Banu Jurhum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

I Banū Jurhum (in arabo: ﺑﻨﻮ ﺟﺮﻣﻢ‎) sono stati una tribù operante nella Penisola arabica in età preislamica, e più specificamente nella regione del Hijaz e a Mecca.

Origine[modifica | modifica sorgente]

La tradizione - registrata in età islamica (quindi con tutta l'inaffidabilità che inevitabilmente trascina con sé una tradizione orale messa, tardivamente, per iscritto), fa risalire la loro origine a un'imprecisata epoca remota e collega il gruppo al Patriarca Ismāʿīl che, per la Bibbia e per lo stesso Corano, viene indicato come il progenitore degli Arabi, in quanto frutto dell'unione tra il Patriarca Ibrāhīm e la sua schiava Hāgar.

Allontanata da Abramo/Ibrāhīm nel deserto arabo, Hāgar si poté tuttavia riunire più tardi, secondo il Corano, al padre del loro figlio, Ismaele/Ismāʿīl e insieme i due dettero tra l'altro avvio alla costruzione della Kaʿba, mentre Ismaele/Ismāʿīl sposava la figlia del capo della tribù locale dei Jurhum, diventando signore del Ḥijāz e di Mecca.

Si vuole che la dominazione della sua discendenza (detta "ismaelita") finisse nel momento in cui nell'area giunsero i Banū Khuzāʿa, una branca della più estesa tribù araba degli Azd, che si fusero in parte con essi, finendo però col cacciarli dalle loro terre.