Bandiera dei talebani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
د طالبانو رپی
د طالبانو رپی
Proporzioni2:3
Simbolo FIAVBandiera di guerra
ColoriRGB

     (R:255 G:255 B:255)

     (R:0 G:0 B:0)

UsoBandiera nazionale (1996-2001)
Bandiera militare (1994 - oggi)
TipologiaStendardo
Adozione1994 (de facto)
1996 (de iure)
NazioneFlag of the Taliban.svg Emirato Islamico dell'Afghanistan
EnteTalebani
Altre bandiere ufficiali
Versione originale bianca.Versione originale bianca. Bandiera di guerra

La bandiera dei Talebani è il simbolo dell'organizzazione jihadista dei Talebani: seguendo le alterne fortune del gruppo, è stata bandiera militare durante le guerre afghane del 1992-1996 e del 2001-2021 e bandiera nazionale dell'Emirato Islamico dell'Afghanistan fino al 2001 ed in quello del 2021.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima versione della bandiera compare nel 1994[1], durante la guerra civile del 1992-1996, come semplice stendardo bianco, identico a quello utilizzato degli antichi Omayyadi; nel 1997, con la vittoria dei Talebani e l'istituzione dell'Emirato islamico dell'Afghanistan,[1] essa diventa bandiera di Stato ed è modificata con l'aggiunta della shahādah, in nero con calligrafia thuluth. In questa forma continua a essere usata come vessillo militare durante la guerra del 2001-2021 ed è innalzata durante l'effimera riconquista di Konduz del 2015;[2][3] dopo la caduta di Kabul è stata innalzata in varie parti del Paese.[4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Thomas Ruttig, Il Libro dell'Anno 2001, 2001.
  2. ^ Afghanistan, talebani issano bandiera nella piazza principale di Kunduz, su repubblica.it, 28 settembre 2015.
  3. ^ Afghanistan, esercito riprende controllo centro Kunduz da talebani, su it.reuters.com, 1º ottobre 2015. URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2016).
  4. ^ As world marks 9/11, Taliban flag raised over seat of power, su pbs.org, 11 settembre 2021.
  5. ^ Taliban flags proliferate as Afghan tricolour becomes resistance symbol, su france24.com, 23 agosto 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]