuscirono a penetrare per circa 90 km in territorio nemico. I Serbi perdettero circa 6 000 uomini, 60 cannoni e una gran quantità di equipaggiamenti militari.

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ Българската армия в Световната война, vol. II , pp.892-905; Държавна печатница,София 1938
    2. ^ Българската армия в Световната война, vol. II , pp.918-921; Държавна печатница,София 1938
    3. ^ Българската армия в Световната война, vol. IV , pag. 1028; Държавна печатница,София 1940

    Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

    • Атанас Пейчев и колектив, 1300 години на стража, Военно издателство, София 1984.